20min/Celia Nogler
CANTONE
11.05.21 - 18:020
Aggiornamento : 20:14

Dopo la corsa ai test fai-da-te, in pochi tornano per altri cinque kit

Da parte della popolazione l'interesse è calato, ma è comunque rimasto costante

Vanno utilizzati quando non si hanno sintomi, per esempio prima di una cena con amici

Test fai-da-te

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Lo scorso 7 aprile sono arrivati nelle farmacie di tutta la Svizzera. Ed è subito iniziata la corsa all'acquisto, anche in Ticino. Stiamo parlando dei test fai-da-te, uno degli strumenti che rientrano nella strategia della Confederazione contro il coronavirus. Ogni cittadino ha infatti diritto a cinque kit gratuiti al mese.

Una gratuità che ha spinto molte persone a rifornirsi sin da subito. Tanto che diverse farmacie avevano dovuto allestire una lista d'attesa. E dopo? In generale la richiesta è calata, ma restando poi costante. «All'inizio c'era l'effetto novità» ci dicono dalla Farmacia Contrada dei Patrizi a Pregassona, dove comunque «da parte della clientela si riscontra ancora un buon interesse». Va diversamente alla Farmacia Cassarate, dove si parla invece di «un forte calo».

Fatto sta che ogni cittadino, come detto, riceve gratuitamente cinque test fai-da-te al mese. E ora sono passati oltre trenta giorni dall'arrivo del prodotto nelle farmacie. I clienti stanno tornando per la seconda fornitura? «Qualcuno c'è, ma sono ancora in pochi» osservano dalla Farmacia Stazione di Bellinzona. Così anche alla Farmacia Chiesa di Chiasso: «Nel corso di questo mese le richieste sono state costanti, ma di recente soltanto un cliente è venuto a prendere altri cinque kit».

Sembra dunque che la popolazione non stia facendo incetta di test per il solo fatto che sono gratuiti. «Della mia clientela, forse il 15% ha preso i kit a cui aveva diritto. Ora il loro ritorno dipende anche dal fatto se sono stati utilizzati o meno» afferma ancora il titolare del negozio chiassese. Alla Farmacia Tosi di Gravesano, dove lo scorso 7 aprile c'era una lista d'attesa che comprendeva oltre 450 richieste, si parla anche degli allentamenti: «Un mese fa c'era stata una corsa alla novità e alla diligenza per prendere uno strumento che permetteva di sentire il profumo di libertà». E dopo? «Le circostanze sono cambiate, con la riapertura delle terrazze e quindi una maggiore vita». Certo, l'interesse - ci confermano in questo caso - c'è ancora, «ma evidentemente siamo più tranquilli». Le scorte non mancano.

Quando usarli - Nelle scorse settimane, d'altronde, le autorità hanno anche chiarito in quali casi va utilizzato un test fai-da-te al posto di un test rapido in farmacia o un tampone PCR. Lo strumento autodiagnostico è infatti pensato per chi ha previsto un incontro con persone non a rischio, quindi - per esempio, una cena con amici, un appuntamento di lavoro o simili.  E nel caso che il test sia positivo, è necessario annunciarsi alla hotline cantonale o al proprio medico per eseguire un tampone di conferma.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
31 min
Covid, in Ticino otto contagi e nessun decesso
Nel nostro cantone l'ultima morte legata alla pandemia risale allo scorso 27 maggio
LUGANO
52 min
A Lugano tira un'aria così così
Su 323 località europee, la città è 161esima per inquinamento da polveri sottili
FOTO
CANTONE
58 min
Il littering c'è, ma non è colpa delle mascherine
In nove punti del Ticino sono stati raccolti oltre 21 chili di rifiuti in dieci giorni
GUARDA IL VIDEO
ITALIA / SVIZZERA
1 ora
Milano si tinge di rossocrociato, ma a festeggiare è l'Italia
Diversi simpatizzanti elvetici si sono dati appuntamento davanti al maxi-schermo del Centro svizzero per l'atteso Derby.
CANTONE
2 ore
Smemorati del test PCR basta una dose per il Certificato
Hanno debellato il virus accontentandosi di un test rapido, ecco come possono ottenere l'attestato di persona guarita
CADENAZZO
4 ore
«Meglio le prostitute dei militari»
L'incendio al Monna Lisa frutto «dell'abbandono deciso dal Cantone». Parla (con rabbia) l'ex proprietario Fässler
CANTONE
4 ore
I giovani meno propensi a vaccinarsi? «È fisiologico»
Solo 937 minorenni si sono annunciati per la vaccinazione. 77 di loro hanno ricevuto almeno la prima dose.
LUGANO
14 ore
Moncucco sulla Santa Chiara: «Non faremo tagli al personale»
La clinica luganese denuncia delle «importanti inesattezze« nel comunicato oggi trasmesso dalla struttura locarnese.
CADENAZZO
17 ore
Le Forze Speciali hanno sbagliato qualcosa
All'ex postribolo Monnalisa era in corso un'esercitazione "top secret" dei corpi scelti
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
19 ore
Auto in fiamme davanti alla Sezione della Circolazione
L'incendio è divampato questo pomeriggio in via ala Monda a Camorino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile