keystone
CANTONE
29.03.21 - 06:000
Aggiornamento : 08:05

Alla fine del tunnel mancano 15 milioni

Treni e bus in Ticino escono impoveriti dall'anno del Covid. Con un buco milionario da colmare

Gravi perdite per le 11 aziende della comunità Arcobaleno. I passeggeri intanto chiedono «più offerta e sicurezza» per tornare a viaggiare

LUGANO - Bus sovraffollati, treni carichi di passeggeri più o meno stipati, con o senza mascherina. Le immagini delle "sardine" sui mezzi pubblici ticinesi hanno fatto notizia durante la pandemia. Ma un'immagine ben diversa è quella che emerge dai dati sulla mobilità nel 2020 forniti a tio.ch/20minuti dal Cantone. Nell'anno del Covid il trasporto pubblico nella Svizzera italiana ha viaggiato a ranghi ridotti. Del trenta per cento, per la precisione. 

Il calo si calcola in franchi - milioni di franchi - in meno, nelle casse delle aziende di trasporto locali. Nella comunità tariffaria Arcobaleno (che raggruppale gli 11 vettori ferroviari e su strada attivi nella Svizzera italiana) è stimato in 15 milioni, fanno sapere dalla Sezione mobilità del Cantone. Il 26 per cento d'incassi in meno in un anno. Un trend «evidentemente correlato» con l’evoluzione della pandemia da marzo, spiegano dal Dipartimento del territorio.

Il crollo maggiore è stato registrato nei biglietti singoli o giornalieri (30 per cento) e negli abbonamenti mensili (altrettanto) mentre gli abbonamenti annuali hanno retto meglio all'urto (meno 15 per cento) se non altro perché acquistati per la maggior parte nei primi mesi dell'anno, quando ancora la pandemia era da venire. Il buco - come deciso dalle Camere federali a settembre - dovrà essere coperto da Confederazione, Cantoni e Comuni, e non mancano le preoccupazioni per il futuro. 

«La paura dei contagi, l'offerta diminuita e il telelavoro sono i motivi principali del calo» osserva Fabio Canevascini, presidente dell'Astuti. Secondo l'associazione dei passeggeri ticinesi, il Cantone «ha gestito bene le criticità potenziando le linee sovraccariche con corse supplementari» ma serve un cambio di passo. «Ora però è fondamentale intervenire con decisione sul fronte della sicurezza e dell'offerta». 

Secondo Antonio Scettri, membro di comitato di Astuti, «la quota di telelavoro rimarrà importante in futuro, e anche le preoccupazioni sul distanziamento rimarranno». L'appello dell'associazione è quindi «di aumentare al più presto le corse e la capienza». Perché «solo così sarà possibile riportare i ticinesi su treni e bus». Altrimenti, il rischio è di ritrovarsi con un altro "buco" a fine anno. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
4 ore
Ciclista investito a Bellinzona in pericolo di vita
Lo riferisce la polizia cantonale. Si tratta di un 20enne svizzero del Bellinzonese.
BELLINZONA
8 ore
Lo sfidante sarà il vice
Simone Gianini occuperà la seconda poltrona del Muncipio di Bellinzona
LUGANO
9 ore
All'Usi 91 diplomati in comunicazione... a distanza
La tradizionale cerimonia si è tenuta questo pomeriggio (in diretta streaming) nell'Aula Magna del Campus ovest.
CANTONE
10 ore
I piccoli si scontrano con le spese di spedizione
L'e-commerce va forte in tempo di pandemia? Tra i big di certo. Ma c'è una fetta di negozianti che soffre ugualmente.
CANTONE
13 ore
Cocaina, fermato un altro spacciatore
Ennesimo colpo assestato al traffico di droga dopo gli arresti delle scorse settimane.
CANTONE
17 ore
Covid: in Ticino 9 casi e un decesso
Stabilità sul fronte ospedali, che ospitano, con una nuova ammissione, 29 pazienti affetti dal virus.
CANTONE
19 ore
Effetto lockdown, ed è sushi mania
Il lato "positivo" della pandemia. Nascono diverse nuove attività. In particolare nel Sopraceneri.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Lotta al terrorismo e quella frase che potrebbe annullare il voto
Per l'ex procuratore pubblico Paolo Bernasconi già oggi il tentativo di commettere un reato è punibile dalla legge.
ACQUAROSSA
21 ore
In troppi a caccia di quella pozza, nasce un sentiero in onore del Felice
Tanta gente in cerca del "luogo chiave" narrato dal romanzo di Fabio Andina. Senza trovarlo. Ecco la soluzione.
CANTONE
1 gior
«L’Udc fa gli interessi della lobby del petrolio»
I Verdi del Ticino reagiscono al video sulla legge sul Co2 diffuso oggi dal partito di Marco Chiesa.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile