TAMEDIA / ©Urs Jaudas
CANTONE
20.04.21 - 17:390
Aggiornamento : 19:36

Personale di cure intense allo stremo? «Ci sentiamo dimenticati»

Alcuni lamentano problemi fisici e mentali, causati da un anno di stress e turni di 12-13 ore senza il riposo necessario

L'EOC: «Da sempre massima attenzione a proteggerne la salute, implementando anche risorse di supporto psicologico».

LOCARNO - Alcuni barcollano, altri soffrono di tachicardia, c'è a chi a 30 anni cedono le gambe dopo il turno di notte e chi a pochi mesi dalla pensione si ritrova in burnout. È la fotografia scattata dall'interno al personale di cure intense. Un'immagine che riflette un impegno lungo un anno ad affrontare la pandemia. «Durante la prima ondata almeno se ne parlava, c'era più sensibilità. Ora è come se fossimo stati dimenticati - ci dicono -. Ma noi proseguiamo con turni di 12-13 ore. Ed è vero che abbiamo dato la nostra disponibilità, si tratta di un'emergenza ed è il nostro lavoro. Ma non possiamo andare avanti così all'infinito. Abbiamo bisogno di recuperare. Lavorare così tanto per il nostro corpo e la nostra mente non va bene».

Un anno e qualcosa in più - La situazione dei pazienti Covid nei nosocomi ticinesi si è stabilizzata. Ma a quel momento le strutture hanno dovuto recuperare le operazioni meno urgenti che erano state annullate o rimandate, e questo non ha permesso ai reparti di cure intense di "tirare il fiato". «I recuperi non sono sufficienti per i turni che facciamo e c'è nuovamente la richiesta di rinunciare alle vacanze». Inoltre, «è stato provato che la percentuale di errore aumenta con periodi di lavoro così lunghi ed è la cosa che più in assoluto vogliamo evitare».

Stanchezza e frustrazione - Il sindacalista VPOD Fausto Calabretta spiega di non avere ricevuto segnalazioni di una situazione insostenibile. Ma «sicuramente c'è molta stanchezza - ammette -. Si tratta di una situazione che si trascina da un anno e che sembra non finire più. Molti sono demoralizzati». Nonostante non abbia raccolto «grosse lamentele», il sindacalista non nasconde che «il personale è frustrato, non ne può più e ha bisogno di trovare una luce in fondo al tunnel che pare non ci sia».

«Manca il personale specializzato» - Calabretta spezza una lancia a favore dell'Ente ospedaliero cantonale (EOC): «Il personale non viene costretto a trasferirsi negli ospedali Covid (attualmente La Carità di Locarno). Glielo si domanda. E tanti rinunciano proprio per lo stress. A chi chiede un trasferimento temporaneo solitamente viene concesso. Pare inoltre che l'EOC stia pensando di "trasformare" tutti gli ospedali in strutture Covid, proprio per non sollecitare sempre lo stesso personale. Anche per loro è difficile trovare una soluzione». Il problema, in realtà, sta a monte: «Tutto questo ci ha insegnato che non c’è sufficiente personale specializzato. Bisogna formarlo. E spetta al Cantone sovvenzionare di più la formazione per queste professioni».

L'Ente: «Pensiamo al loro benessere» - L'EOC, dal canto suo, fa sapere che «le percentuali di assenze per malattia, infortunio, maternità e vacanze in cure intense sono in linea con il resto dei reparti e non è stato notato un incremento rispetto al passato». Inoltre, «sin da inizio pandemia è stata data massima attenzione a proteggere la salute fisica e mentale degli operatori sanitari coinvolti nella rete di gestione dell’emergenza - aggiunge il Servizio comunicazione -, implementando anche risorse di supporto psicologico per sostenere gli operatori che quotidianamente si confrontano con l’emergenza».

Alcuni vaccinati, altri non ancora - Ma c'è un altro aspetto che ha parecchio infastidito chi opera al fronte. «Il personale in prima linea nella lotta al coronavirus non è stato tutto vaccinato. A noi è stato detto che non c'era disponibilità, mentre gli under 65 con malattie croniche hanno già ricevuto la prima dose. Non riceviamo la giusta considerazione». L’EOC spiega che all'inizio della campagna di vaccinazione «aveva ottenuto l’accordo dal Cantone e quindi aveva proceduto a vaccinare prioritariamente il personale curante attivo nei reparti Covid». Ma «la strategia nazionale è però molto chiara a riguardo, il Cantone la applica di conseguenza e l’EOC vi si riconosce». Infatti, sono riscontrabili «gli effetti positivi in termini di protezione delle persone più vulnerabili, evitando al contempo indirettamente un sovraccarico del sistema sanitario». Detto questo, «tutto ciò che si poteva fare per essere pronti a vaccinare rapidamente il resto del personale sanitario non appena questo sarebbe stato possibile secondo le fasi della strategia cantonale di vaccinazione è stato fatto con cura e rapidità», conclude l'Ente. Lo scorso venerdì il DSS ha infine fatto sapere che è finalmente arrivato il turno del personale sanitario. Chi lavora nelle strutture ospedaliere sarà vaccinato direttamente sul posto. 

Le precisazioni dell'Ente ospedaliero cantonale per il suo personale

Innanzitutto va precisato che il personale che ha operato e in parte ancora opera nel Covid Center proviene da tutto l'EOC. Una collaborazione che sin da inizio pandemia ha messo in evidenza l’importanza di avere ospedali in rete per gestire al meglio l’operatività, sgravare il personale e preservarne la salute.

Il Covid center EOC presso La Carità ha messo in atto una serie di misure tra le quali:

  • Organizzato, per quanto possibile in una situazione eccezionale di crisi pandemica, il lavoro mantenendo un monte ore ragionevole e favorendo delle pause. Abbiamo anche garantito degli spazi per riposare, gestire il comprensibile stress, riflettere sull’esperienza che si sta vivendo (spazio e attività Wellness SoStare) e  occuparsi della propria salute psicofisica.
  • Utilizzato strategie individuali di gestione delle difficoltà rivelatesi efficaci in altri contesti che hanno aiutato a superare anche una situazione completamente nuova e senza precedenti come l’attuale emergenza da COVID-19.
  • Promosso il continuo e costante confronto tra colleghi sia per coordinare le attività, sia per condividere la percezione personale e trovare un supporto reciproco, rispettando i diversi modi di reagire alla situazione critica.
  • Promosso il mantenimento di stili di vita salutari per essere in condizioni di affrontare la pressione che inevitabilmente viene accumulata.
  • La pressione, lo stress e i sentimenti associati, possono temporaneamente far emergere in alcuni collaboratori sensazioni di disagio. È importante, quindi, riconoscere ciò che si è effettivamente in grado di fare per aiutare gli altri, valorizzando anche i piccoli risultati positivi; riflettere su ciò che è andato bene e accettare ciò che non è andato secondo le aspettative, riconoscendo i limiti legati alle circostanze. Abbiamo sempre sensibilizzato i collaboratori all’importanza di “stare in contatto” con gli stati d’animo personali, essere consapevoli del carico emotivo, imparando a riconoscere eventuali sintomi fisici e psicologici secondari allo stress. Prendersi cura di sé e incoraggiare i colleghi a farlo è importante per continuare a essere disponibili con i pazienti.
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
joe69 6 mesi fa su tio
Poveri disgraziati, saranno pure pagati, lo avranno scelto come lavoro ecc..., ma 12-13 ore al giorno senza adeguato riposo ed in più per un periodo così lungo.... (dovrebbero provarlo sulla loro pelle i negazionisti, 1 mese o meno e sono in bornout...) , e poi ne va anche della sicurezza dei pazienti, un infermiere, medico, stressato e stanco e più incline a disattenzioni e di conseguenza a fare errori...
Um999 6 mesi fa su tio
@joe69 Joe69, io non sono un negazionista e neanche un complottista ma non credo all’articolo. Perché non denunciano questa situazione a chi di dovere invece di fare un articolo. Sicuramente queste persone che lavorano in questo ambito hanno subito e subiscono un carico lavorativo estremo ma ricordo o meglio parto dal principio che siamo in Svizzera in una nazione seria e che rispetta le persone e non nel Burundi. Per me è un articolo fine a se stesso.
Ro 6 mesi fa su tio
@joe69 Come darti torto. Purtroppo c’è gente che non si rende conto di questa triste situazione
Alex 6 mesi fa su tio
@Um999 Pienamente daccordo con te
cle72 6 mesi fa su tio
@Um999 Un altro convinto che la Svizzera è la nazione perfetta ecc ecc allora mi spieghi perché in fatto di suicidi giovanili è da decenni che si trova ai primi posti se non il primo in Europa? Quello che è falso è nascondere le notizie far credere che è tutta rosa e fiori anche se non è così. Forse dovrebbe farsi un giro negli ospedali e vedere la situazione... Magari apre gli occhi. Giudicare senza vedere e facile.
joe69 6 mesi fa su tio
@Um999 Se fosse un articolo fine a se stesso, sarebbe smentito immediatamente e conseguentemente ci sarebbe una denuncia per calunnia da parte dell' EOC (ente ospedaliero cantonale..) Ti ricordo che Tio è una testata giornalistica, di conseguenza deve sottostare a delle regole, delle leggi ed a un codice deontologico! Nn può inventarsi le notizie di sana pianta... come fa tanto pseudo giornalismo su FB, TWITTER e compagnia bella...
Tato50 6 mesi fa su tio
@Um999 Secondo te, essere in Svizzera, è tutto perfetto e non ci sono problemi ? Hanno fatto sentire la loro voce in altri ambiti ma qualcuno era sordo e quindi trovo giusto che si rivolgano ad altri organi per segnalare la loro situazione. Io ho l'abbonamento generale per gli Ospedali e già prima del Covid il personale sanitario non aveva problemi di tempo libero; basta sentire i campanelli che suonano durante la notte e due povere creature hanno un reparto da gestire. Per farti un'idea vai un paio di giorni con loro come volontario, poi scrivi la tua esperienza. Buona serata !! Ah dimenticavo; nel Burundi sono davanti a noi in fatto di vaccinazioni ;-)
Um999 6 mesi fa su tio
@joe69 Ma scusa chi dovrebbe smentirlo? Lo stesso giornalista che lo ha scritto? CLE72, io non sono convinto che la Svizzera è lo stato perfetto, ma che di base c’è un certo rispetto delle regole, se poi non sei convinto neanche di questo, amen. Joe69, ti invito io a vedere da chi è sovvenzionata la testata giornalistica prima di sparare a zero, In fine il mondo sanitario ha il mio appoggio come del resto ho scritto, ma a quanto pare è più facile attaccare chi fa un commento che la causa primaria qualora fosse vera.
pillola rossa 6 mesi fa su tio
@Um999 "ti invito io a vedere da chi è sovvenzionata la testata giornalistica" 👍 "è più facile attaccare chi fa un commento che la causa primaria qualora fosse vera" esattamente. Chi ha speculato sul personale e per diminuire i costi ha tenuto al minimo il numero di impiegati? È stato il virus a fare i tagli sul personale? O è colpa dei cosiddetti (erroneamente) negazionisti? Sono tutti colpevoli tranne i responsabili.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
56 min
Condannato il cacciatore che uccise un amico
Durante una battuta di caccia, lo aveva scambiato per un cinghiale.
LUGANO
1 ora
Il cartello italiano dà fastidio
Il consigliere comunale Omar Wicht protesta per un cantiere "poco svizzero" a Lugano
CANTONE
1 ora
La prima notte sotto zero
MeteoSvizzera segnala pericolo di gelo a partire da mezzanotte nel Luganese
LUGANO
3 ore
Pandemia meno grave del previsto: gettito fiscale +12 milioni
Nonostante un aumento contenuto dei costi (+1,71%), il calo dei ricavi (-4,13%) influiscono sui conti della città.
POSCHIAVO (GR)
3 ore
Colpisce il muro e si capovolge, 19enne esce illeso dall'incidente
Il giovane, con la patente in prova, era alla guida in stato di inattitudine.
CANTONE
9 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
9 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
CANTONE
10 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
13 ore
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile