Ti-Press
CANTONE
26.02.21 - 06:000

«Crescono l'ansia e la paura per il futuro»

Il Telefono Amico ha avuto un aumento delle chiamate durante le due ondate e il numero dei suicidi è restato stabile.

La portavoce Claudia Cattaneo: «La pandemia ha lasciato segni profondi. In tanti ci confessano il loro timore di non riuscire a tornare a vivere come prima».

BELLINZONA - «Durante la prima e la seconda ondata abbiamo avuto un aumento delle richieste d'aiuto». Le parole di Claudia Cattaneo, portavoce del Telefono Amico, confermano l'allarme - lanciato negli scorsi giorni - che la pandemia e le misure di contenimento adottate per contenere la diffusione del contagio hanno avuto un effetto tossico sulla nostra psiche. Una situazione (preoccupante) che viene ulteriormente suffragata dal numero dei suicidi registrato nel 2020 in Ticino che come sottolinea su richiesta la polizia cantonale è rimasto stabile nel 2020: «Per quanto riguarda i suicidi siamo nella media degli scorsi cinque anni», precisa il portavoce Stefano Gianettoni.

Questo scenario a tinte fosche è stato pure fotografato da uno studio al quale hanno preso parte 11'612 persone pubblicato poco prima di Natale. Dallo Swiss Corona Stress Study emerge infatti che la percentuale degli svizzeri con gravi sintomi depressivi è aumentata in maniera significativa durante la seconda ondata arrivando a toccare il 18%.

Una situazione simile la stiamo vivendo anche nel nostro cantone. Le principali problematiche sono legate al senso di solitudine, al distacco dell'intreccio sociale e all'umore, oltre che a disturbi legati al sonno. Tutti sintomi depressivi che hanno contribuito a moltiplicare le richieste di aiuto: «In questi mesi - ha precisato il mese scorso il presidente degli psicologi ticinesi Nicholas Sacchi su Piazzaticino - abbiamo ricevuto circa il 60% di telefonate in più rispetto al solito».

E un marcato incremento delle chiamate durante la prima e la seconda ondata è stato registrato pure dai volontari del Telefono Amico Ticino e Grigioni Italiano, organizzazione che proprio quest'anno taglia l'importante traguardo dei 50 anni d'attività. «L'argomento Covid-19 - ci spiega Claudia Cattaneo - è ovviamente presente molto spesso nei nostri colloqui. Durante la primavera e tra dicembre 2020 e gennaio 2021 abbiamo avuto un aumento delle chiamate. La pandemia pone grandi domande e contribuisce a far sentire particolarmente fragile e insicura la popolazione. Crescono l'ansia per il futuro e la paura».

Il Covid-19 non è l'unico tema trattato, benché al momento sia (ovviamente) quello predominante. «La pandemia ha lasciato segni profondi. In tanti ci confessano il loro timore di non riuscire a tornare a vivere come prima. La paura della malattia è pure molto presente, così come le preoccupazioni sulle vaccinazioni».

Chi chiama il 143 necessita soprattutto di essere ascoltato. Senza sentirsi giudicato. Senza pregiudizi. «Molte persone ci chiamano perché sono sole», ricorda Cattaneo. «Il nostro scopo è quello di offrire un colloquio di aiuto. Questo significa fare in modo che la persona che si rivolge a noi possa trovare le forze per attraversare la crisi attivando le proprie risorse».

Fare un identikit delle persone che chiamano è impossibile. «Il colloquio è sempre anonimo. I nostri volontari non vedono i numeri di telefono, né conoscono le identità di chi telefona. L’argomento trattato può far pensare a una fascia d’età ma non ci sono certezze». Così come non ci sono dati certi riguardo all'attività dello scorso anno. «Nel 2019 ci sono stati 12'123 colloqui d'aiuto del Telefono Amico a sud delle Alpi, mentre quelli a livello svizzero sono stati 181'000. I nuovi dati, nonostante la pandemia, non dovrebbero essere molto diversi da questi». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 min
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
9 min
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 ora
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
3 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
6 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
7 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
10 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
10 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
14 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
MAROGGIA
1 gior
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile