Il politico che va in TV e poi non riesce a parlare
Fonte RSI
LOCARNO
24.03.21 - 18:450
Aggiornamento : 25.03.21 - 08:44

Il politico che va in TV e poi non riesce a parlare

È accaduto al candidato PLR Simone Merlini, già municipale: «Che figuraccia. Ma era la mia prima volta».

Il 36enne va completamente in tilt e si blocca in diretta. Nascono pure i meme che ironizzano sull'accaduto. Il sindaco Scherrer: «Lo avrei abbracciato». Guarda il video.

LOCARNO - Quando la politica può fare tenerezza. E suscitare emozioni vere. Un candidato al Municipio di Locarno va in diretta televisiva e si impappina come se fosse un bambino. Facendo praticamente scena muta. È accaduto martedì sera al liberale radicale Simone Merlini, 36 anni, che da novembre 2020 è titolare del Dicastero sicurezza, genio civile e acqua potabile dopo le dimissioni di Niccolò Salvioni. «Sul momento mi sarei alzato e lo avrei abbracciato per dargli forza – dice il sindaco Alain Scherrer, compagno di partito di Merlini –. Per lui era la prima esperienza in diretta. È una persona di grande umanità, valida e capace. E noi lo apprezziamo così come è». 

Un'ondata di solidarietà – Non capita tutti i giorni di vedere una scena come quella andata in onda nel dibattito elettorale su RSI La 2. Il diretto interessato, che non riuscendo a dire nulla di fronte alla domanda della conduttrice ha passato la parola ad altri, è stato comunque avvolto da un'ondata di solidarietà sui social network. Nel frattempo sono nati anche alcuni meme che, ironicamente, ripropongono la scena muta. «E pensare – fa notare Scherrer – che si sta parlando di un politico particolarmente apprezzato proprio per la sua capacità di dialogo e per la sua schiettezza». 

La voce del diretto interessato – «Certo ho fatto una bella figuraccia – ironizza Simone Merlini, interpellato da Tio/20Minuti –. Io sono uno che parla tantissimo con la gente. Ma in televisione non ero abituato, mi sono trovato davvero sotto pressione. Ed è una pressione che mi sono messo addosso da solo, i conduttori così come tutto lo staff sono stati gentilissimi. Temevo di dire la cosa sbagliata, ero in soggezione. A me piace la concretezza. Non amo farmi vedere. Solitamente chi mi vota, mi conosce personalmente. Anche i miei amici mi hanno preso in giro per quello che è accaduto. In diretta non ascoltavo neanche più di cosa stavano dicendo, mi sentivo in difficoltà, non vedevo l'ora che finisse».

«Volevo piantare lì tutto» – Una volta uscito dagli studi di Besso, Merlini ha ricevuto tantissimi messaggi di appoggio. «Almeno 400. Io dentro di me volevo piantare lì tutto. Poi una volta arrivato a casa mi sono rimesso in carreggiata. Anche la mia compagna mi ha capito. In fondo la politica comunale si fa con i fatti più che con le parole. Sono uno che ama stare in mezzo alla gente, uno che non apprezza particolarmente la giacca e la cravatta. Un cittadino come gli altri, con i suoi pregi e i suoi difetti. Nella vita si può sbagliare, nessuno è perfetto. La prossima diretta? Beh, il ghiaccio l'ho rotto, la prossima volta andrà sicuramente meglio».  
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
16 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
20 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
21 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 gior
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile