keystone
CANTONE
22.02.21 - 18:500

Serve un tampone negativo per poter morire

In Ticino 26 persone hanno trovato la morte con Exit nel 2020. Tre in più rispetto all'anno precedente.

Ciò, nonostante alcuni limiti legati alla possibilità di accedere alle strutture anziani. «Problemi risolti nel corso dell'anno», ci spiega il portavoce Ernesto Streit.

BERNA - Sono 913 le persone che lo scorso anno hanno trovato la morte in Svizzera tramite Exit. Di queste, ci riferisce oggi il portavoce di Exit Ticino, Ernesto Streit, 26 lo hanno fatto in Ticino. «Nel 2019 gli accompagnamenti erano stati 23. Tuttavia non possiamo parlare di un aumento trattandosi sempre di numeri molto piccoli. Diciamo quindi che siamo in linea con gli altri anni».

Crescono gli iscritti - C'è tuttavia un dato al quale si deve dare ragione, che è quello della crescita costante degli iscritti: «Se pensiamo che da poco abbiamo superato i 135mila in Svizzera, e in Ticino sono circa 3mila, si capisce che l'interesse c'è. Ed è al rialzo, nonostante la medicina palliativa, oggi, offra delle buone alternative. In Svizzera continuiamo a registrare annualmente quei 10/12 mila iscritti in più». 

«Ci si prepara all'idea» - Iscritti, sostiene Streit, che non necessariamente pensano alla morte dolce: «Faccio sempre un paragone con la Rega. Chi si iscrive, lo fa per usufruire in futuro di un eventuale intervento e non pagarlo. Qui è un po' la stessa cosa. La gente vuole essere tranquilla di poter accedere al servizio. Si iscrive, in qualche modo, per prepararsi, confrontarsi con questo tema. E poi sostenerci, anche politicamente». 

Pochi giovani - L'età dei soci, in ogni caso, abbraccia pochi giovani. «Non ho sotto mano il dato preciso, ma l'età media degli iscritti è adulta. Le persone che ricorrono al suicidio, poi, hanno in media circa 78 anni. Il dato nazionale corrisponde a quello ticinese». Corrisponde anche la tipologia di malattia di chi sceglie di essere accompagnato alla morte: «Malati terminali di cancro o affetti da gravi dolori cronici».

Il problema Covid - Nell'anno del Covid i problemi non sono mancati, ma sono stati superati senza lasciare particolari strascichi: «C'è stato un periodo, specie durante la prima fase della pandemia, in cui chi chiedeva di morire e si trovava in una casa anziani non poteva accedere al suicidio assistito. Al momento attuale questi limiti non ci sono più. Diciamo che negli ultimi 6 mesi non abbiamo avuto persone che non hanno potuto accedere al suicidio assistito a causa del Covid», conclude il portavoce. Diverso è il caso per chi di Covid è malato: «La persona positiva al Coronavirus non può accedere al suicidio assistito. Ciò per ovvie ragioni legate alla protezione dei nostri collaboratori».

Ironia della sorte, in questi tempi strani. Chi contrae il virus, deve "stare bene" prima di poter morire: «Si chiede loro un tampone negativo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
32 min
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
44 min
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
3 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
4 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
12 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
14 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
17 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
21 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
1 gior
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile