Deposit - foto d'archivio
LUGANO
04.03.21 - 16:230
Aggiornamento : 19:42

«Denunciate chi avvelena i cani!»

L'invito è del Municipio e del sindaco Borradori ai suoi cittadini. Anche ai 151 che hanno firmato la raccomandata

«Solo la denuncia potrà avviare la procedura di ricerca dei colpevoli». La legge prevede pene detentive fino a tre anni e pene pecuniarie per maltrattamento di animali.

LUGANO - Sono ben 151 i luganesi che hanno firmato la raccomandata indirizzata al Municipio di Lugano denunciando un problema: bocconi avvelenati per strada che mettono in pericolo i cani. L'input era stato l'ennesimo episodio, di cui abbiamo riferito su Tio.ch, a Viganello. La questione è stata affrontata anche da atti parlamentari, inoltrati sia all'attenzione del Municipio sia del Consiglio di Stato.

Ma c'è un dettaglio che lascia il Municipio sorpreso: nonostante le molte segnalazioni, solo una denuncia è giunta al Ministero pubblico (quella, appunto, di Viganello). Mentre nessuno si è rivolto al veterinario cantonale per animali domestici deceduti per avvelenamento. «Si tratta di un reato di rilevanza penale», ha detto oggi il sindaco di Lugano, Marco Borradori. E per dare alle autorità preposte gli strumenti per poter intervenire occorre che chi si imbatte in questi gravi episodi documenti il ritrovamento, prelevando se possibile il boccone, e sporga denuncia contro ignoti al Ministero pubblico o alla polizia, così da poter avviare la procedura di ricerca dei colpevoli.

Il sindaco, quindi, condannando questi «spregevoli atti», si rivolge alla popolazione: «Denunciate». D'altro canto la Città sensibilizza anche i veterinari sul territorio che dovessero affrontare casi di sospetto avvelenamento a informare il veterinario cantonale. La Legge federale sulla protezione degli animali sanziona il reato di maltrattamento di animali con pene detentive fino a tre anni e con pene pecuniarie.

TOP NEWS Ticino
CAMPIONE D'ITALIA
1 ora
Via libera alla riapertura del Casinò entro la fine dell'anno
Il Tribunale di Como ha dato l'ok a un'eventuale riapertura della casa da gioco, chiusa nel luglio del 2018.
CANTONE
2 ore
Nessun treno fra Mendrisio e Melide
A causa di un problema alla linea di contatto il traffico ferroviario è attualmente interrotto.
BRISSAGO
5 ore
Folgorato sul lavoro, 21enne in pericolo di vita
Il ragazzo stava lavorando su un palo dell'alta tensione a 10 metri di altezza quando ha ricevuto una scarica elettrica.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
I forti aiutano i deboli: dalla Confederazione arrivano oltre 50 milioni
Nell'ambito della perequazione finanziaria, al Ticino spetteranno 51,861 milioni di franchi.
CANTONE
7 ore
Ultimi giorni di un anno complicato
È l'ultima settimana di scuola in Ticino: il Decs fa il punto su come è andata
FOTO
CANTONE
7 ore
Il certificato Covid è arrivato anche in Ticino
Da oggi viene consegnato nei centri di vaccinazione. Chi è già vaccinato riceverà invece un SMS
CANTONE
8 ore
Anche oggi in Ticino meno di dieci contagi
Le autorità sanitarie segnalano sette nuovi casi e nessun decesso
LUGANO
12 ore
«Rispettate quella divisa»
Polizia stressata in riva al Ceresio. La denuncia del sindacalista Giorgio Fonio. E le conferme del comandante Torrente.
CADEMPINO
12 ore
Sfrattati a causa del Covid, ma gli aiuti non arrivano
Chiusi per mesi, riaperti con limiti insostenibili e poi sfrattati. Ma non soddisfano i requisiti dei casi di rigore.
BELLINZONA
1 gior
Sciopero delle donne, assedio al Castello
Slogan, manifesti e picnic. Le donne scendono in piazza contro la violenza di genere e parità salariale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile