tipress
LUGANO
12.04.21 - 16:200
Aggiornamento : 13.04.21 - 10:16

Metà classe in isolamento, malumori

Sette allievi positivi alla scuola elementare della Gerra a Lugano. I genitori scrivono al Decs

PREGASSONA - Un allievo positivo su tredici: poi un altro, un altro ancora. Sette in totale, ma il resto della classe torna sui banchi di scuola. È una decisione che ha creato qualche malumore, quella adottata dall'Ufficio del medico cantonale alle scuole elementari della Gerra a Lugano, al rientro dalle vacanze pasquali. Tanto che il comitato dei genitori ha scritto una lettera al Decs chiedendo spiegazioni. 

«Non riteniamo giusto il modo di procedere della scuola» lamenta un membro del comitato. «I genitori delle altre classi non sono stati avvisati. Inoltre, non sono state prese misure di confinamento sufficienti». La prima positività risale al 3 aprile. Tutti gli allievi della classe vengono posti in quarantena durante le vacanze (fino all'11 aprile) e vengono invitati a uno screen-test (volontario) in data 8 aprile, prima del rientro a scuola. Il risultato: sette allievi sono positivi (più un insegnante).  

Per questi ultimi la quarantena si è trasformata in isolamento fino almeno al 18 aprile, mentre l'Ufficio del medico cantonale ha permesso agli altri compagni il rientro a scuola. La quarantena pasquale non è comparsa sul sito del Decs. Attualmente (qui il link) vi figura solo una classe del Liceo di Mendrisio (fino al 12 aprile).

«Sarebbe stato meglio disporre un test su tutti gli allievi della scuola» lamenta una madre che ha deciso di non inviare la propria figlia a lezione, questa settimana. «Non voglio che si ammali. I bambini giocano fra di loro, anche tra compagni di classi diverse, mi dispiace ma non mi sento sicura». 

Il Decs dal canto suo ha comunicato lunedì mattina al comitato dei genitori la decisione del medico cantonale: «Considerato che gli allievi positivi appartenevano tutti a una medesima classe e che nel periodo di potenziale contagiosità si trovavano già in quarantena, l'Ufficio del medico cantonale non ha reputato necessario estendere l'indagine ambientale ad altre classi dell'istituto scolastico né prendere ulteriori misure». 

Il comitato dei genitori, per bocca della presidente Sara Marielli, tiene comunque a precisare di «avere sempre cercato un dialogo costruttivo con la scuola» e che «continuerà ad affiancare i docenti e a collaborare attivamente affinché le comunicazioni tra le parti siano chiare ed efficaci».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«La TV "sfrutta" le donne? Preoccupatevi dei social»
Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1, ospite di Piazza Ticino. Guarda la video intervista. 
CANTONE
3 ore
«Non sapendo chi è vaccinato dobbiamo indossarla ancora»
Negli Stati Uniti gli immunizzati possono nuovamente circolare a viso scoperto. Il tema sta tenendo banco.
FOTO
BELLINZONA
6 ore
Una panchina anti Covid fatta... ad arte
Si tratta del progetto “Point of View” di Patrizia Pfenninger presentato oggi davanti alla stazione FFS di Bellinzona
CANTONE
9 ore
Delitto alla pensione La Santa: chiesti diciassette anni
Si è aperto questa mattina il processo nei confronti dell'austriaco accusato di assassinio
TERRE DI PEDEMONTE
9 ore
Cade da un albero: ferite gravi per una trentenne
L'incidente si è verificato questa mattina nelle vicinanze del pozzo di Tegna
CANTONE
11 ore
Covid: 26 positivi e nessun decesso
Prosegue il trend positivo, anche negli ospedali. Sono solo 26 le persone ricoverate.
CANTONE
13 ore
Permesso di dimora al badante, un tempo rapinatore
Il Tribunale federale sconfessa il Tram e il Consiglio di Stato che avevano fatto obbligo al 50enne di lasciare il Paese
CANTONE
15 ore
Microbi magici made in Val di Blenio, una soluzione all’inquinamento
Scoperti dalla SUPSI dei batteri acquiferi che assorbono e neutralizzano metalli tossici.
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
Farmacie “sotto assedio” per andare in Italia
La vicina penisola ha riaperto le porte ai turisti stranieri. Ma solo se in possesso di un test negativo (anche rapido)
BELLINZONA
22 ore
Ciclista investito a Bellinzona in pericolo di vita
Lo riferisce la polizia cantonale. Si tratta di un 20enne svizzero del Bellinzonese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile