TiPress - foto d'archivio
CANTONE
24.02.21 - 19:430

Anche oggi non si parla di “ecomafia”

Ancora "rimandata" l'interpellanza di Pronzini sui presunti inquinamenti a opera della Silo & Beton Melezza SA

Per il deputato si tratta di «censura». Il presidente del Gran Consiglio: «Volevo consentire la possibilità di ricevere delle risposte a delle domande lecite, senza snaturarle». Tutto rinviato all'Ufficio di presidenza.

BELLINZONA - L'interpellanza è di inizio dicembre. Ma neppure oggi, in Gran Consiglio, se n'è parlato. Presentata da Matteo Pronzini (MPS), riguardava «inquinamenti e sversamenti abusivi nel Locarnese a opera della Silo & Beton Melezza SA», nota ditta di betonaggio. 

L'atto presentato faceva riferimento a una precedente interrogazione (agosto 2019) a cui il Consiglio di Stato aveva risposto e sulla quale il deputato aveva sollevato parecchi dubbi. Parlando di «menzogne», «scuse ridicole», «marcato immobilismo dei funzionari» del Cantone, volontà dello Stato di «non toccare un membro della famiglia» e «ecomafia». Termini i cui "toni" non sono stati accettati dall'Ufficio di presidenza del Gran Consiglio, che a metà dicembre aveva sottoposto l'interpellanza all'articolo 52 della Legge del Gran Consiglio per una richiesta di intersecazione.

Oggi, in aula (al mercato coperto di Mendrisio), Matteo Pronzini ha parlato di «censura» chiedendo di «mettere al voto le censure fatte» all'atto parlamentare. Un atteggiamento che ha infastidito il presidente, Daniele Caverzasio, che ha messo al voto il rinvio all’Ufficio presidenziale «per valutare altri approfondimenti» (approvato con 37 favorevoli).

Caverzasio, comunque, non si è tirato indietro nel dare una spiegazione al deputato MPS: «L’intersecazione è stata richiesta perché si è valutato che i toni dell’interpellanza fossero andati un po’ oltre rispetto a delle domande, lecite, che è giusto porre. Volevo consentire la possibilità che si dessero delle risposte, senza snaturare le sue domande. Ma pure senza entrare in una situazione in cui lei pone la domanda e il Consiglio di Stato non dà risposte per le modalità con cui viene posta. Era stato usato un po’ di pragmatismo». E ancora, rivolgendosi direttamente a Pronzini: «I toni erano andati oltre le righe e l'intersecazione riguardava il dibattito.  Abbiamo voluto venirle incontro per non fargliela riscrivere». 

Ma, all'insistenza del deputato, il presidente del Gran Consiglio ha perso la pazienza e ha messo al voto il rinvio. «Se qualcuno non è disposto ad accettare dei compromessi che portino delle risposte al popolo, ma vuole solo fare polemica, sono un po’ stufo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
6 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
7 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
7 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
8 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
9 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
13 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
14 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
17 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
17 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
21 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile