foto Tio.ch/20min
Il palazzo in via Barchee a Losone in cui Tschanun ha trascorso gli ultimi anni, in un trilocale di proprietà della sua compagna.
+3
LOSONE
21.04.21 - 06:000
Aggiornamento : 16:05

«Un vicino tranquillo, mai avremmo immaginato»

Claudio Trentinaglia è ormai una leggenda a Losone. Da giorni in paese non si parla d'altro

I giornali continuano a scoprire nuovi dettagli sulla vicenda del pluri-omicida deceduto lungo la Maggia nel 2015. Resta il mistero sulla rendita d'invalidità

LOSONE - Il signore «che ha ucciso tutte quelle persone» abitava in un appartamento in via Barchee a Losone, zona tranquilla, risparmiata finora dalla cronaca poliziesca e da qualsiasi tipo di cronaca in realtà: ora, dopo le rivelazioni giornalistiche, naturalmente anche i bambini conoscono la storia e additano l'appartamento come si additano i luoghi stregati.

«Sì abitava qui» conferma un vicino di casa di 10 anni. Il nome "Tschanun" fatica a pronunciarlo: ha un che di cupo ed evocativo, sicuramente meno rassicurante di Trentinaglia, Claudio, il simpatico anziano appassionato di giardinaggio e passeggiate, come tutti gli svizzero-tedeschi in pensione. 


foto Tio.ch/MECCHE
Il palazzo in via Barchee a Losone in cui Tschanun ha trascorso gli ultimi anni, in un trilocale di proprietà della sua compagna.

«Andava ogni giorno in bici lungo la Maggia, giù fino al lido di Ascona» ricorda un'altra vicina, madre di famiglia. «Non so cosa facesse là tutto il tempo, da solo. Era un tipo piuttosto pensieroso». Il 25 febbraio 2015 il 73enne ha fatto il suo ultimo giro lungo il fiume, e non è più tornato a casa: in zona ponte della Maggia «ha perso il controllo della bici cadendo sull'argine di erba sottostante, un volo di alcuni metri» si legge nel comunicato emanato all'epoca da Rescue Media. I media locali pubblicarono la notizia, poi il necrologio; l'associazione "Amici della Montagna" che gestisce la capanna Al Legn sopra Brissago - dove Trentinaglia aveva lavorato per un'estate - lo ricordò durante un'assemblea, e la cosa finì lì.   


foto Tio.ch/MECCHE
La villa vista-lago in via Gottardo Madonna: qui Tschanun ha vissuto dal 2002, assieme alla compagna. Nel 2007 la casa viene venduta, e Tschanun trasloca a Losone.

Se si fosse saputo che l'«anziano ciclista» del comunicato di polizia, il Claudio Trentinaglia del documento d'identità, era in realtà uno dei pluri-omicidi più famosi della Svizzera, l'eco sarebbe stata ben diversa. Ma il circo mediatico è arrivato a Losone con cinque anni di ritardo, per merito della reporter del Tages Anzeiger Michèle Binswanger. «All'epoca dei fatti ero una ragazzina ma ricordo che la vicenda mi colpì molto, come tutti» ha raccontato a tio.ch/20minuti la giornalista. Era il 1986: l'architetto Günther Tschanun, capo della polizia edile della città di Zurigo, uccise a colpi di pistola quattro suoi collaboratori e ne ferì un quinto, a seguito di un esaurimento nervoso. Arrestato in Francia dopo tre settimane di fuga, fu condannato a 20 anni di carcere. Nel 2000 uscì di galera per buona condotta, e di lui non si è saputo più niente. 


foto Tamedia
Nell'aprile 2021, a 35 anni dalla strage, la giornalista di Tamedia Michèle Binswanger ha portato alla luce la fine della storia

Finché due anni fa, durante una visita guidata al Museo criminale della Polizia di Zurigo, Binswanger s'imbatte per caso in una voce di corridoio. «La guida ci raccontò che Tschanun era morto in un incidente in bicicletta in Ticino» ricorda. Poteva restare un aneddoto "da museo" non verificato, ma Binswanger fa dei controlli e la voce si rivela fondata. «Il ciclista morto a Losone era proprio lui, il pluri-omicida sparito nel nulla».

La conferma ha richiesto due anni di ricerche e paziente attesa: il Dipartimento di giustizia di Zurigo, a cui la giornalista si è rivolta per chiedere un certificato di morte e una serie di documenti su Tschanun, risponde che «il materiale era protetto da privacy». Il gruppo Tamedia intenta una causa civile, e a gennaio di quest'anno il tribunale concede l'accesso agli atti. «Ho passato il mese successivo a esaminare il materiale e a fare ricerche, anche in Ticino, dove però quasi nessuno era al corrente della verità» autorità comprese.


rescue media
L'anziano viene trovato dai soccorritori in gravissime condizioni. Morirà in ospedale

Ora si è scoperto il perché. Dalle indagini giornalistiche è venuta a galla una copertura organizzata con cura dal Dipartimento di giustizia del canton Zurigo, che per 15 anni ha assicurato a Tschanun sostegno finanziario e una seconda vita sotto un nome fittizio (quello di un prozio). L'ex detenuto riceveva una rendita d'invalidità di 2500 franchi al mese dai servizi sociali di Appenzello Esterno: un cantone in cui non ha tuttavia mai risieduto. I comuni di Ronco sopra Ascona e Losone non ne erano nemmeno al corrente. 

 «Non aveva alcuna disabilità fisica apparente» raccontano gli ex vicini. «Era molto colto e intelligente, sempre disponibile». Anche per Binswanger la questione della rendita Ai resta un nodo irrisolto. «Bisognerebbe capire come mai gli sia stata concessa, e fino a che punto le autorità si sono spinte per nasconderne la nuova identità» conclude Binswanger. Un'ultima stranezza, in una vita costellata di misteri.  


keystone
Tschanun all'epoca del processo, nel 1988: lo attendono 12 anni di carcere per omicidio intenzionale e tentato omicidio

foto Tio.ch/20min
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
42 min
Vaccino nell'orario di lavoro, le aziende fanno le difficili
Per recarsi all'appuntamento è necessario prendere delle ore libere o, per chi può, fare uno scambio di turno.
FOTO
MENDRISIO
44 min
L’osservatorio non c’è più: «La montagna ora è un po' più povera»
La smantellamento del telescopio aperto al pubblico più grande del Ticino è terminato. Verrà trasferito nel Canton Berna.
ORIGLIO
8 ore
Test a tappeto alla scuola Steiner
Negli scorsi giorni presso l'istituto di Origlio sono stati riscontrati diversi casi di coronavirus.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
10 ore
Un rimorchio si ribalta a Camorino
L'incidente è avvenuto questa sera nei pressi della rotonda degli svincoli autostradali. Nessuno è rimasto ferito.
LUGANO
11 ore
Ex Macello: la Città prosegue sulla via dello sgombero
La municipale Valenzano Rossi: «Aspettiamo l'inizio della prossima settimana per essere certi che non ci siano ricorsi»
CANTONE
12 ore
Il Caffè verrà chiuso quest'estate
La notizia è stata anticipata da LeTemps che raccoglie giudizi preoccupati per la decisione
GNOSCA
12 ore
«La polizia ha stufato con questi spari»
Al poligono di Gnosca è una "sparatoria continua" per i residenti. Che puntano il dito contro la Comunale di Bellinzona
FOTO
CANTONE
15 ore
Oltre il 13,7% dei ticinesi è completamente vaccinato
Stamani la prima dose è stata somministrata anche al presidente del Governo Manuele Bertoli, che rientra tra gli over 55
DALPE
16 ore
Lavori di carpenteria in barba alle norme di sicurezza
Durante un'operazione di polizia effettuata ieri presso una stalla di Dalpe sono state controllate cinque persone.
SVIZZERA / CANTONE
17 ore
Fossili da record dal Monte San Giorgio
I resti di cinque esemplari di ittiosauri sono rispuntati dalle cantine di musei di Zurigo, Milano e Tubinga
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile