tipress
LOCARNO
09.05.21 - 09:270

Dall'Eoc una maxi-offerta per la clinica

Quasi 8 milioni di franchi per la Santa Chiara di Locarno: le cifre riferite dal Caffè

Confermata intanto la chiusura del domenicale. Verrà lanciato un nuovo prodotto

LOCARNO - Ancora numeri sulla clinica Santa Chiara di Locarno. E numeri più alti di quelli usciti finora. A fornirli, nella sua edizione odierna, è il domenicale il Caffè. 

Sette milioni e settecentomila franchi: è l'offerta presentata dall'Ente ospedaliero cantonale per rilevare la clinica locarnese, piegata da un bilancio in rosso e dalla crisi del Covid, con ritardi nei pagamenti delle prestazioni da parte del Cantone. Nelle scorse settimane diversi gruppi privati si sono fatti avanti, per acquistare la struttura su cui - come riferito sempre dal domenicale - grava anche un'ipoteca di circa 17 milioni di franchi. 

Tra gli interessati la clinica Moncucco, lo Swiss Medical Network (proprietario dell'Ars Medica di Gravesano), ma anche la catena dei Centri Medici: il patron Antonio Bernasconi ha confermato al Caffè che presenterà un'offerta per l'assemblea degli azionisti fissata al 14 maggio. 

La notizia dei 7,7 milioni di franchi però scompagina le carte. Finora, le cifre ventilate dalla stampa si aggiravano attorno ai 3-4 milioni, massimo 5. Lo stesso direttore generale dell'Ente, Glauco Martinetti, alla Rsi aveva dichiarato che l'offerta cantonale sarebbe stata «in quell'ordine di grandezza». Invece è circa il doppio, stando alle indiscrezioni. Basterà a sbaragliare la concorrenza? Lo decideranno i proprietari della Santa Chiara, un'associazione di medici che si riunirà venerdì prossimo. 

Il Caffè chiude i battenti dopo 27 anni

E a proposito di concorrenza. Nell'edizione odierna del Caffè è arrivata la conferma ufficiale di quanto riferito nei giorni scorsi da Le Temps, ossia che il domenicale chiuderà i battenti questa estate. Il gruppo Corriere del Ticino ha deciso che il numero del 4 luglio sarà l'ultimo. 

Fondato nel 1994 dall'attuale direttore Lillo Alaimo e dall'editore Rezzonico, il Caffè si è affermato negli anni come il principale domenicale della Svizzera italiana. Contraddistinto da una linea investigativa e indipendente, è noto per le sue inchieste (lo scandalo "Ticinogate", il caso Sant'Anna) e per le battaglie per la libertà di stampa, anche in sede processuale.

Venduto nel 2017 da Rezzonico al gruppo Corriere del Ticino, il domenicale cesserà le pubblicazioni in concomitanza con il pensionamento dello storico direttore e fondatore Alaimo. In una nota l'editore precisa che i giornalisti verranno trasferiti nella redazione di Muzzano del Cdt, dove verrà prodotto un nuovo domenicale. La testata si chiamerà "La Domenica" e sarà guidata dal direttore del Corriere, Paride Pelli.  

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO/LUGANO
1 ora
Spese folli, e pagava sempre lei
Processo per il delitto in hotel: ripercorse le ultime ore della "strana coppia". La cena, la discoteca, la cocaina.
CANTONE
2 ore
I tatuaggi, il lusso, il sesso, gli scatti d'ira e quella ragazza con tanti soldi
Morte in hotel: il 32enne accusato di avere ucciso una giovane inglese è davanti alla Corte delle assise criminali.
CANTONE
3 ore
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
5 ore
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
7 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
7 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
7 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
14 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
16 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile