Immobili
Veicoli
tipress
CANTONE
15.04.21 - 07:020

Vaccini ai frontalieri: «Solo per chi lavora nella sanità»

La proposta era stata lanciata da Matteo Salvini in occasione di un incontro con la stampa estera.

Non sembrano però esserci, in questo senso, aperture all'orizzonte. Il SIC: «La priorità alle fasce a rischio, ma in futuro la situazione sarà rivalutata»

BELLINZONA - La campagna vaccinale in Italia va a rilento. Proprio per questa ragione, in occasione di un incontro con la stampa estera, il segretario della Lega lombarda Matteo Salvini aveva auspicato che per i frontalieri italiani vi fosse la possibilità di vaccinarsi in Ticino.

Solo il personale sanitario - Una possibilità questa - come ci confermano dal Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato (SIC) -, non al vaglio, esclusione fatta (come noto) per il personale impiegato nella sanità.

«Le priorità definite dalla Confederazione, attualmente prevedono solo la vaccinazione dei lavoratori frontalieri attivi nel settore sanitario - viene precisato -. Il Ticino ha quindi proceduto in questo senso, vaccinando dapprima il personale attivo nelle case anziani e nei reparti Covid degli ospedali».

Secondo step a maggio - Il resto del personale sanitario, lavoratori frontalieri compresi, «sarà vaccinato nella prossima fase, presumibilmente a inizio maggio».

Ciò non vuol dire che la situazione non sarà rivalutata in futuro, ma per il momento non è in previsione la vaccinazione di chi il Ticino lo frequenta, seppur quotidianamente, solo per lavoro. «La priorità - spiega il SIC - è stata assegnata alle fasce di popolazione che rischiano un decorso grave della malattia. Per questo motivo la campagna di vaccinazione è iniziata dalle persone ad alto rischio: residenti delle case per anziani, "over80", "over75", persone con malattie ad alto rischio e ora "over65"».

Valutazioni future - «Dato che non esiste ancora evidenza scientifica che la vaccinazione impedisca la trasmissione del virus - viene aggiunto -, oggi appare corretto dare priorità alle persone vulnerabili. In futuro la situazione andrà rivalutata, anche in funzione delle nuove evidenze scientifiche, del grado di copertura della popolazione e della disponibilità di vaccini che oggi rimane comunque limitata».

Va detto, anche, che non tutti coloro che fino a ora hanno avuto accesso al vaccino ne hanno usufruito. «Nelle case per anziani - conclude il SIC -, la copertura vaccinale del personale sanitario è oggi superiore al 60%».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
2 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarlo ci vuole un contatto molto più stretto e prolungato».
CANTONE
5 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
5 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
7 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
8 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
LUGANO
10 ore
Cede il letto a due profughe e ora dorme sul divano
Patrick Flachsmann, 48enne informatico di Besso, vive in un due locali e mezzo. Ora gli spazi si sono ridotti.
FOTO
LOCARNO
1 gior
Lo street food ha conquistato Locarno
Tanto caldo e tanto movimento al Festival del cibo di strada.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Le cantine hanno svelato i loro tesori
Si è tenuto il primo dei due weekend di Cantine Aperte, quello focalizzato sul Sottoceneri.
VIDEO
AROGNO
1 gior
Fienile completamente distrutto da un incendio
Intervento dei pompieri, questo pomeriggio, ad Arogno. La struttura annessa a una fattoria è stata ridotta in cenere.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile