TiPress - foto d'archivio
CANTONE
16.03.21 - 16:280

I bambini hanno diritto a “un vero accesso” alla scuola dell’infanzia

Lo ha deciso il Gran Consiglio approvato il rapporto della Commissione formazione su una mozione del 2018

In particolare, si nota come in alcuni asili (le differenze sono tra comuni e regioni) sia più difficile ottenere la frequenza a tempo pieno del primo anno (facoltativo, 32 ore).

BELLINZONA - "Il bambino non è pronto". Sono tante le mamme e i papà che si lamentano di sentirsi dire questa frase dal maestro al primo anno di asilo (scuola dell'infanzia) facoltativo. Soprattutto, si notano differenze nel percorso (e nel tempo) di inserimento dei bambini nelle varie regioni del cantone. Una situazione che va "controllata" e "risolta" secondo il Gran Consiglio, che ha oggi approvato (con 70 sì 4 no 2 astenuti) un rapporto della Commissione formazione e cultura.

Una mozione presentata tre anni fa (da Beretta Piccoli, Dadò e Gendotti) precisava che «un inserimento graduale dovrebbe andare in favore del bambino, e non essere strumentalizzato per creare uno schema di "rallentamento" ingiustificato della frequenza scolastica». E chiedeva che la frequenza a tempo pieno diventasse «la norma e l'obiettivo per tutti gli allievi».

La Commissione formazione e cultura ritiene «sostanzialmente adeguate e ben strutturate» le attuali direttive, ma precisa che «non si deve negare o procrastinare l’accesso alla scuola dell’infanzia se non vi sono validi motivi pedagogici o comportamentali». Per questo invita il Consiglio di Stato «a operare per eliminare le differenze ingiustificate» tra regioni, considerato che in alcuni circondari si tende a giungere alla frequenza a tempo pieno del bambino di 3 anni dopo un periodo più lungo. «Veniamo a sapere che a oggi (e siamo a marzo), bambini di almeno tre anni e mezzo non possono entrare a tempo pieno (32 ore settimanali) al primo anno facoltativo - ha detto oggi in aula la relatrice Maddalena Ermotti-Lepori -. In Ticino stiamo andando indietro».

Manuele Bertoli, ha confermato che il tema «è reale» ed «è difficile non pensare a una prassi diversa messa in atto dagli istituti» considerato che «si arriva a differenze quantitative evidenti e significative». Il direttore del DECS, dal canto suo, ha anche assicurato che «la discussione c'è», perché «i bambini di tre anni hanno il diritto di andare a scuola se i genitori lo vogliono».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASCONA
2 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
8 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
FOTO
LOCARNO
13 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE
13 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
2 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
2 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
RIAZZINO
2 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile