Immobili
Veicoli
Ti-Press (archivio)
CANTONE / GRIGIONI
14.04.21 - 10:440

Dalla Mesolcina un'interrogazione per salvare le carte giornaliere

Anche il Granconsigliere retico Samuele Censi si oppone alla decisione di abolirle presa da Alliance Swisspass.

Questa soppressione «va contro la promozione del trasporto pubblico», precisa.

GRONO - Il granconsigliere mesolcinese Samuele Censi vuole salvare la carta giornaliera Flexicard: Alliance Swisspass intende infatti abolirla fra due anni. Il tema sarà oggetto di un'interrogazione parlamentare nella prossima sessione del Gran Consiglio retico a Davos.

Oggi il parlamentare retico e sindaco di Grono Censi (PLD) comunica che Swisspass intende rinunciare, entro il 2023, alla Flexicard, il popolare biglietto di 40 franchi che permette di circolare per un giorno intero su tutta la rete svizzera dei trasporti pubblici.

Secondo Censi la soppressione di questo servizio annunciato da Alliance Swisspass «va contro la promozione del trasporto pubblico, che invece è necessario rendere accessibile a tutti, in particolare alle famiglie che desiderano recarsi oltralpe per visitare la Svizzera, ma anche a studenti e a lavoratori». Sono infatti diversi i comuni del Moesano che offrono questi biglietti giornalieri alla popolazione.

Alliance Swisspass, l'Associazione Svizzera dei Comuni Svizzeri (ACS) e l'Unione delle città svizzere stanno sviluppando un'offerta alternativa a partire dal 2024. «Al momento», precisa Samuele Censi, «si parla unicamente di una dichiarazione d'intenti, ma intanto non vi è nulla di concreto».

L'atto parlamentare sarà trattato nell'ora delle domande nella sessione del Gran Consiglio dei Grigioni che si riunirà a Davos dal 19 al 21 aprile 2021.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
1 ora
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
5 ore
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
14 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
18 ore
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
19 ore
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
21 ore
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
RIVERA
22 ore
Un altro weekend di tamponi
Riapre domenica il centro della Protezione civile di Rivera. Ecco dove farsi testare il 28 e 29 gennaio
CANTONE
1 gior
Don Tamagni, proposti sei mesi da scontare, altri 27 sospesi
Tra appropriazione indebita e truffa, il parroco ha estorto oltre 900mila franchi.
CANTONE
1 gior
«L’atto d’accusa è un pasticcio»
Chiesto (e negato) il rinvio del processo nei confronti dell’ex comandante delle guardie di confine Antonini.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile