Immobili
Veicoli
Tamedia
CANTONE / SVIZZERA
24.03.21 - 12:010
Aggiornamento : 13:37

Boom di vendite per la carne

Nel 2020 la cifra d'affari ha raggiunto i cinque miliardi: +13,7% rispetto all'anno precedente

Il motivo sarebbe da ricercare in particolare nella parziale chiusura delle frontiere

LUGANO / BERNA - Nell'anno della pandemia la vendita di carne ha raggiunto una cifra d'affari record: in Svizzera si è infatti attestata a cinque miliardi di franchi, pari a un incremento del 13,7% rispetto all'anno precedente. Nel complesso - come si evince dal recente Rapporto del mercato della carne - le vendite sono aumentate del 12,1%. Il maggior incremento riguarda quella di suino, di cui sono state acquistate 28'600 tonnellate (+14,5%).

Il fenomeno si è fatto sentire anche nelle macellerie, come ci conferma Roberto Luisoni, titolare dell'omonimo negozio a Lugano e membro di comitato dell'Associazione mastri macellai salumieri del Canton Ticino e Mesolcina (AMMS). In particolare durante il lockdown della scorsa primavera, quando per circa due mesi tutto si è fermato: «Anche da noi c'è stato un forte afflusso di clienti: tutti si sono messi a cucinare, anche consumando la carne che altrimenti avrebbe mangiato al ristorante».

Ma questo non significa che durante la pandemia gli svizzeri abbiano aumentato il consumo di carne. Lo mostrano anche i dati di ProViande, l'associazione che rappresenta il settore elvetico della carne: nel 2020 sul piatto di ogni cittadino sono finiti in media circa 51 chili di carne, mentre nel 2019 erano 51,25. Il consumo è quindi rimasto stabile.

Chiusura dei ristoranti... e delle frontiere - Secondo Luisoni, l'aumento delle vendite non sarebbe da ricondurre alla chiusura dei ristoranti, ma piuttosto a un incremento degli acquisti interni. Si parla quindi della chiusura delle frontiere e del prolungato divieto di turismo della spesa. «Sappiamo bene che qui in Svizzera la carne sottostà a dazi doganali molto alti e manteniamo anche un prezzo che permetta di pagare l'agricoltura e tutto quello che c'è dietro alla produzione» ricorda Luisoni, aggiungendo: «Per quasi sei mesi non è stato possibile uscire liberamente dal paese, in Ticino come nelle altre regioni di confine elvetiche».

Ma l'ingrosso è calato - Se è vero che lo scorso anno i consumatori hanno acquistato più carne in Svizzera, le macellerie hanno però dovuto allo stesso tempo fare i conti con la chiusura dei ristoranti e l'annullamento delle feste estive. «Per quanto riguarda la nostra attività, abbiamo riscontrato un calo significativo della vendita all'ingrosso destinata ai ristoranti o alle feste campestri» ci dice ancora Luisoni. Una singola festa permette, per esempio, la vendita di mille chili di carne.

Fatto sta che il trend positivo per quanto riguarda la vendita a privati sembra continuare. «In negozio stiamo vivendo un buon periodo, soprattutto nei weekend» conclude Luisoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
12 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
12 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CANTONE
20 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
23 ore
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
1 gior
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
1 gior
Una fattura dal medico del traffico, più di cinque anni dopo
Decine di persone si sono viste richiedere il pagamento dell'IVA (entro 10 giorni) per le prestazioni ottenute nel 2016.
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
1 gior
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
1 gior
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile