tipress
LUGANO
18.03.21 - 23:570

«Dobbiamo impedire lo scontro per le vie della città»

A Lugano la sinistra insorge contro lo sgombero del centro sociale Molino. E punta il dito contro il Municipio

L'associazione Aida, vicina agli autogestiti: «Il Cantone intervenga come mediatore». Intanto la notifica della disdetta prende la via dell'ex Macello

LUGANO - A un mese dalle elezioni, la bomba Molino sembra pronta ad esplodere su Lugano. Con l'ultimatum lanciato dal Municipio agli autogestiti, inizia il countdown per quella che potrebbe essere "la" partita elettorale sul Ceresio. E i due opposti schieramenti sembrano già essersi formati. 

Dopo le prese di posizione di Ps e Mps, in serata anche i Verdi hanno detto la loro in un comunicato. Gli ecologisti parlano di «inutile scontro» e di tempistica sospetta. «La Città avrà infatti bisogno dello stabile solo tra 2 o 3 anni per ristrutturarlo, periodo nel quale le attività culturali e sociali alternative, seguite da centinaia di persone, potrebbero tranquillamente proseguire» si legge nella nota.

Come già il Ps e l'Mps, anche i Verdi parlano di una mossa elettorale: «Vien da pensare che il Municipio con la decisione odierna voglia causare manifestazioni non autorizzate in città, per poi presentarsi, agli occhi dell’elettorato, come garante di legge e ordine». 

Gli autogestiti hanno venti giorni di tempo per lasciare l'ex Macello di Lugano. Oggi l'esecutivo cittadino ha deciso di notificare una disdetta formale della convenzione sottoscritta nel 2002 assieme al Cantone e all'Associazione Alba. I venti giorni scatteranno dalla ricezione della notifica, dopodiché - se gli spazi non saranno liberati - partirà lo sgombero. 

Una «muscolare prova di forza» per l'associazione Aida, la più vicina agli autogestiti, che in una nota ribadisce «il diritto a forme di autogestione che vengano riconosciute come è successo in altre città elvetiche». Per il portavoce Bruno Brughera, quella del Municipio è «una fuga in avanti» che «ipotecherà quel poco che si poteva salvare in termini di dialogo e di progettualità».

Da parte dell'esecutivo, sottolinea Aida, «si è sempre cercato un pretesto per agire in un’ottica di rifiuto totale» e tale pretesto è arrivato domenica scorsa con la manifestazione non autorizzata alla stazione di Lugano. «Per anni abbiamo sentito ripetere il mantra che non c’è dialogo con la controparte, ma ora la città ribalta la situazione creando tensioni e un probabile conflitto sociale. A che pro?» chiede Brughera.

L'associazione invoca l'intervento del Cantone, colpevole di «essere rimasto troppo tempo latitante», e si dice disponibile a una mediazione «per impedire che si giunga ad uno scontro sociale nelle strade e piazze della città». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 min
Tesserete salta un altro carnevale
Cancellata preventivamente la manifestazione. «Rischio troppo alto»
CANTONE
3 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
5 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
5 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
9 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
20 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
21 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
1 gior
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
CANTONE
1 gior
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
1 gior
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile