Immobili
Veicoli
Tipress
LUGANO
07.05.21 - 10:100
Aggiornamento : 11:22

«Non c'è motivo per proseguire con lo sgombero!»

L'associazione Aida ribatte al Municipio fermo nel voler sfrattare gli autogestiti dall'ex Macello

Il portavoce Bruno Brughera: «I Molinari hanno dato prova di essere una realtà non bellicosa se non provocati. Il primo passo è il riconoscimento e il diritto di cittadinanza all'autogestione in città»

LUGANO - «Non c’è nessun oggettivo motivo per proseguire nell’intento dello sgombero!». A dirlo, con tanto di punto esclamativo è Bruno Brughera, portavoce di Aida. L’Associazione idea autogestione replica, con un comunicato stampa, alla dichiarata intenzione del nuovo Municipio di Lugano di non cambiare rotta sullo sfratto agli inquilini dell’ex Macello.

«Atteggiamenti da campagna elettorale» - «La pressione sulla comunità autogestita aumenta e di pari passo l’assemblea del CSOA si organizza» scrive Aida che «deplora il braccio di ferro con cui la città vuole portare avanti la soluzione finale. Deploriamo questo modo di fare in continuità con gli atteggiamenti usati in campagna elettorale». I Molinari, secondo Brughera, «hanno dato prova coi fatti che sono una realtà non bellicosa se non provocati. Hanno dato prova di organizzazione, di dibattito pubblico aperto sulle piazze della città».

«Di tempo ce n'è assai» - È un mondo e una realtà, continua il portavoce, «da conoscere mettendo da parte i preconcetti e l’astio nei loro confronti anche se la loro visione di società è fortemente antagonista». In conclusione Aida ribadisce che «il primo passo è il riconoscimento, il diritto di cittadinanza dell’autogestione in città! Questo deve essere il primo atto ufficiale, poi i dettagli sono altra cosa e di tempo per un accordo ce n’è assai». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
CANTONE
5 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
9 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
21 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
1 gior
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
1 gior
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile