deposit
CANTONE
19.02.21 - 06:000
Aggiornamento : 11:32

Lo shock per la fattura salata e il grido d'aiuto

Oltre 25mila franchi per un debito di studi non saldato. Lo sfogo in rete, quindi il lieto fine

Ad oggi sono 825 le persone in Ticino che hanno contratto un debito per studiare. In media devono restituire oltre 10 mila franchi a testa.

BELLINZONA - Un grido d'aiuto affidato alla rete per un debito di studi non saldato. La fattura, salatissima (oltre 25 mila franchi), ha spinto una giovane a sfogarsi sui social generando un vero e proprio moto di solidarietà. 

Lo shock - La vicenda è sintetizzabile in pochi passaggi: scaduto il termine per la restituzione del prestito, l'Ufficio degli aiuti allo studio ha esercitato il suo diritto a riscuotere il pagamento. Non si trattava del totale del debito inizialmente accumulato, ma di poco più della metà (il resto era stato già pagato). Una cifra comunque enorme per la ragazza, tale da spaventarla. 

La chance - «In generale, per tutti i prestiti in scadenza al 31 dicembre di ogni anno che presentano un saldo a favore dello Stato, la Sezione delle finanze del Dipartimento finanze e economia procede con la procedura d’incasso. Questo vale anche per i debitori o le debitrici di prestiti di studio in scadenza, a meno che essi richiedano dilazioni o condoni», ci spiega - contattata - la direzione del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs). 

Un problema non insormontabile, quindi. «Alcuni contattano l'Ufficio degli aiuti allo studio già prima di questa scadenza esponendo le loro difficoltà economiche, altri lo fanno dopo. Quando il debitore o la debitrice segnala delle difficoltà economiche, anche con una semplice e-mail, l’Ufficio degli aiuti allo studio concede una dilazione di pagamento e sposta il termine ultimo di rimborso». 

Insomma, il Cantone fa il possibile per andare incontro alla richiesta di aiuto. «Se questa però non viene avanzata tutto si complica di molto», viene precisato.

Il lieto fine - Va detto, il caso in questione ha avuto un lieto fine. La rateizzazione dell’importo è stata concessa mettendo la ragazza nelle condizioni di poter autonomamente saldare il debito.

Debiti per quasi 8.5 milioni - Il suo caso, chiaramente, non è isolato. Sono infatti «825 le persone che hanno contratto un debito con lo Stato avendo potuto usufruire di un prestito di studio» ci riferiscono dalla direzione del Decs. 

Ad oggi, viene sottolineato, «sono in fase di incasso prestiti di studio per un totale di quasi 8.5 milioni di franchi». Insomma, circa 10’300 franchi a testa. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
25 min
Le incognite sono troppe, Estival Jazz getta la spugna
A confermarlo è l'organizzatore Andreas Wyden: «Non poteva essere fatto così come lo conosciamo»
CANTONE
1 ora
Allentamenti, Lega insoddisfatta: «Riaprire subito!»
Per il partito di via Monte Boglia il lockdown «non è più sostenibile» e nemmeno sostenuto dalla popolazione.
LUGANO
3 ore
Dieci giorni all'ex Macello: «Poi la polizia»
Scatta il secondo ultimatum del Municipio. Ma si slitta a dopo le elezioni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
3 ore
Grave incidente a Gudo, strada riaperta
Un'auto, dopo aver sbattuto contro il guardrail, è uscita di strada prima della curva a esse, finendo nella scarpata
CANTONE
6 ore
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
LUGANO
8 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
9 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
12 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
13 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
21 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile