Ti-Press / Alessandro Crinari
Annamaria Astrologo, responsabile accademica di O-TiCO
CANTONE
12.05.21 - 15:310

Occhi puntati sulle mafie... in Ticino

Presentato l'Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata, attivo in seno all'Università della Svizzera italiana

A disposizione dei ricercatori un vasto archivio che comprende la raccolta degli atti giudiziari dagli anni '70 delle inchieste legate al nostro cantone. Le vicende repertoriate finora sono quasi un centinaio, per un totale di oltre 400 nomi.

BELLINZONA - È un fenomeno tanto radicato, quanto discreto. E proprio questa brama di discrezione è stata la molla per la nascita dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata (O-TiCO). L’allarme non è di ieri, già nel dicembre 2019 il Dipartimento federale di giustizia e polizia aveva sottolineato che «le mafie italiane rappresentano attualmente una minaccia considerevole per la Svizzera».

Da qui l’iniziativa, presentata proprio stamane a Lugano, per la creazione di un Osservatorio, in seno all’Istituto di diritto dell’Università della Svizzera italiana. L’O-TiCO è stato sviluppato in collaborazione con la Radiotelevisione svizzera (RSI), Annamaria Astrologo è la responsabile accademica, mentre il giornalista Francesco Lepori ne è il responsabile operativo. 

Le carte sulle mafie - L’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata, attivo dal 1. gennaio, ha sede nel Campus Ovest dell’USI a Lugano e offre a studenti e ricercatori la possibilità di consultare il proprio archivio, che contempla una raccolta dagli anni settanta degli atti giudiziari delle inchieste legate al Ticino, e dal 2010 degli atti giudiziari delle inchieste riguardanti il resto della Svizzera. Le vicende repertoriate fino ad ora sono quasi un centinaio, per un totale di oltre 400 nomi. Ogni dossier è composto da atti giudiziari, articoli di stampa, servizi televisivi e radiofonici, fotografie e altro materiale. 

Le attività pubbliche - L’Osservatorio punta anche a organizzare diverse attività di carattere formativo e divulgativo destinate, da una parte, a individuare le questioni problematiche di carattere sostanziale e processuale, offrendo al contempo possibili soluzioni in una prospettiva di riforma normativa e, d’altra parte, a promuovere nella popolazione, e soprattutto nei giovani, la conoscenza del tema e l’educazione alla legalità. Il primo di questi appuntamenti è fissato per il 16 settembre prossimo, nel quadro dei festeggiamenti per il 25esimo dell’USI, con un convegno intitolato “Tracce della criminalità organizzata in Ticino tra passato e presente” in cui interverranno come relatori Alessandra Cerreti della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano e Roy Garré, Presidente della Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale. 

Ti-Press / Alessandro Crinari
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
6 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
8 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
9 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
12 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
14 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
14 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
18 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
18 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
1 gior
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
1 gior
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile