TiPress - foto d'archivio
GORDOLA
04.03.21 - 23:310

Scuole al Burio e amianto, il sindaco vuole fare chiarezza

«La situazione è conosciuta e sotto controllo da sempre. La prima perizia risale al 2006, non siamo degli sprovveduti»

GORDOLA - I cittadini di Gordola domenica saranno chiamati alle urne (anche) per un tema comunale: il referendum sugli istituti scolastici comunali al Burio. Dovranno votare i crediti per il risanamento dell’istituto e la ristrutturazione della palestra, compresi gli spogliatoi. Da una parte c’è il Municipio che spinge per due “sì”, dall’altra c’è chi preferirebbe una scuola tutta nuova altrove.

Ma la polemica si è accesa quando si è cominciato a parlare di amianto e di un preventivo per la bonifica risalente al 2019. Per cui il municipale Bruno Storni ha inoltrato una segnalazione alla Sezione degli enti locali. E alla comparsa del termine “amianto” gran parte della popolazione si è spaventata. Ecco perché il sindaco di Gordola, Damiano Vignuta, intende ora fare un po’ di chiarezza.

«Sono preoccupato - dice -. Non vorrei che la votazione sul referendum venisse influenzata solo da questo tema, distogliendo l’attenzione dal clou della questione, ovvero l’urgenza di risanare le scuole. Se la gente va a votare pensando solo all’amianto, c’è il rischio di sottovalutare altri importanti aspetti».

Vignuta, quindi, fa notare come l’amianto sia presente «nel 90% degli edifici ticinesi. Purtroppo, in praticamente tutti quelli costruiti fino agli anni Novanta». Ma, assicura, «la situazione è conosciuta e sotto controllo, da sempre. Il progetto di risanamento ne tiene conto. Non siamo degli sprovveduti e la prima perizia risale al 2006».

Il sindaco ritiene sbagliato «creare paure e far leva sull’emotività», perché «è ingiustificato» in vista del referendum. La scuola è attualmente frequentate da 300 bambini, genitori e personale. E «non ci sono rischi per la salute».

Qualora passasse il “sì”, domenica, il risanamento dell’istituto verrà realizzato “blocco per blocco”: «Uno a uno verranno isolati e svuotati. Gli allievi andranno a scuola negli altri. Il cantiere sarà protetto e lo stabile risanato da ditte specializzate, come si fa con ogni altra costruzione, pure le abitazioni private». Proprio su questo punto, Vignuta fa notare un aspetto finora taciuto: «L’amianto si trova nei tetti e nella colla con cui sono state messe alcune piastrelle. Se domenica, al referendum, vincesse il “no”, i tetti dovranno comunque essere rifatti a breve, perché necessitano di manutenzione. E i lavori verranno svolti ugualmente mentre i bambini vanno a scuola».

A conferma della sua buona fede, il sindaco conclude: «Il tema non va sottovalutato, ma neppure enfatizzato. Io sono papà, mio figlio ha 5 anni e andrà a scuola al Burio, quando (potenzialmente) ci sarà il cantiere. Non sono uno sprovveduto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
1 ora
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
5 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
6 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
8 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
9 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
13 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
14 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
15 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
15 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
17 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile