Tipress
CANTONE
26.02.21 - 12:130
Aggiornamento : 16:05

Gelata in pista: il Governo chiude le terrazze dal 1. marzo

La decisione presa dopo che non è stato possibile trovare un compromesso tra Berna e i Cantoni interessati

I servizi di take-away potranno invece continuare la propria attività. 

BELLINZONA - Gelata sulle terrazze aperte sulle piste. Gli sciatori potranno godersele ancora per un weekend. Da lunedi si chiude. Lo comunica il Consiglio di Stato che ha preso la decisione dopo alcuni colloqui tra rappresentanti del Consiglio federale e di alcuni Cantoni svizzeri, tra cui il Ticino. Colloqui che non hanno permesso di trovare un compromesso. Per questo motivo il Consiglio di Stato, in maniera coordinata con i Cantoni di Uri, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona, ha deciso che a partire da domenica 28 febbraio 2021 alle 17 le terrazze dovranno essere chiuse.

Interpretazione non condivisa da Berna - Come noto, in sei Cantoni svizzeri, è attualmente possibile consumare alimenti e bevande sulle terrazze dei take-away dei comprensori sciistici. Questo naturalmente nel pieno rispetto dei piani di protezione previsti per la gastronomia (tavoli distanziati, massimo di quattro persone per tavolo, tracciamento, ecc.). Secondo i Cantoni la regolamentazione di questi spazi rientra nelle disposizioni previste dai piani di protezione per i comprensori sciistici e, di conseguenza, sarebbe di competenza dei Cantoni. Il Consiglio federale non condivide questa interpretazione e ha ribadito che l’utilizzo di questi spazi è regolamentato dall’Ordinanza federale. Le autorità federali hanno quindi chiesto ai Cantoni di rispettare e far applicare queste disposizioni.  

Il passo indietro - I Cantoni hanno cercato di spiegare alle autorità federali i vantaggi legati alla messa a disposizione di questi spazi per il consumo di bevande e alimenti sulle piste da sci. Dopo alcuni colloqui avvenuti ieri sera, giovedì 25 febbraio 2021, non è stato raggiunto un compromesso. Anche se da un punto di vista epidemiologico si resta convinti della bontà della soluzione proposta, i Cantoni hanno deciso di dare seguito alle richieste del Consiglio federale.  

Il take-away continuerà - Per questo motivo, il Consiglio di Stato ticinese, in maniera coordinata con i Governi dei Cantoni di Uri, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona, ha deciso che a partire domenica 28 febbraio 2021 alle 17 le terrazze dei comprensori sciistici dovranno chiudere. I servizi di take-away potranno invece continuare la propria attività. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
È evidente che la questione terrazze non è un problema sanitario. IL CF è in balia di pressioni di quei cantoni che non hanno aperto le piste da sci. E ora visto che chi ha aperto ha avuto ragione, senza provocare infetti, si è dato da fare per mettere il bastone tra le ruote degli altri. La dichiarazione del membro della taskforce degli esperti sulla questione è una arrampicata sui vetri, nessuna giustificazione o dimostrazione di conseguenze negative. Vogliono far chiudere gli impianti ,per agonia . Almeno avessero gli attributi di obbligarli a chiudere , ma di pagare gli indennizzi
Tzozjlred 1 mese fa su tio
...siamo in guerra, mah non possiamo permetterci di aver paura. Io dico basta al terrorismo mediatico e al panico. Rimettiamoci in discussione senza dimenticare di difenderci con i mezzi che abbiamo a disposizione (mascherine, distanza, igiene) e ospedali, respiratori, e tanto buon senso. Non possiamo più permetterci le chiusure totali perché causano danni irreparabili alle economie (lavoro, PIL) e problemi psicologici di massa dei nostri giovani(suicidi,ricoveri coatti). Questa è una.guerra subdola, dobbiamo vincerla non sottometterci.
Findus 1 mese fa su tio
Ah ah ah che ridere Gobbi parla di compromesso per non creare un problema istituzionale con Berna! Il Nano si rivolta nella tomba... Avanti leghisti coerenza zero Zali frattempo ha fatto uno sbadiglio
RV50 1 mese fa su tio
Chiudiamo degli spazi aperti e in regola con le distanze e lasciamo entrare sul nostro territorio lavoratori che vivono in una zona rossa ? Io non sono un sciatore e nemmeno contro i frontaglieri quindi il mio commento non é di parte ma mi sembra che la cosa stia fuggendo di mano ai nostri governanti.
centauro 1 mese fa su tio
@RV50 Zona rossa dove?
Booble63 1 mese fa su tio
Politici senza palle. Succubi di virologi e medici malati di protagonismo e di funzionari coi piedi al caldo. Gente che non ha mai rischiato nulla di suo ma che per sgravarsi dalle responsabilità delle loro decisioni si nascondono dietro leggi e ordinanze create ad hoc. CONIGLI !
Duca72 1 mese fa su tio
Chiudete le scuole !!!!!!
F/A-19 1 mese fa su tio
Per una volta che c’è neve in abbondanza lasciate divertire i giovani all’aria aperta, in montagna, con tanta aria buona.
Shion 1 mese fa su tio
@F/A-19 Tanta aria buona? E questa massa menefreghista di automobili che raggiunge le stazioni sciistiche contribuisce a questa aria buona? Quando andrebbe benissimo anche raggiungere a piedi la natura appena fuori di casa!
F/A-19 1 mese fa su tio
@Shion È vero, infatti io quando voglio sciare non prendo l’auto per andare in montagna, vado alla foce del Cassarate.....
Nmemo 1 mese fa su tio
Sembrerebbe che il CF abbia intenzione di bloccare i ristorni nei Cantoni recalcitranti all’ordinanza federali in materia di prevenzione.
lecchino 1 mese fa su tio
Bernesi tdc
Didimon 1 mese fa su tio
Piste da sci.. Apriamo tutto prima che sia troppo tardi.. Pf.. Siamo agli sgoccioli
Chinuzza 1 mese fa su tio
Mah sembra che ci stiamo avviando ad una dittatura.., incredibile
stefanobig 1 mese fa su tio
Pio pio
Ivan 1 mese fa su tio
Sempre più pagliacci
Eimco104 1 mese fa su tio
Conigli!!!
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
6 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
9 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
13 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
16 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
CANTONE
17 ore
78 nuovi casi di Coronavirus in Ticino, nessun decesso
I nuovi ricoveri sono invece 7, mentre 7 persone hanno potuto lasciare le strutture ospedaliere.
CANTONE
20 ore
Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»
Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti
CANTONE
21 ore
Il lavoro che c'è, ma che tutti ignorano
Skyguide cerca controllori del traffico aereo per l'aeroporto di Lugano-Agno. I residenti però non rispondono.
FOTO
CANTONE
1 gior
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile