deposit
MINUSIO
02.05.21 - 22:000

Il padrone di casa molesto: «Ho dovuto chiamare la polizia»

La pandemia ha esacerbato i rapporti tra inquilini e proprietari. Specie quando sono anche vicini di casa

L'Associazione inquilini: lamentele in aumento a causa della convivenza forzata. Dellagana-Rabufetti: «Gli affittuari sono in posizione debole»

MINUSIO - Devi usare la stufa a legna. Non tenere i gatti in casa. Il grill del vecchio inquilino è tuo, te lo regalo. Umidità in soggiorno? Non c'è problema, ci penso io. Alla fine il problema è diventato lui: il padrone di casa «onnipresente» per un'inquilina che ad aprile è arrivata a chiamare la Polizia comunale di Minusio, per chiedere tregua. «Semplicemente - dice - non ce la facevo più».

La lunga permanenza in casa durante la pandemia non ha intaccato solo i rapporti marito-moglie, ma anche quelli tra vicini di casa, e tra affittuari e locatori. Le lamentele all'Associazione inquilini sono aumentate. Quando poi - come in questo caso - il proprietario è anche vicino di casa, la convivenza può degenerare in (ventilate) denunce penali. L'inquilina 47enne ha lasciato settimana scorsa la villetta bi-familiare in cui viveva, in via dei Colli, con una disdetta sui generis. «È strano a dirsi, ma ero esasperata dalle troppe attenzioni» racconta. «Arrivava a presentarsi più volte al giorno in casa, per qualsiasi motivo. Mi consegnava la corrispondenza a mano. Sapeva qualsiasi cosa facessi, metteva becco su tutto. Per una donna sola non è certo il massimo».

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, e intervenire la Polizia, sono state delle telecamere posizionate all'interno della proprietà. Gli agenti - chiamati dall'inquilina - hanno appurato che la videosorveglianza dell'edificio monitorava l'ingresso dell'abitazione della donna. «In pratica controllava i miei movimenti» protesta quest'ultima, che afferma di stare valutando una querela al Ministero pubblico. Non è stato possibile raggiungere la controparte per un commento: la diatriba - per ora - sembra essersi risolta con la rimozione (intimata dalla polizia) della telecamera e la partenza dell'inquilina. 

Ma casi simili non sono purtroppo infrequenti, spiega la segretaria dell'Asi Céline Dellagana- Rabufetti, «soprattutto nelle convivenze ravvicinate locatore-conduttore». Il codice delle obbligazioni «prevede il rispetto della privacy dell'inquilino e un congruo preavviso nel caso di interventi all'abitazione, che devono essere motivati e urgenti». Tuttavia «gli inquilini si trovano in una posizione debole e spesso cedono alle insistenze dei proprietari, che purtroppo non sono rare».  L'associazione in Ticino apre un migliaio di incarti l'anno e circa 200 udienze in conciliazione. Durante i recenti lockdown «le lamentele sono tendenzialmente aumentate a causa della maggior permanenza in alloggio» conclude Dellagana-Rabufetti. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
5 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
6 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
6 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
8 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
FOTO
CANTONE
8 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
9 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
FOTO
ASCONA
10 ore
New Orleans e Ascona, il gemellaggio celebrato da un'opera di street art
Realizzato da due sorelle valmaggesi, il dipinto verrà presentato questo sabato a suon di jazz e... jambalaya
CANTONE
11 ore
Ha ucciso per soldi? «Non è credibile»
Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva
CANTONE
11 ore
Meno ricoverati e casi in Ticino, ma c'è un altro morto
Stabili i positivi, oggi 26. Non ci sono nuove quarantene di classe.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile