tipress
CANTONE
16.02.21 - 19:360
Aggiornamento : 05.03.21 - 12:13

«Riaprire a marzo? Non ci speriamo troppo»

La ristorazione non è ottimista sulle decisioni del Consiglio federale. Suter: «Noi ultima ruota del carro»

Per Gastroticino una chiusura fino a maggio «sarebbe comunque intollerabile» e l'obiettivo è salvare a tutti i costi la Pasqua

LUGANO - Chi dice marzo, chi maggio, chi giugno. Il toto-date sugli allentamenti sta facendo venire il mal di testa alle piccole imprese, e a quelle della ristorazione anche il mal di pancia. La road-map in "quattro tappe" proposta da Economiesuisse al governo, domenica, mette infatti i ristoranti nell'ultima tappa. 

«La cosa non ci stupisce, ormai ci siamo abituati». Massimo Suter, presidente di Gastroticino, trova «assolutamente inaccettabile» la proposta di posticipare a maggio la riapertura dei ristoranti. «Per la stragrande maggioranza delle aziende di ristorazione un'attesa così lunga comporterebbe danni praticamente irreparabili. Siamo stanchi di essere trattati come l'ultima ruota del carro». 

Oggi anche l'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (Usam) ha protestato, chiedendo una «riapertura completa» a partire dal mese prossimo. Ma sebbene i dati dei contagi promettano bene, lo scenario è ritenuto ancora poco probabile. «Non c'è troppo da illudersi su questa possibilità» ammette Suter. «Una simile concessione sarebbe per noi una sorpresa, di certo non ci speriamo».

Consapevole delle priorità federali, Gastroticino punta semmai ad avere garantita l'apertura pasquale, «assolutamente irrinunciabile». Un altro punto fondamentale, per l'associazione di categoria, è poi la chiarezza delle regole. «Non vogliamo un'apertura a yo-yo, dove gli orari cambiano da una settimana all'altra, e dopo un mese si debba poi tornare magari a chiudere» precisa Suter. «Le misure devono essere certe da subito, e a lungo termine. Quanto ai protocolli di protezione, quelli introdotti questa estate hanno dimostrato di funzionare bene e siamo più che disponibili ad implementarle». 

No alle mezze misure, invece. Una riapertura parziale limitata agli spazi aperti - le terrazze - sarebbe «scorretta» e creerebbe delle diseguaglianze. «Questa concessione favorirebbe magari diversi esercizi ticinesi, ma penalizzerebbe i ristoranti dei centri urbani e d'oltralpe» osserva il presidente di Gastroticino. «Siamo in generale contrari a provvedimenti che creino delle asimmetrie e fenomeni di turismo eno-gastronomico, come successo con le aperture serali in Romandia. Quando riapriremo, riapriremo tutti e come si deve».

TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
8 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
9 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
11 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
11 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
18 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
18 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
18 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
1 gior
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile