Deposit
CANTONE
18.05.21 - 08:010

Permesso di dimora al badante, un tempo rapinatore

Il Tribunale federale sconfessa il Tram e il Consiglio di Stato che avevano fatto obbligo al 50enne di lasciare il Paese

Per i giudici di Losanna «si tratta di reati molto lontani nel tempo», inoltre da quando nel 2011 il cittadino italiano ha iniziato in Ticino a lavorare ha tenuto un «comportamento irreprensibile»

BELLINZONA - Il badante, che a vent’anni faceva il rapinatore, ha diritto di restare nel nostro cantone. Così ha stabilito, lo scorso 29 aprile, il Tribunale federale, dando torto all’autorità ticinese che aveva negato il permesso di dimora a un cittadino italiano, oggi over50, decretandone anche l’obbligo di lasciare la Svizzera. 

Violata la libera circolazione - Secondo la massima istanza elvetica, invece, il Dipartimento delle istituzioni prima e, in corso d'iter, il Consiglio di Stato e il Tribunale cantonale amministrativo (Tram) hanno violato le disposizioni dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone. I giudici di Losanna hanno infatti tenuto conto del «comportamento irreprensibile» del ricorrente da quando ha iniziato a lavorare in Svizzera come manovale nel 2011.

La fedina pesante - Prima… un disastro come attestano i precedenti penali inanellati dall'uomo in Italia: tra cui spicca la condanna a 5 anni e 8 mesi per tentato omicidio e tentata rapina, reati commessi nel lontato 1989; 2 anni e 2 mesi per rapina e lesione personale, reati risalenti al 2003; 80 giorni di arresto per guida in stato di ebbrezza, reato compiuto nel 2009.

Il Tf: «Reati lontani» - Di che far ribollire le busecche all’autorità cantonale. Ma per il TF «si tratta di condanne relative a reati molto lontani nel tempo», e inoltre «l’effetto dissuasivo delle condanne pronunciate in passato nei confronti dell’insorgente pare essere stato raggiunto». Di conseguenza, «non può essere ritenuto che il ricorrente costituisca una minaccia reale e attuale per l’ordine pubblico».

Cosa fa un lavoratore - Neppure è stato ritenuto valido dai giudici l’argomento principale sul quale l’autorità ticinese aveva fondato il suo rifiuto del permesso di soggiorno. Ossia il fatto che le attività lavorative invocate dal 50enne erano «svolte durante poche ore settimanali» e gli procuravano una «esigua remunerazione» (tra l’attività di badante e quella di aiuto domiciliare il ricorrente ha dichiarato un salario complessivo lordo di poco superiore ai 1’700 franchi mensili). Tuttavia, secondo il Tribunale federale, in base al grado di occupazione totale di 18 ore settimanali, l’uomo va considerato a tutti gli effetti «un lavoratore». Da qui la violazione, da parte del Tram dell’articolo 6 dell’Accordo sulla libera circolazione e l’obbligo allo Stato del Cantone Ticino di versare un’indennità di 2’000 franchi al ricorrente. Oltre, beninteso, a rilasciargli un permesso di soggiorno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
LOCARNO
16 ore
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
18 ore
Si scontra con un'auto, ferito uno scooterista
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla strada cantonale di Riazzino.
CANTONE
19 ore
Battezzato il nuovo Giruno Ticino
L'evento si è svolto questa mattina alla presenza delle autorità cantonali, tra cui Claudio Zali e Nicola Pini.
CANTONE
23 ore
Philipp Plein doppiamente nei guai
L'ispettorato del lavoro e una società italiana hanno presentato due denunce penali al Ministero pubblico
CANTONE
23 ore
Un altro giorno senza decessi, i casi sono tre
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da ormai due settimane.
CANTONE
1 gior
«Il certificato Covid non deve diventare un mostro burocratico»
HotellerieSuisse accoglie con favore il ripristino della libertà di viaggiare.
CANTONE
1 gior
Ritrovata la coppia scomparsa
Marito e moglie stanno bene, erano a Locarno.
LUGANO
1 gior
Subappalti “carpiati”, 5 mesi senza appalti a chi costruì il Campus di Viganello
La decisione di oggi delle autorità nei confronti della Garzoni SA ma per il sindacato è una pena troppo lieve
LUGANO
1 gior
Aeroporto, dopo il ricorso l'alleanza
Unione strategica fra i gruppi “Team LUG” e “Northern Lights AG”
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile