Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
LUGANO
15.04.21 - 11:540
Aggiornamento : 12:18

I molinari “faranno ricorso” (ma non giuridico)

Ieri è scattato l'ultimo ultimatum del Municipio. Ma il mantra resta «Qui siamo e qui restiamo. Ci vediamo nelle strade»

LUGANO - «A oggi non è giunta alcuna richiesta di mediazione». Così si esprimeva il Municipio di Lugano, una settimana fa, annunciando lo scadere dei venti giorni concessi agli autogestiti per lasciare il comparto dell'ex Macello a seguito della disdetta della convenzione del 18 dicembre 2002 siglata tra Municipio, Consiglio di Stato e associazione Alba (in rappresentanza dei "molinari"). Nel frattempo i venti giorni sono scaduti, ed è scattato il secondo ultimatum (di dieci giorni), prima dello "sfratto" da parte degli agenti di polizia. Oggi - dopo aver redatto una cronistoria dell'autogestione non diffusa dai media negli scorsi giorni - il Csoa (Centro sociale autogestito) parla chiaro: «Pensare di risedersi oggi a un tavolo con l’attuale Municipio, risulta per noi semplicemente impraticabile. Imbarazzante - scrivono -. Sarebbe farci violenza e lo rifiutiamo. E non si tratta di paura o di non essere in grado di sostenere il confronto, si tratta piuttosto di non scendere a un livello così infimo di autorispetto».

I "molinari" proseguono annunciando il ricorso. Ma «non un ricorso giuridico possibilmente imboccato, ma un ricorso politico, sociale e culturale». E scrivono: «Facciamo ricorso ai nostri corpi. Alla nostra fantasia. Alla nostra determinazione. Ricorso alle nostre forze. Alla solidarietà locale e a quella internazionale». 

Il mantra, quindi, resta uno: «Qui siamo e qui restiamo». Seguito da: «Ci vediamo nelle strade». 

Gli autogestiti non nascondono neppure il dissenso nei confronti della "miccia" che ha innescato tutta questa situazione (da loro considerata un pretesto). Si era infatti urlato allo "sgombero" dopo che la manifestazione organizzata dal Csoa lo scorso 8 marzo era finita negli scontri con la polizia in tenuta antisommossa, presso la stazione di Lugano. «La narrazione dello sgombero si costruisce sulla "violenza" rispetto a due situazioni (una convocata dal Molino, l’altra no) - precisano - nelle quali, in realtà, è successo poco o niente. Parliamo di “normali” bagatelle e tensioni di mondi diversi che in qualsiasi città del mondo avvengono quasi settimanalmente». Quindi la conclusione: «Il teatrino elettorale e gli interessi dietro tutto questo circo, vanno rifiutati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
2 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
CANTONE
5 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
7 ore
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
8 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
12 ore
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
21 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
1 gior
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
1 gior
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
1 gior
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile