Tipress
COMANO
12.04.21 - 12:100

Molestie e RSI: «Bisognerà chiudere i conti col passato»

Il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, si è presentato ai dipendenti e ha parlato del nuovo volto di radio e tv

COMANO - «Non sono stato nominato per ridurre, né per smantellare. Ma non ho la bacchetta magica. Non conosco scorciatoie». A parlare è Mario Timbal, nuovo direttore della RSI che oggi si è presentato ufficialmente davanti ai suoi dipendenti in una diretta streaming.

Incalzato dalle domande della giornalista esterna Maria Victora Haas, il neo direttore della RSI ha presentato le linee guida che intende dare all’azienda, affrontando anche questioni spinose, come ad esempio i tagli.

Licenziamenti - «Non posso escludere licenziamenti come non posso quantificarli ora, ma faremo il possibile per creare tutte le condizioni di risparmio. Cercheremo di ottimizzare, eviteremo doppioni e sprechi e faremo il massimo per trovare un margine di risparmio». Mario Timbal ha esortato i suoi dipendenti a coltivare l’idea della trasformazione, uscire insomma dai canoni tradizionali per imparare «non tanto a fare di più, quanto piuttosto a fare diversamente».

Un nuovo direttore che crede fermamente nel valore umano dei propri dipendenti. «Credo nel lavoro di squadra. Siete voi la qualità, siete autorevoli, non ho nulla da insegnarvi su questo, ma evitate di considerare la qualità come qualcosa di già acquisito». Un direttore che ha evidenziato a più riprese di voler avere un rapporto diretto con i propri dipendenti: «Non dico che la mia porta sarà aperta continuamente a tutti a qualsiasi ora, ma troverete sempre una persona disposta al dialogo». 

Rete Due - Un direttore che crede nella cultura della diversità, che non vuol dire solo quella di genere, ma anche nella capacità di lavorare diversamente nel rispetto delle opinioni altrui. Un direttore che punta sulla creatività, «creeremo il terreno fertile affinché questa venga fuori, è la nostra arma», e che invita la RSI ad aprirsi verso l’esterno, ad essere trasparente, anche di fronte alle critiche, a non aver paura di sbagliare: «dagli errori si migliora». Un uomo di cultura che si batterà per non smantellare Rete Due: «Non credo in una rete radiofonica solo musicale, il parlato è un elemento fondamentale in una radio». 

Molestie sessuali - Infine il dossier più delicato, quello delle molestie sessuali sulle quali c’è un’inchiesta aperta i cui risultati dovranno essere resi noti durante l’estate. «Aspetto i risultati delle indagini per poi decidere le misure da intraprendere, misure che serviranno anche a prevenire questi tipi di comportamento. Bisognerà chiudere i conti col passato e aprire un nuovo capitolo». Timbal ha poi invitato i dipendenti ad aprirsi, a non aver paura a denunciare, «parole come omertà e intimidazioni non esistono nel mio progetto». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
egi47 5 mesi fa su tio
Che disastro, quanti soldi buttati per vedere il cane Peo e la radio 1.
dan007 5 mesi fa su tio
Facile a dire il passato a segnato il presente quindi chiudere non sarebbe onesto verso coloro che hanno subito ingiustizie
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
5 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente in A2 oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile