Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
CANTONE / CONFINE
02.04.21 - 12:360

«Ma il Cantone tutela i docenti frontalieri e non i docenti residenti?»

Pellegrini è contrario al «trambusto burocratico» del DECS che invita i docenti frontalieri a farsi vaccinare in Italia

BELLINZONA - L'Italia ha deciso di vaccinare i docenti contro il Covid-19. E - riferisce il presidente di Unione democratica federale (UDF) - la Cancelleria dello Stato ha contattato la Regione Lombardia per sapere se la possibilità venisse estesa anche ai docenti frontalieri che operano in Ticino, per poi invitare (tramite il DECS) i direttori delle scuole cantonali a informarli e farsi vaccinare in quelle strutture (fornendo loro i dati necessari per contattare la Regione e chiedere la vaccinazione).

Un passo che ha reso Edo Pellegrini «piuttosto perplesso», stando alle sue stesse parole. Tanto da presentare un'interpellanza al Consiglio di Stato. Perché, a suo dire, «si è messo in atto un trambusto burocratico». 

«Vi sembra normale - è la domanda con cui si rivolge al Governo - che ci si preoccupi della vaccinazione dei docenti frontalieri quando non è stato messo in atto alcun piano vaccinale per i docenti residenti, nemmeno per quelli con patologie a rischio (senza dimenticare che le regole di distanziamento e mascherina, specialmente durante le pause, vengono applicate un tanto al kg)?».

Dal Consiglio di Stato Pellegrini vuole inoltre sapere «quanti sono stati i docenti cantonali colpiti dal Covid, quanti sono rimasti assenti da scuola e quanti hanno dovuto essere sostituiti e per quanto tempo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile