Cinzia Brenna
I pompieri al lavoro, ieri, nell'Alto Malcantone.
CANTONE
07.04.21 - 12:030
Aggiornamento : 17:25

Allerta massima per gli incendi di bosco: «Rispettate il divieto di fuochi all'aperto»

Il livello di pericolo è stato innalzato a 5 ("molto forte"). Le fiamme si propagano in fretta e è difficile intervenire

Cristian Gobbin, Sezione forestale (DT): «In questi casi si tratta o di negligenza o di piromania». Ecco quindi l'appello alla responsabilità.

LUGANO - Livello 5, pericolo molto forte. È un'allerta di quelle che si vede raramente quella diffusa nella tarda serata di ieri e valida per tutto il Ticino. Si tratta del pericolo di incendi di boschi.

La forte siccità, sommata al vento, nella giornata di ieri ha dato molto da fare ai pompieri. L'incendio boschivo divampato poco prima di mezzogiorno tra Bedano e Arosio (sul Monte Ferraro, sotto la zona Prato Grande) ha mandato in fumo circa un chilometro quadrato di bosco e impegnato un picchetto di militi per tutta la notte. Un altro importante rogo, in serata, è divampato nella zona dei Monti Mondini, sopra l'abitato di Purasca. Le opere di spegnimento sono proseguite fino a questa mattina. 

Cosa implica, per la popolazione, l'innalzamento raro del pericolo al livello massimo? Che il divieto di accendere fuochi all’aperto (valido dal 25 febbraio 2021) è assoluto, quale prevenzione contro gli incendi boschivi. Un divieto che l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) invita la popolazione a osservare scrupolosamente. Gli incendi possono infatti scoppiare in un qualsiasi momento, la loro velocità di propagazione è molto elevata per lungo tempo. Si tratta di fuochi con temperature molto elevate e un ampio coinvolgimento delle chiome degli alberi, e propagazione su grandi distanze attraverso le scintille. Un incendio boschivo è quasi impossibile da spegnere. E se si avvista fumo sospetto, è bene segnalarlo tempestivamente.

«I due eventi di ieri confermano che il grado di allerta è alto, e anche giustificatamente - commenta l’ingegnere forestale Cristian Gobbin -. L'incendio sopra Bedano, anche e soprattutto a causa del vento, si è propagato molto in fretta. E ha causato problemi per l'intervento. C'era molto fumo e gli elicotteri hanno fatto fatica a intervenire».

Il livello di pericolo di incendi di bosco è passato da 4 a 5 proprio perché oltre alla siccità persistente è arrivato il forte vento da nord che rende ancora più pericolosa la situazione. Se scoppia un incendio, con il vento che secca l'aria si propaga velocemente. E non va sottovalutato, anche quando non intacca gli abitati. «Il bosco ha delle funzioni ben precise, tra cui quella di protezione - aggiunge Gobbin, nominato recentemente quale nuovo Capo dell’Ufficio forestale del 1° Circondario in seno alla Sezione forestale del DT -. Ogni incendio che va a colpire un bosco può mettere a rischio questa sua funzione. E si innescano dei processi di erosione superficiale che possono intaccare anche quello che sta sotto».

Ma da cosa partono le fiamme? «Nel periodo estivo capita spesso che ci siano degli incendi dovuti ai fulmini dei tipici temporali estivi. Ma è l'unica causa naturale d'incendio di bosco in Ticino. Il resto è o negligenza o piromania». Soprattutto in questo periodo, con l'arrivo della primavera, capita purtroppo che vengano abbandonate delle ceneri che non sono completamente spente. E basta una piccola fiamma per innescare un grande incendio.

Ecco quindi l'invito alla responsabilità: «In questo periodo si capisce che la gente va in giro, ha voglia di stare all'aria aperta, e ci sono anche molti turisti - conclude Gobbin -. Ma non bisogna dimenticare che siamo in periodo di siccità persistente e c'è molto materiale infiammabile. Tutti sono esortati a rispettare il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto». Se è vero che le grigliate sono tollerate, lo sono solo nelle zone adibite. «Non il classico fuocherello nel bosco. E in giornate come quella di ieri, con quel vento forte, è comunque caldamente sconsigliato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
47 min
Un'altra settimana con tanti radar "luganesi"
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 17 al 23 maggio
CANTONE
4 ore
Jona sta bene, avviso di scomparsa revocato
È stato rintracciato in Italia. Del giovane non si avevano notizie da mercoledì
CHIASSO
6 ore
Con 700 kg di batterie al litio, in barba alle norme di sicurezza
Un trasporto pericoloso proveniente dalla Gran Bretagna è stato fermato al valico commerciale di Chiasso Brogeda.
CANTONE
8 ore
33 contagi e nessun decesso nelle ultime 24 ore
Attualmente nelle strutture sanitarie ticinesi ci sono 34 pazienti ricoverati a causa della malattia.
CANTONE
10 ore
Ne parlano tutti, ma pochi sanno cosa è
Tra Svizzera e UE si gioca un match importante. Tanti non sanno di che si tratta. Il video di Tio/20Minuti.
CANTONE
12 ore
Turismo, alberghi pieni ma i giovani non trovano lavoro
L’impatto della pandemia sul settore, visto dagli occhi di una giovane ticinese che l’ha subito in prima persona.
LUGANO
18 ore
«Quei bambini di Nairobi che hanno cambiato la mia vita»
«È nel dare che si riceve»: il volontariato raccontato da chi lo compie da anni.
FOTO E VIDEO
BODIO
18 ore
Urta il guardrail e l'auto prende fuoco: è in pericolo di vita
L'incidente è avvenuto poco prima delle 22 di questa sera a Bodio
CANTONE
22 ore
«Qui ballano tutti, tranne noi»
Le discoteche ancora una volta escluse dagli allentamenti. Alcune aziende sull'orlo del fallimento
BELLINZONA
1 gior
L'auto si schianta contro il muro
È successo in viale Franscini a Bellinzona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile