TiPress - foto d'archivio
MELIDE
16.04.21 - 10:540

«I problemi della galleria non si possono risolvere a breve»

Il Consiglio di Stato, dopo avere consultato l'USTRA, risponde all'interrogazione sul tunnel del San Salvatore

MELIDE - «Il Consiglio di Stato è preoccupato, al pari dell'interrogante», riguardo ai (continui) problemi nella galleria del San Salvatore (Melide-Grancia). È quanto emerge dalla risposta fornita all'interrogazione presentata il 12 marzo da Massimiliano Robbiani. Un atto parlamentare scaturito dall'ennesimo problema di traffico mattutino, sull'A2, causato quel giorno dalla chiusura di una corsia. Il motivo - prontamente chiarito dall'Ufficio federale delle strade (USTRA) - era stata «l'inattesa quanto importante venuta d'acqua da un foro realizzato il giorno precedente». Inattesa perché «nel corso dei lavori conclusi nel 2020 erano già stati realizzati più di 150 fori di drenaggi di questo tipo nelle due canne della galleria, senza che si manifestassero venute d'acqua così elevate».

I problemi stanno a monte
Ma se il granconsigliere leghista solleva dubbi sulle persone a cui è stata affidata "la problematica" della galleria Melide-Grancia, il Governo assicura che «la sua sicurezza è affidata ai migliori esperti del settore a livello svizzero». Ma il lavoro è «particolarmente impegnativo, come talvolta è imponderabile la pianificazione e l'esecuzione dei lavori», a causa della situazione geologica e idrogeologica, sommata allo stato di conservazione della galleria. «Concepita e realizzata negli anni Sessanta - scrive il Consiglio di Stato nella sua premessa -, rappresentò una sfida notevole. Ma alcune scelte progettuali e costruttive, come quella di rinunciare in buona parte all'impermeabilizzazione della volta o a quella di utilizzare grandi quantitÀ di esplosivo per lo scavo, si sono da subito rilevate poco adeguate».

Ancora lavori
Ne consegue che «i problemi della galleria del San Salvatore non possono essere risolti definitivamente a breve». Negli ultimi cinque anni gli interventi messi in atto sono costati oltre 13 milioni di franchi. E vi sono state investite (stima grossolana) oltre 100'000 ore notturne di lavoro. Sì, perché i lavori vengono svolti di notte, per «garantire la sicurezza dell'utenza e la riapertura completa al mattino». Dopo il crollo avvenuto nel 2017, sono stati eseguiti nuovi fori di drenaggio e lunedì 15 febbraio 2021 sono iniziate le opere per il consolidamento statico definitivo della galleria (si protrarranno fino al 2023, con un investimento complessivo di circa 50 milioni di franchi, tutti a carico della Confederazione). «Mentre per una risoluzione definitiva - conclude il Consiglio di Stato - occorrerà attendere la realizzazione del progetto PoLuMe, che prevede di rifare completamente la struttura portante e l'impermeabilizzazione delle canne esistenza in assenza di traffico, grazie alla costruzione di una nuova galleria di appoggio».

Alla sicurezza ci pensano i (nuovi) dispositivi di allarme
Gli automobilisti possono stare tranquilli, comunque. «Oltre ai lavori - assicura il Governo -, continua una sorveglianza accresciuta da parte dei più qualificati esperti del ramo. Dei dispositivi supplementari di sicurezza recentemente installati provocano infine la chiusura immediata del transito in galleria qualora dovessero ancora manifestarsi degli episodi di potenziale pericolo che, seppur poco probabili, non possono del tutto essere esclusi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 6 mesi fa su tio
E queste sono le gallerie del passato, adesso invece abbiamo messo tutto in mano a ditte che speculano sulle ore degli operai, vedi irregolarità scoperte nella galleria del veneri tempo fa e di cui naturalmente non è dato sapere come è andata a finire, soliti insabbiamenti. Se poi andiamo a vedere chi esegue questi enormi appalti siamo apposto, è proprio vero che i tentacoli i non si vedono ma le pagliuzze insignificanti vengono evidenziate con lo scopo di far vedere che la legge viene fatta rispettare, pori numm!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
39 min
«TiSin mi ha promesso mari e monti»
Una iscritta delusa punta il dito contro il neonato sindacato, a seguito di una vertenza finita in niente
CANTONE
3 ore
Nez Rouge ti porta a casa, ma solo se hai il Covid Pass
«Faremo scontenti alcuni volontari e utenti, ma la sicurezza è fondamentale», così il presidente René Grossi.
LUGANO
4 ore
Condannato il cacciatore che uccise un amico
Durante una battuta di caccia, lo aveva scambiato per un cinghiale.
LUGANO
5 ore
Il cartello italiano dà fastidio
Il consigliere comunale Omar Wicht protesta per un cantiere "poco svizzero" a Lugano
CANTONE
5 ore
La prima notte sotto zero
MeteoSvizzera segnala pericolo di gelo a partire da mezzanotte nel Luganese
LUGANO
7 ore
Pandemia meno grave del previsto: gettito fiscale +12 milioni
Nonostante un aumento contenuto dei costi (+1,71%), il calo dei ricavi (-4,13%) influiscono sui conti della città.
POSCHIAVO (GR)
7 ore
Colpisce il muro e si capovolge, 19enne esce illeso dall'incidente
Il giovane, con la patente in prova, era alla guida in stato di inattitudine.
CANTONE
12 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
12 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
CANTONE
14 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile