tipress
CONFINE / CANTONE
28.04.21 - 22:500
Aggiornamento : 29.04.21 - 09:26

C'è l'ok alla zona franca, ma la strada è ancora lunga

Il tema è entrato nell'agenda del Governo italiano.

Ma almeno fino a metà maggio non dovrebbe cambiare nulla.

LUGANO - Un passo avanti è stato fatto, ma in sostanza non è cambiato nulla. Il Parlamento italiano ha approvato il documento che chiede di eliminare le restrizioni entro i 20 chilometri dal confine.

Tuttavia, sembra quasi certo che almeno fino alla seconda metà di maggio se non per tutto il mese, non si possa riaprire al “turismo della spesa” superando l’ostacolo del tampone.

Insomma, fino a venerdì l’obbligo di tampone negativo entro le 48 per varcare il confine resta. Ma - stando a La Provincia di Como - il Governo (e in particolare il ministro della Salute, Roberto Speranza) sembra intenzionato a prorogare la misura per le prossime settimane.

Sia il senatore varesino del Partito Democratico Alessandro Alfieri, che il deputato comasco pentastellato Giovanni Currò, hanno riferito di colloqui con il Governo finalizzati a garantire i movimenti giornalieri lungo la linea di confine.

Di fatto, il tema dei transiti lungo la frontiera non strettamente legati ai frontalieri è entrato nell’agenda del Governo. «Finalmente è emerso il distinguo importante sul fatto che chi si muove lungo la linea di confine non può essere considerato alla stessa stregua di chi va a fare le vacanze alle Baleari», ha commentato il deputato leghista Matteo Luigi Bianchi che ha inoltrato la richiesta per la creazione della zona franca di 40 chilometri. «Il via libera - ha aggiunto - ha certificato che le zone di confine hanno peculiarità diverse rispetto a tutti gli altri contesti». Anche se, per ora, di riaprire ancora non se ne parla.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
8 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
8 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
11 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
11 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
17 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
17 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
18 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
1 gior
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile