Ti Press (archivio)
LUGANO
11.03.21 - 19:100
Aggiornamento : 21:08

«Sogni di una generazione spazzati via come carta straccia»

Guido Sassi, titolare del Sass Café, si sfoga: «Messi in ginocchio nonostante misure di protezione che funzionano».

Il suo ristorante si trova nel cuore di Piazza Riforma. Ma il pensiero va anche alle realtà periferiche: «Ritrovi che sono la linfa vitale di paesini e valli rischiano di sparire».

LUGANO - «Siamo in ginocchio, bisogna riaprire al più presto». È Guido Sassi, titolare del Sass Café di Lugano, a lanciare l'ennesimo campanello d'allarme che riguarda il mondo della ristorazione. Un settore che ha dimostrato (salvo rare eccezioni) di rispettare le regole d'igiene e di distanziamento sociale, ma che da mesi ormai non può lavorare come vorrebbe. «Anche se il Consiglio federale ci mantiene per un anno attraverso gli aiuti, fra un anno il virus ci sarà ancora, sottolinea Sassi. «Cosa faremo, terremo chiusi i bar e i ristoranti per degli anni?».

Convivere col virus - Una preoccupazione che si fa ancor più grande alla luce degli ultimi dati epidemiologici, che vedono una curva nuovamente in leggero aumento nonostante le serrande abbassate da mesi. «Dobbiamo imparare a conviverci, così come conviviamo con molte altre malattie», argomenta Sassi, che vede nelle differenze fra ristorazione e commerci una grossa disparità di trattamento. 

«Sembrano titoli di film» - Sassi non vuol proprio sentire parlare di ondate: «Prima ondata, seconda ondata, ora terza ondata. Sembrano titoli di film. L'unica ondata che ci sarà è quella che riguarda i fallimenti, specie se ci toglieranno anche la Pasqua». Oltre all'aspetto finanziario, vi è poi quello psicologico: «I miei collaboratori, che sono molto bravi, stanno impazzendo con questa situazione»

Spopolamento di valli e paesini - Sassi gestisce dei locali in Piazza Riforma, nel cuore di Lugano. Ma il suo pensiero va anche alle realtà periferiche: «Ci sono ristoranti, grotti e piccoli ritrovi, magari gestiti a livello familiare o da giovani, i cui sogni verranno spazzati via come carta straccia. Ma ricordiamoci che rappresentano la linfa vitale per un paese o una valle intera. Almeno loro dovrebbero poter rimanere aperti». Per evitare che fra gli effetti nefasti della pandemia vi sia pure lo spopolamento delle zone più discoste del nostro cantone.

TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIOTTO
54 min
«Limitare gli spostamenti nelle zone colpite»
Emergenza nel Mendrisiotto: costituito uno Stato Maggiore regionale di condotta. L'appello della polizia agli abitanti
MESOCCO (GR)
1 ora
L'A13 piena di rotoli di plastica
Si tratta del carico che un mezzo ha perso lungo la semiautostrada in territorio di Mesocco
ROVEREDO (GR)
5 ore
Il lupi fanno incetta di pecore, anche in Mesolcina
Diverse predazioni sono avvenute in varie zone dei Grigioni. Ordinato l'abbattimento di un esemplare
CANTONE
7 ore
Covid: 31 nuovi casi, oltre la metà dei ticinesi sono vaccinati
Stabili i ricoverati, che rimangono a quota 12. Le cure intense ospitano 4 di loro.
CANTONE
11 ore
C'è un pacco sospetto per te
I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta
CANTONE
20 ore
Viaggi e svaghi all'osso... i ticinesi pagano le tasse
La pandemia colpisce duramente il gettito, ma nella cassa delle persone fisiche le entrate sono tornate a crescere
CANTONE
1 gior
«Gli alberghi sono aperti a qualsiasi tipo di ospite»
Pernottamenti solo per vaccinati? Per il presidente di HotellerieSuisse Ticino non è un'ipotesi da considerare
MENDRISIO
1 gior
Licenziamenti «barbari» alla Burberry
Unia e OCST prendono pubblicamente posizione nei confronti dell'azienda presente all'interno del Fox Town.
CANTONE
1 gior
Altri due pazienti in cure intense, i contagi sono 76
I dati sono relativi alle ultime 72 ore. Le persone ospedalizzate a causa della malattia ora sono dodici.
LUGANO
1 gior
Lo "scroccone seriale" si lamenta della Farera
Abituato agli hotel a 5 stelle - senza pagarli - un 40enne italiano ha scritto una lettera di reclamo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile