Tipress
Il palazzo sul lungolago all'origine dell'eredità contesa
LUGANO
05.05.21 - 18:060
Aggiornamento : 06.05.21 - 13:07

Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia

Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto

Parte della sostanziosa eredità, frutto della vendita di un palazzo signorile in centro città, è confluita in una Fondazione. Ma nel 1995 venne trovata una carta che contraddiceva le ultime volontà testamentarie

LUGANO - È una storia che inizia il 18 novembre 1936, un mercoledì, e termina con una sentenza del Tribunale federale emessa, pure un mercoledì, il 31 marzo 2021. Nel mezzo ci sono 85 anni, un’eredità contesa di 16 milioni e 712 mila franchi e tanti colpi di scena. A partire da quel foglio di carta, rinvenuto nel cassetto di un mobile antico, un giorno di ventisei anni fa.

Il testamento olografo - Quel 7 aprile 1995 nell’appartamento comasco della defunta Maddalena Mattiroli, alla presenza di testimoni, venne trovato un testamento olografo datato 18 novembre 1936. Con quel documento (poi contestato nella sua autenticità e perno della vicenda) Alfredo Airoldi, cittadino svizzero e suo primo marito, lasciava i suoi averi, tra cui un signorile palazzo in centro a Lugano, alla moglie superstite. Ma c’era un vincolo, alla morte della donna, tali beni sarebbero dovuti andare ai figli del fratello di lei, «ai nostri amati nipoti, figli di tuo fratello Alfredo, di cui sono grato per l’aiuto prestato sia a me che ai miei cari genitori». 

Il nuovo testamento - Queste volontà, vere o presunte, rimasero però in quel cassetto. Nel frattempo la vedova, che dopo la morte, nel dicembre 1936, del primo marito, si era risposata, non vi fece mai cenno. E molti anni dopo, il 3 novembre 1989 stipulò lei stessa un diverso testamento di cui erano beneficiari il suo medico curante e il figlio di lui, di professione avvocato. Sul piatto c’era la liquidità milionaria proveniente dalla vendita del palazzo affacciato sul Ceresio, dove oggi ha sede la Banca Arner. Per volontà testamentaria di Maddalena Mattiroli, che morì a Como il 30 luglio 1994 alla veneranda età di 97 anni, dieci milioni di franchi vennero inoltre destinati alla costituenda Fondazione Maddalena e Alfredo Airoldi.

La morte del perito - Dal ritrovamento di quel foglio antico la battaglia è proseguita per decenni sul piano civile e anche penale. Fino alla recente sentenza del Tribunale federale che conferma l’annullamento del presunto testamento di Alfredo Airoldi come da sentenza della I Camera civile Tribunale d’appello del febbraio 2019. A un certo punto la bilancia delle perizie sembrava pendere a favore dei beneficiari del testamento datato 1936. Il perito basilese Ernst Martin, nominato dal Pretore di Lugano, dopo un lavoro meticoloso si espresse per l'autenticità, avendo anche appurato come carta e inchiostro fossero compatibili con la datazione del documento. Ma l’anziano perito, trascinato anch’egli nell’aspro scontro giudiziario, perì prima che il suo lavoro potesse essere sottoposto a contraddittorio. Inutilizzabile, secondo il Tf, che ha invece considerato un'altra perizia calligrafica, del Ministero Pubblico, secondo cui «il testamento olografo... risulta con ogni verosimiglianza un falso».  Alla parte soccombente s'aggiunge, oltre ai precedenti esborsi, un carico di 50 mila franchi in spese giudiziarie. È l'inconsueta "tariffa" stabilita dal Tribunale federale in base al valore del contenzioso annunciato dagli eredi opponenti. Quasi un monito... a non aprire certi cassetti.

Archivio storico della Città di Lugano, Fondo Vincenzo Vicari
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
2 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
5 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
17 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
17 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
20 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
20 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
1 gior
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
1 gior
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile