Keystone - foto d'archivio
CANTONE / SVIZZERA
04.03.21 - 12:250
Aggiornamento : 13:47

I ticinesi si fanno scartare

L'idoneità al servizio è del 68,5%. Tra i cantoni, il Ticino viene dopo solo Vallese, Neuchâtel e Glarona

Nell'intera Svizzera, sono state emesse 182 dichiarazioni di rischio. In questo modo, l'esercito vuole impedire che le persone potenzialmente pericolose ricevano un'arma.

BERNA - Lo scorso anno il 73% delle persone soggette all'obbligo di leva è stato considerato abile al servizio militare nei centri di reclutamento dell'esercito. L'8,4% è invece stato ritenuto idoneo alla protezione civile, mentre il 18,6% è stato scartato per ragioni mediche. Il Ticino si trova nei bassifondi della classifica.

In totale, nel 2020 sono state 23'687 le persone che hanno ricevuto una decisione definitiva nei sei centri di reclutamento, informa oggi tramite una nota Aggruppamento Difesa. Di queste, 17'302 sono state dichiarate abili al militare, 1'981 alla protezione civile e 4'404 inabili dal punto di vista medico. Altri 1'248 individui sono stati rimandati per vari motivi.

In confronto al 2019, l'idoneità al servizio è aumentata del 2,1%, mentre quella alla protezione civile è scesa dello 0,9%. I cantoni registrano tassi diversi fra di loro, che oscillano tra l'89,7% di Obvaldo e il 62,7% di Vallese e Neuchâtel.

Il Ticino è uno di quelli con la quota di idoneità più bassa, come si evince dall'apposita tabella. Con il 68,5%, oltre ai già citati Vallese e Neuchâtel, si mette infatti dietro solo Glarona (65,0%). Il cantone italofono registra invece percentuali del 12,6% e del 18,9% per quel che concerne protezione civile e inabili.

Insieme a Obvaldo, si trovano sopra la soglia dell'80% anche altri due cantoni della Svizzera centrale, ovvero Lucerna (83,6%) e Nidvaldo (82,6%). I Grigioni dal canto loro sono al 70,3%, valore che li colloca nella seconda metà della graduatoria.

Hanno invece subito un nuovo e forte calo le domande di differimento dal servizio. I cittadini che hanno scelto questa strada sono stati 5'486, il 19% in meno dei 6835 dell'anno prima. Addirittura, rispetto al 2018, quando è stato introdotto l'inizio flessibile della scuola reclute, la diminuzione è del 44%.

Nel comunicato si ricorda come, a causa della pandemia, nel 2020 si sia resa necessaria la sospensione del reclutamento per diverse settimane, per poi riprendere da giugno con cicli ridotti. È stato comunque possibile garantire un apporto di personale sufficiente per l'inizio della scuola reclute estiva e di quella invernale.

Le donne convocate al reclutamento sono state 412. Di queste, 379 hanno ricevuto una decisione definitiva e a 345 è stato possibile assegnare una funzione nell'esercito. Ciò corrisponde a un'idoneità del 91%. In 72 sono inoltre state smistate alla protezione civile, in 26 al Servizio della Croce Rossa e 71 sono state raccomandate per un impiego di promozione della pace. Hanno assolto una valutazione per un futuro da sottufficiale superiore o ufficiale in 120, di cui solo 4 hanno ottenuto una raccomandazione negativa.

Infine, nell'ambito dei controlli di sicurezza, sono state emesse 182 dichiarazioni di rischio. In questo modo, l'esercito vuole impedire che le persone potenzialmente pericolose ricevano un'arma.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nandolf 9 mesi fa su tio
Per me è stata una bellissima esperienza!
volabas56 9 mesi fa su tio
Ho fatto il servizio militare, compreso di tutti i corsi di ripetizione. Non ero particolarmente zelante, perchè ritenevo fosse piu' utile utilizzare il tempo per cose piu' concrete e di aiuto alla nazione. Pero' preferisco vedere un ticinese che si fa scartare ( motivi suoi), che vedere soldati con l'uniforme dell'esercito svizzero che esibiscono orgogliosammente la bandiera Albanese ; pur avendo tutto il rispetto per l'Albania e i suoi cittadini.
Boh! 9 mesi fa su tio
...niente contro l’esercito, trattasi di posti di lavoro diretti e indiretti. Il militare però lasciamolo fare a chi ha il tempo per farlo.
demon631 9 mesi fa su tio
Forse i veri Ticinesi sono così pochi ? I veri Ticinesi come me, sarebbero tutti orgogliosi di fare parte dell'esercito Svizzero, ora abbiamo più stranieri fatti Svizzeri che non gliene frega di meno di far parte del nostro esercito. Altra possibilità i nostri giovani non hanno più fiducia dei politici e nell'esercito, troppi frontalieri per un cantone così piccolo ? La politica non vuole fare niente per arginare questa piaga......a voi le conclusioni........non voglio vedere commenti di voi frontalieri, mi state tutti li sui zebedei....
Duca72 9 mesi fa su tio
@demon631 Parla per tè !!! Ticinese da quando è nata la Svizzera ma orgoglioso di fare il militare nemmeyun po’. Tempo buttato via
Duca72 9 mesi fa su tio
@demon631 E riguardo ai frontalieri il commento te lo faccio io visto che non lo vuoi da loro: meno male che li abbiamo !!!! Ps ai frontalieri ; non siamo tutti ottusi in Ticino ci sono ticinesi che capiscono che importanza avete per il nostro cantone, siete benvenuti.
Dantissimo 9 mesi fa su tio
@demon631 Che cos'è un vero ticinese?
Gualtierino 9 mesi fa su tio
@demon631 Visto che mi sento un po’ tirato in causa eccoti un’altra spiegazione: -Non ho fatto il militare perché non mi andava di perdere tempo in un’armata brancaleone comandata da gente mediocre che nel settore privato non combinerebbe un tubo -Ho potuto cominciare subito gli studi (master in ingegneria non laurea-spazzatura in economia o roba simile) e ora lavoro nella nostra industria esportatrice contribuendo al benessere della Svizzera più di tanti pseudo patrioti che lavorano in settori parassitari -I miei limiti fisici gli ho potuti sperimentare con lo sport competitivo (miglior punteggio nel gruppo di reclutamento!), i limiti psichici nello studio e nella vita di tutti i giorni -Se il militare fosse una cosa seria e ben organizzata (tipo Israele) a suo tempo c’avrei fatto un pensiero
centauro 9 mesi fa su tio
@demon631 Pensa....una sera vai al ristorante e chi ti serve è un cameriere di Maccagno, un giorno potresti finire all'ospedale e chi si prenderà cura di te?.......una infermiera di Porto Ceresio. Quando sarai anziano ed entrerai in una casa di riposo chi si prenderà cura di te?.......degli operatori di Porlezza, Luino. Cugliate Fabiasco, Rovello Porro, Cantello, Cannero......
Lore61 9 mesi fa su tio
@demon631 Hihihi... Probabilmente sei giovane e non conosci la storia del Ticino e dei "Ticinesi"... Per tua informazione circa a fine 700 senza Napoleone e senza l'Atto di Mediazione il Ticino non sarebbe MAI esistito! Le terre ticinesi divennero, all'incirca dopo il 1100, il teatro delle guerre fra i potenti Comuni vicini di Como e Milano, e furono definitivamente conquistate alla metà del XIV secolo dai Duchi di Milano, i Visconti, poi seguiti dagli Sforza! In poche parole il "Ticino" era Italia, mentre I territori della Valtellina, Bormio e Chiavenna, rimasero svizzeri per secoli, fino appunto all'invasione dei cisalpini napoleonici. Quindi figliolo ti sta sugli zebedei tu stesso! 🤣🤣🤣🤣
Lore61 9 mesi fa su tio
@demon631 Hihihi... Probabilmente sei giovane e non conosci la storia del Ticino e dei "Ticinesi"... Per tua informazione circa a fine 700 senza Napoleone e senza l'Atto di Mediazione (1803) il Ticino non sarebbe MAI esistito! Le terre ticinesi divennero, all'incirca dopo il 1100, il teatro delle guerre fra i potenti Comuni vicini di Como e Milano, e furono definitivamente conquistate alla metà del XIV secolo dai Duchi di Milano, i Visconti, poi seguiti dagli Sforza! In poche parole il "Ticino" era Italia, mentre I territori della Valtellina, Bormio e Chiavenna, rimasero svizzeri per secoli, fino appunto all'invasione dei cisalpini napoleonici. Quindi figliolo "vero Ticinese" ti stai sugli zebedei tu stesso! 🤣🤣🤣🤣
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
51 min
Il Vanilla chiude dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
5 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
6 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
7 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
8 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
12 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
13 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
14 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
14 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
16 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile