Joel Nolli
Nel tondo la frattura al cranio che ne ha provocato la morte.
ROVEREDO (GR)
30.03.21 - 07:360
Aggiornamento : 13:58

«Ha tolto il migliore amico a mio figlio»

La triste storia di Rex, un pinscher nano barbaramente ucciso a Roveredo dopo essere scappato dal giardino di casa.

Il padrone: «Abbiamo fatto una denuncia in polizia e avviato anche una causa civile. Vogliamo giustizia per Rex». L'avvocato attivo in un'associazione che tutela gli animali: «Chi uccide senza motivo rischia fino a 3 anni, ma solo in caso di grave recidiva».

ROVEREDO - Uomini che odiano i cani. Purtroppo nella Svizzera Italiana si susseguono le segnalazioni riguardanti bocconi avvelenati. Tanto che la problematica è giunta recentemente sul tavolo del Consiglio di Stato ticinese. Ma quello che è accaduto lunedì 22 marzo a Roveredo (GR) supera ogni immaginazione. Rex, un pinscher nano di soli cinque anni e che raggiungeva a malapena i tre chili di peso, è infatti stato barbaramente ucciso a sassate, bastonate e calci da un individuo. La sua colpa? Essere penetrato nella proprietà altrui, dopo esser fuggito dal suo giardino recintato. 

«Giustizia per Rex» - A raccontarci la vicenda, già ampiamente circolata sui social, è il padrone di Rex, Joel Nolli, ancora incredulo e scosso per l’accaduto, che chiede giustizia per il suo piccolo amico a quattro zampe. «Abbiamo fatto denuncia in polizia e abbiamo aperto anche una causa civile. Vogliamo che quell’individuo paghi per quello che ha fatto».

Sassate e calci - La storia che ci racconta Joel inizia con una fuga. «Rex purtroppo è riuscito a scappare dal nostro giardino recintato facendo un buco nel terreno e ha deciso di farsi una passeggiata per il paese». Il cagnolino entra successivamente in una proprietà privata. Quella sbagliata. Il proprietario, con cui nessuno della famiglia di Joel aveva mai avuto a che fare, lo prende infatti a sassate e a calci, riducendolo in fin di vita.

L'arrivo della polizia - Poi prova addirittura a seppellirlo vivo e infine, prima dell’arrivo degli agenti della polizia comunale di Roveredo, allertati da un testimone che stava lavorando in una vigna sopra il terreno e che aveva visto tutto, butta fuori dalla sua proprietà il corpo di Rex. Forse per tentare di simulare un incidente stradale. Ma le fratture, ovviamente, dicevano altro. «Non vi era nessun segno di escoriazione, nessun taglio», precisa Joel. «Nulla di compatibile con l’impatto contro un’automobile». 

Soppresso - Rex viene trasportato al TiVet Moesa di Grono dagli agenti di polizia. Ma i veterinari possono fare poco. Le ferite di Rex sono infatti troppo gravi. Il cranio del piccolo pinscher è sfondato in più punti e giovedì ne viene constatato il decesso. «I veterinari ci hanno consigliato di fare l’autopsia. Così da avere una carta in più per la denuncia. Ora abbiamo due certificati che confermano la realtà dei fatti». 

«Ha tolto il migliore amico a mio figlio» - Denuncia che Joel ha già fatto martedì mattina alla polizia cantonale. «Per ora è una denuncia contro ignoti - ci spiega - che però si trasformerà successivamente in denuncia penale». In corso, come detto, vi è pure una causa civile. Ma tutto questo non riuscirà a compensare il vuoto lasciato da Rex. «Quello che ci fa più male è che quella persona ha tolto il migliore amico a mio figlio. Lui ha quattro anni e da una settimana non ha più questa gioia. Gli è stato tolto il sorriso. Per questo voglio andare fino in fondo».

Fino a tre anni di carcere - Ma cosa rischia l’aggressore? Lo abbiamo chiesto a Christopher Jackson, avvocato attivo nell’Associazione ticinese a tutela e difesa degli animali (ATDA). «Chi uccide un animale senza motivo e con crudeltà», ci spiega, «può essere punito con una pena detentiva fino a 3 anni». Anche se questo capita molto raramente e solo in casi in cui è presente una grave recidiva: «È molto più frequente - sottolinea l’avvocato - la comminazione di pene pecuniarie, che consistono in un importo in denaro da pagare. Laddove l’autore è alla sua prima infrazione, però, la pena viene sospesa con la condizionale per un certo periodo. È comunque sempre imposta una multa».

Joel Nolli
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIVA SAN VITALE
13 min
«Sono semplicemente allibito»
Lo sfogo del proprietario del veicolo affondato nel Ceresio. «Ragazzate? Non è un'attenuante»
CANTONE
3 ore
«I ticinesi diffidenti all'inizio, ma poi aperti agli stranieri»
Il Delegato all'integrazione Attilio Cometta passa il testimone e traccia un suo personale bilancio
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
6 ore
Le macerie dell'ex Macello davanti al Governo
Una cinquantina di persone hanno protestato davanti a Palazzo delle Orsoline durante la seduta di Gran Consiglio.
VIDEO
RIVA SAN VITALE
9 ore
Ecco il video del furgone rubato e poi affondato nel lago
Il filmato immortala l'ultimo atto della "bravata" compiuta da un gruppo di giovani
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Chef premiati, c'è anche un ticinese
Si tratta di Lorenzo Albrici della Locanda Orico di Bellinzona
CANTONE 
10 ore
Una barriera in panne blocca l’inizio della seduta
Il malfunzionamento della sbarra ha impedito l’accesso al parcheggio riservato ai deputati
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Dopo il temporale di ieri, ecco come proseguirà la settimana
L'ondata di caldo si è bruscamente interrotta grazie all'arrivo dei temporali.
CANTONE
14 ore
Coronavirus: in Ticino 19 casi nel weekend
Tranquillità negli ospedali, che ospitano ancora 3 pazienti affetti dalla malattia.
CANTONE
16 ore
«Sono cose che non vorresti mai vedere»
Incidenti mortali, suicidi, omicidi. Il Care Team cantonale ha lavorato duro durante la pandemia
MENDRISIO
18 ore
«È un caso isolato, il disagio sociale non c'entra»
Il capo dicastero sicurezza pubblica Samuel Maffi commenta i fatti accaduti venerdì notte nel parco di Villa Argentina.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile