keystone
CANTONE
29.03.21 - 06:000
Aggiornamento : 08:05

Alla fine del tunnel mancano 15 milioni

Treni e bus in Ticino escono impoveriti dall'anno del Covid. Con un buco milionario da colmare

Gravi perdite per le 11 aziende della comunità Arcobaleno. I passeggeri intanto chiedono «più offerta e sicurezza» per tornare a viaggiare

LUGANO - Bus sovraffollati, treni carichi di passeggeri più o meno stipati, con o senza mascherina. Le immagini delle "sardine" sui mezzi pubblici ticinesi hanno fatto notizia durante la pandemia. Ma un'immagine ben diversa è quella che emerge dai dati sulla mobilità nel 2020 forniti a tio.ch/20minuti dal Cantone. Nell'anno del Covid il trasporto pubblico nella Svizzera italiana ha viaggiato a ranghi ridotti. Del trenta per cento, per la precisione. 

Il calo si calcola in franchi - milioni di franchi - in meno, nelle casse delle aziende di trasporto locali. Nella comunità tariffaria Arcobaleno (che raggruppale gli 11 vettori ferroviari e su strada attivi nella Svizzera italiana) è stimato in 15 milioni, fanno sapere dalla Sezione mobilità del Cantone. Il 26 per cento d'incassi in meno in un anno. Un trend «evidentemente correlato» con l’evoluzione della pandemia da marzo, spiegano dal Dipartimento del territorio.

Il crollo maggiore è stato registrato nei biglietti singoli o giornalieri (30 per cento) e negli abbonamenti mensili (altrettanto) mentre gli abbonamenti annuali hanno retto meglio all'urto (meno 15 per cento) se non altro perché acquistati per la maggior parte nei primi mesi dell'anno, quando ancora la pandemia era da venire. Il buco - come deciso dalle Camere federali a settembre - dovrà essere coperto da Confederazione, Cantoni e Comuni, e non mancano le preoccupazioni per il futuro. 

«La paura dei contagi, l'offerta diminuita e il telelavoro sono i motivi principali del calo» osserva Fabio Canevascini, presidente dell'Astuti. Secondo l'associazione dei passeggeri ticinesi, il Cantone «ha gestito bene le criticità potenziando le linee sovraccariche con corse supplementari» ma serve un cambio di passo. «Ora però è fondamentale intervenire con decisione sul fronte della sicurezza e dell'offerta». 

Secondo Antonio Scettri, membro di comitato di Astuti, «la quota di telelavoro rimarrà importante in futuro, e anche le preoccupazioni sul distanziamento rimarranno». L'appello dell'associazione è quindi «di aumentare al più presto le corse e la capienza». Perché «solo così sarà possibile riportare i ticinesi su treni e bus». Altrimenti, il rischio è di ritrovarsi con un altro "buco" a fine anno. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
16 min
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
1 ora
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
3 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
3 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
ASCONA
12 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
18 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
FOTO
LOCARNO
22 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE
23 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior
«Non siamo tre gatti da stigmatizzare»
Gli "Amici della Costituzione" tornano ad alzare la voce contro le decisioni del Consiglio federale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile