Keystone
Guenther Tschanun, a sinistra, viene trasportato al Tribunale di Zurigo, 23 agosto 1990.
CANTONE
11.04.21 - 22:080

Il pluriomicida Günther Tschanun è morto a Losone

È stata fatta nuova luce sugli ultimi anni dell'autore di una delle più grandi stragi del nostro paese

Dopo 14 anni di prigione, Tschanun si è trasferito in Ticino con un altro nome, ed è morto nel 2015 a causa di un incidente in bicicletta

ZURIGO - L'ex capo del genio civile della città di Zurigo, Günther Tschanun, che nel 1986 uccise quattro colleghi di lavoro, è morto più di sei anni fa in un incidente di bicicletta in Ticino, dove aveva vissuto - sotto nuovo nome - dopo aver scontato la sua lunga condanna.

Lo ha scoperto la giornalista di Tamedia Michèle Binswanger dopo laboriose ricerche, la cui prima parte è stata pubblicata oggi dal domenicale "Sonntagszeitung".

Due anni fa, durante una visita guidata al museo del crimine, ha saputo che Tschanun era morto in un incidente in bicicletta. In seguito ha richiesto gli atti di esecuzione penale e ha iniziato le ricerche, ha spiegato la stessa Michèle Binswanger al telegiornale della TV svizzerotedesca SRF.

Secondo il dossier, Tschanun è morto in un incidente ciclistico il 25 febbraio 2015, sulle rive della Maggia vicino a Losone, a 73 anni. Sul certificato di morte è stato identificato come Claudio Trentinaglia, nome con cui ha vissuto dopo il suo rilascio dalla prigione nel 2000.

Günther Tschanun fu l'autore di una delle maggiori stragi della storia criminale svizzera

Il 16 aprile del 1986, uccise a colpi d'arma da fuoco quattro colleghi e ne ferì in modo grave un quinto negli uffici dell'amministrazione municipale di Zurigo. All'origine del tragico gesto sarebbe stato il pessimo clima di lavoro dovuto a una serie di ristrutturazioni.

Fuggito in Francia, acciuffato dopo tre settimane e rimpatriato, Tschanun è stato condannato in prima istanza nel 1988 a 17 anni di reclusione per omicidio intenzionale plurimo. Nel 1990 la pena è stata aumentata a 20 anni dal Tribunale cantonale, che lo ha giudicato colpevole di assassinio plurimo.

Secondo l'atto d'accusa dell'epoca, il giorno della strage Günther Tschanun mise in atto un «piano attentamente meditato per liquidare i suoi antagonisti professionali». Decise di «distruggere coloro che, secondo lui, lo stavano distruggendo».

Il pluriassassino venne rilasciato nel gennaio del 2000, 14 anni dopo il crimine. La sua seconda richiesta di rilascio anticipato fu accolta sulla base di diverse perizie che attestavano che non era a rischio di recidiva.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 6 mesi fa su tio
Non ho capito in che cosa consista questo scoop. Ha commesso un reato, ha scontato la pena, ha cambiato nome e ha continuato a vivere senza commettere recidiva.
Boss 6 mesi fa su tio
questa è legge!! lavori forzati e carcere a vita!!!
RobediK71 6 mesi fa su tio
Errata corrige: si scontano , per buona condotta, in Svizzera, solo 2/3 della pena, dunque ha fatto tutto
Tio1949 6 mesi fa su tio
Dai dai,che ce la facciamo ad appaiarci alla penisola,e magari in un futuro,sorpassarla!!
#Cleo 6 mesi fa su tio
Vergogna. Rubi una mela e vieni lapidato. E QUANDO LEGGO ... LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI, MA VA VA CHI CI CREDE
seo56 6 mesi fa su tio
🤐🤐🤐🤐🤐🤐🤐
Diablo 6 mesi fa su tio
Peró....ne accoppi 4 e dopo 14 anni sei libero e con un nuovo nome e cognome e sverni in Ticino.....bella storia
adri57 6 mesi fa su tio
@redazione come si può affermare: "...dopo aver scontato la sua lunga condanna". Condannato per ben 4 omicidi, dopo soli 14 anni è già fuori!
Evry 6 mesi fa su tio
Ma l'autorità era al corrente di tutto ?, dubbito. Tutti sapevano ma non dicevano niemnte con la scusa della praivasi .....? Un criminale simile non deve avere la possibilità di nascondersi !!!! vergogna
RobediK71 6 mesi fa su tio
@Evry La pena massima ergastolo è 20 anni, se calcoli la buona condotta già scendi a 17, uscito a 14 non ha fatto nulla di illegale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
SOLDUNO
35 min
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 ora
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
15 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
15 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
15 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
16 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
18 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
21 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
23 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
1 gior
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile