deposit
CANTONE
27.04.21 - 06:000
Aggiornamento : 08:02

La pandemia fa cilecca tra le lenzuola

Stress, spazi ristretti da condividere, solitudine e voglia di evasione.

Questo periodo ha messo a dura prova chi non ha un partner, ma anche chi aveva rapporti in crisi. Non tutti però ne hanno risentito.

LUGANO - La pandemia ha fatto registrare un'impennata nella fruizione di materiale pornografico. In Svizzera se ne consuma oltre un 20% in più stando ai dati forniti da Pornhub. Stando a un recente sondaggio, un quarto dei nostri lettori ha ammesso di essere tra coloro che, per un motivo o un altro, sono finiti più spesso del solito su siti per adulti.

Cresce lo stress, cala il desiderio - Un dato, questo, confermato anche dal Dott. Walter Beolchi, sessuologo e medico clinico: «C’è stato un netto aumento dell’uso di pornografia. Ciò ha anche una certa logica. Con la pandemia sono aumentati i problemi legati al lavoro, ma anche le preoccupazioni in generale e lo stress, tra condivisione di spazi piccoli, convivenze forzate e la paura per la propria vita. Un cambiamento, insomma, su tutte le nostre abitudini, molto forte e pesante». 

Tutti questi fattori rischiano di avere risvolti negativi sotto le lenzuola. «Aumenta lo stress, quindi il cortisolo. Questo ormone fa diminuire il testosterone. Automaticamente cala il desiderio, la libido, la voglia di sessualità», spiega il medico. 

E aumentano pornografia e vie di fuga - Una libido che viene ricercata tramite gli strumenti che si hanno a disposizione: «Tutta questa situazione ha portato a un aumento dell’uso di applicazioni per incontri. Ma anche del sexting, quindi dell'invio di messaggi o immagini sessualmente espliciti. E all’aumento della pornografia, oltre che dei sex toys».

Il problema della solitudine - Il minimo comune denominatore? «L’angoscia della solitudine», secondo l’esperto. Questo almeno per i single. Per le coppie la situazione può essere diversa. Ma anche qui con delle differenze. «I rapporti consolidati, in cui va tutto bene, sono quelli che meglio hanno vissuto questo periodo pandemico. Hanno trovato più tempo da condividere e dedicarsi. Per loro, se vogliamo, la pandemia ha portato dei vantaggi».

Coppie che scoppiano - Dove non va bene, invece, è nei rapporti in crisi. «L‘obbligo di passare più tempo assieme porta tensioni, liti, e un'inevitabile diminuzione della sessualità. Magari ci sono gli amanti che non si riescono a vedere. E poi c’è lo spazio di condivisione, a volte troppo piccolo, che porta la coppia a… scoppiare». 

Per Beolchi, queste nuove solitudini generate dalla pandemia hanno portato anche ad avere più rapporti a pagamento: «È aumentata l’attività delle prostitute. Lo dicono i dati.  L’uomo sente il bisogno fisiologico di scaricare il contenuto dei testicoli. O si masturba o cerca il rapporto mercenario». 

Dulcis in fundo, nuovi luoghi diventano punti di incontro. «Specie nei parcheggi e nei supermercati. Avendo meno libertà rispetto a prima si sono trovate le scuse più disparate per uscire. Dicono: “ho dimenticato l’acqua minerale”. Ma vanno a trovare l’amante».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 5 mesi fa su tio
Ma quella urla perché si è rotto il televisore ? ;-)) Dai che è periodo di saldi e di a quello con la testa in mano che si gratta la forfora di approfittarne ;-))
ceresade36@gmail.com 5 mesi fa su tio
Non hanno niente di fare a casa cè molto tra pulizia cucina ginastica tv e tantte altre cose che diventare isterici
Shion 5 mesi fa su tio
@ceresade36@gmail.com Proprio così. Individui degradati e poveri, il periodo dimostra tanto di tutto ciò alla luce del giorno.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
43 min
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 ora
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
4 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
15 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
18 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
22 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
23 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
1 gior
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
1 gior
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile