tipress
Massimo Suter
CANTONE
24.02.21 - 19:000
Aggiornamento : 05.03.21 - 12:01

«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»

Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"

BELLINZONA - Delusione per la decisione del Consiglio federale. Dopo le proteste di Gastrosuisse, anche dal Ticino si leva una voce arrabbiata ed è quella di Massimo Suter. Il presidente dei ristoratori chiede un «segnale» che riporti fiducia nel settore, gravato da debiti e da mesi di inattività. 

«In pochi oggi hanno liquidità necessaria, anzi, oggi più che mai ci sentiamo soli e abbandonati dalla politica» si legge in una nota diffusa in serata da GastroTicino. «In tantissimi si sono indebitati per mettersi in regola». Ora - prosegue l'associazione - nel settore «si rischia la depressione». 

A preoccupare non è tanto il "no" di oggi, quanto la prospettiva di tempi incerti e di allentamenti «a yo-yo» con continue riaperture e ri-chiusure nei prossimi mesi. «Chiediamo al governo e al comitato tecnico scientifico di dare prospettive diverse, più certe, ma anche più motivanti, a un settore che ha pagato un prezzo altissimo durante questa pandemia, ma soprattutto che ha già dimostrato di poter lavorare in totale sicurezza rispettando le norme di protezione». 

Per quanto riguarda la riapertura delle terrazze, Suter ribadisce una posizione già espressa nei giorni scorsi. Quella di un rifiuto «per principio». La misura creerebbe «una situazione di concorrenza sleale nei confronti di quelle realtà che non hanno spazi esterni, creando inutili tensioni in un settore già duramente provato da mesi di forzata chiusura».

L'appuntamento da non mancare, ora, è quello con la Pasqua. Che per la ristorazione ticinese vale - ricorda GastroTicino - il 10 per cento del fatturato annuo. «L'afflusso dei turisti appare scontato» avverte Suter, mettendo in guardia dai possibili assembramenti incontrollati all'aperto «nelle piazze e nei vicoli cittadini», rispetto ai quali sarebbe preferibile «la comprovata esperienza dei ristoratori». 

«Ribadiamo che le aziende sono preparate, da tempo - conclude la nota - a farsi trovare pronte con le opportune misure di protezione e, dove è il caso, aggiornate. Le imprese sono anche disponibili per avere un ruolo attivo in termini di vaccinazioni e di test a tappeto, qualora l’Autorità cantonale ritenesse opportuno il loro coinvolgimento come già avviene in parte in altri Cantoni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 ora
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
4 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
5 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
20 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
21 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
21 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile