TiPress - foto d'archivio
GORDOLA
04.03.21 - 23:310

Scuole al Burio e amianto, il sindaco vuole fare chiarezza

«La situazione è conosciuta e sotto controllo da sempre. La prima perizia risale al 2006, non siamo degli sprovveduti»

GORDOLA - I cittadini di Gordola domenica saranno chiamati alle urne (anche) per un tema comunale: il referendum sugli istituti scolastici comunali al Burio. Dovranno votare i crediti per il risanamento dell’istituto e la ristrutturazione della palestra, compresi gli spogliatoi. Da una parte c’è il Municipio che spinge per due “sì”, dall’altra c’è chi preferirebbe una scuola tutta nuova altrove.

Ma la polemica si è accesa quando si è cominciato a parlare di amianto e di un preventivo per la bonifica risalente al 2019. Per cui il municipale Bruno Storni ha inoltrato una segnalazione alla Sezione degli enti locali. E alla comparsa del termine “amianto” gran parte della popolazione si è spaventata. Ecco perché il sindaco di Gordola, Damiano Vignuta, intende ora fare un po’ di chiarezza.

«Sono preoccupato - dice -. Non vorrei che la votazione sul referendum venisse influenzata solo da questo tema, distogliendo l’attenzione dal clou della questione, ovvero l’urgenza di risanare le scuole. Se la gente va a votare pensando solo all’amianto, c’è il rischio di sottovalutare altri importanti aspetti».

Vignuta, quindi, fa notare come l’amianto sia presente «nel 90% degli edifici ticinesi. Purtroppo, in praticamente tutti quelli costruiti fino agli anni Novanta». Ma, assicura, «la situazione è conosciuta e sotto controllo, da sempre. Il progetto di risanamento ne tiene conto. Non siamo degli sprovveduti e la prima perizia risale al 2006».

Il sindaco ritiene sbagliato «creare paure e far leva sull’emotività», perché «è ingiustificato» in vista del referendum. La scuola è attualmente frequentate da 300 bambini, genitori e personale. E «non ci sono rischi per la salute».

Qualora passasse il “sì”, domenica, il risanamento dell’istituto verrà realizzato “blocco per blocco”: «Uno a uno verranno isolati e svuotati. Gli allievi andranno a scuola negli altri. Il cantiere sarà protetto e lo stabile risanato da ditte specializzate, come si fa con ogni altra costruzione, pure le abitazioni private». Proprio su questo punto, Vignuta fa notare un aspetto finora taciuto: «L’amianto si trova nei tetti e nella colla con cui sono state messe alcune piastrelle. Se domenica, al referendum, vincesse il “no”, i tetti dovranno comunque essere rifatti a breve, perché necessitano di manutenzione. E i lavori verranno svolti ugualmente mentre i bambini vanno a scuola».

A conferma della sua buona fede, il sindaco conclude: «Il tema non va sottovalutato, ma neppure enfatizzato. Io sono papà, mio figlio ha 5 anni e andrà a scuola al Burio, quando (potenzialmente) ci sarà il cantiere. Non sono uno sprovveduto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CHIASSO
2 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
6 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
9 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
9 ore
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
CANTONE
13 ore
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
CANTONE
13 ore
Il lavoro che c'è, ma che tutti ignorano
Skyguide cerca controllori del traffico aereo per l'aeroporto di Lugano-Agno. I residenti però non rispondono.
FOTO
CANTONE
23 ore
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
23 ore
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
LUGANO
1 gior
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile