TiPress/Deposit - foto d'archivio
CANTONE
11.03.21 - 21:040
Aggiornamento : 22:07

«La pandemia non ha fatto cambiare scelta di mestiere ai giovani»

Intervista a Rita Beltrami, dell’Ufficio dell’orientamento, per capire cosa vogliano fare i ”piccoli” da ”grandi”.

«Il Covid-19 ha tolto agli allievi delle Medie la possibilità di toccare con mano alcune professioni, ad esempio in casa anziani».

BELLINZONA - Prima posticipato, poi annullato. Il coronavirus si è messo anche tra i giovani alla ricerca del loro futuro e Espoprofessioni. Che quest’anno ha però trovato una soluzione alternativa, “ibrida”. L’edizione 2021 si terrà dal 22 al 27 marzo con una serie di eventi via web e in presenza, che permetterà di scoprire e esplorare il mondo delle professioni e delle formazioni del postobbligo. Ma com’è possibile attirare i ragazzi senza i consueti stand del Padiglione Conza? Lo abbiamo chiesto a Rita Beltrami, presidente del comitato di organizzazione di Espoprofessioni e capo dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale.

Videochat e visite in presenza
«La risposta, da un lato, è Espo connect - ci spiega -. Nelle giornate di lunedì e martedì metteremo in contatto gli allievi con apprendisti in circa 60 professioni tramite videochat live. Coinvolgeremo le scuole medie, un giorno le terze e un giorno le quarte. Il sabato, che solitamente al Conza accoglie i dubbi dei genitori, insieme all’apprendista ci sarà un suo formatore o un rappresentante dell’associazione professionale». Ma gli allievi potranno anche uscire da scuola, grazie agli eventi in presenza (segnati con la P): porte aperte ai centri di formazione, visite in carrozzeria o negli alberghi, stage. «Guardate, scegliete e iscrivetevi - esorta Beltrami -. È un’opportunità e la scuola ve lo permette. In quella settimana approfittatene».

Conoscere ed esplorare per poi scegliere
Scegliere “cosa fare da grandi”, si sa, non è facile. È un momento fondamentale della vita. «Quando si entra in un percorso di scelta prima di tutto bisogna darsi il tempo. La scelta si costruisce guardandosi in giro, esplorando a 360 gradi e facendo delle esperienze - chiarisce la capoufficio dell’orientamento scolastico e professionale -. Noi lavoriamo anche molto con i docenti per aiutare gli allievi in questo percorso di scoperta, soprattutto nel secondo biennio della scuola media. È un grosso lavoro. Che per gli orientatori non è sempre facile. Devono sostenere gli allievi ma fare pure in modo che si rendano conto che dopo la scuola media cambiano i paradigmi e quello che ottengo dipenderà da loro». 

L'invito ai ragazzi: approfittatene
La pandemia ha influito sulle scelte di vita (e di formazione)? Non secondo l’osservazione di Rita Beltrami. «Lo scorso anno la chiusura totale ha fatto sì che qualche ragazzo in più optasse per i percorsi a tempo pieno. Quest’anno il lavoro a fianco dei giovani è stato più “normale”, là dove si poteva sono riusciti a fare degli stage e le consulenze si sono svolte presso le sedi scolastiche». Per quanto riguarda le professioni socio-sanitarie, «c’è sempre stato interesse per il settore. La pandemia non ha portato differenze rilevanti». Ma, conclude il presidente del comitato di organizzazione di Espoprofessioni, «è stato un po’ difficile avvicinare i giovani al confronto con la realtà di queste professioni, perché ad esempio gli stage in casa anziani non si potevano fare». La soluzione? L’agenda di Espoprofessioni include per esempio una proposta con dei filmati interessanti. Una sorta di “mise en scène” per far capire ai ragazzi cosa significa fare questo lavoro. Per «approfondire, far capire, mostrare la quotidianità delle professioni». C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
1 ora
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
2 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
4 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
6 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
15 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
18 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
20 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
23 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile