SUPSI
CANTONE
18.05.21 - 06:000
Aggiornamento : 10:04

Microbi magici made in Val di Blenio, una soluzione all’inquinamento

Scoperti dalla SUPSI dei batteri acquiferi che assorbono e neutralizzano metalli tossici.

L'interesse del progetto di ricerca, oltre che ambientale, sarebbe anche economico, perché i materiali preziosi possono poi essere recuperati.

LUGANO/BLENIO - Una sorgente dalle acque turchese vivo. Una possibile rivoluzione scientifica in campo ambientale, e tutta ticinese. Viene infatti dalla Val Camadra, non lontano da Olivone, la scoperta frutto di una ricerca condotta dalla SUPSI: in una sorgente sono stati individuati dei microrganismi che assorbono metalli tossici per l’ambiente. E che potrebbero quindi aiutare a ripulire i corsi d’acqua. 

Supermicrobi - Questi batteri, spiega il ricercatore del Laboratorio di Microbiologia della SUPSI Antoine Buetti, sono stati identificati grazie alle nuove tecnologie di sequenziamento del DNA e della bioinformatica. Si tratta di organismi che sopravvivono e proliferano in acque nelle quali sostanze come rame, litio e manganese sono presenti in maniera del tutto naturale, perché derivanti dalle rocce. Non è però così nei corsi d’acqua inquinati, che vengono contaminati dall’industria. Un problema che tocca il mondo intero, e al quale i batteri bleniesi potrebbero apportare una parte di soluzione.

Concretamente - Le possibili strade da seguire sarebbero due, chiarisce Buetti: «Si potrebbe introdurre i microbi risananti direttamente negli ambienti inquinati, oppure prelevare l’acqua viziata e trattarla con i microrganismi prima di reimmetterla nell’ambiente». 

Anche di interesse economico - Questi metalli, che rimangono di valore, non andrebbero inoltre buttati: «Si possono estrarre direttamente da questi batteri, che li accumulano dentro di loro, quindi il progetto ha un’attrattività, oltre che sul piano ambientale, anche su quello economico», conclude Buetti.

TOP NEWS Ticino
MURALTO/LUGANO
57 min
Spese folli, e pagava sempre lei
Processo per il delitto in hotel: ripercorse le ultime ore della "strana coppia". La cena, la discoteca, la cocaina.
CANTONE
2 ore
I tatuaggi, il lusso, il sesso, gli scatti d'ira e quella ragazza con tanti soldi
Morte in hotel: il 32enne accusato di avere ucciso una giovane inglese è davanti alla Corte delle assise criminali.
CANTONE
3 ore
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
4 ore
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
6 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
7 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
7 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
13 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
16 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile