Immobili
Veicoli
Imago
CANTONE
11.02.21 - 12:310
Aggiornamento : 14:50

«Violato il vincolo che s’instaura tra adulto e bambino»

Chiesti cinque anni e otto mesi nei confronti del 48enne alla sbarra per pedofilia

L’accusa: «Il suo è stato un comportamento estremamente grave»

LUGANO - Lo ha detto la perizia psichiatrica. E in aula lo ha ammesso anche l’accusato. «L’imputato è un pedofilo» ribadisce quindi il procuratore pubblico Roberto Ruggeri, che nei confronti del 48enne del Luganese alla sbarra per atti sessuali con fanciulli e coazione sessuale chiede una pena di cinque anni e otto mesi. «Il suo è stato un comportamento estremamente grave, ha violato il vincolo che s’instaura tra l’adulto e il bambino».

Si tratta di sedici episodi che riguardano due vittime, di rispettivamente sei e sette anni all’epoca in cui erano iniziati i fatti (si parla del periodo compreso tra il 2004 e il 2014). Una vicenda che è emersa dai successivi racconti della seconda giovane, sui quali si era poi concentrata l’inchiesta, come ricorda il procuratore. Nel momento in cui l’imputato era stato sentito dalla polizia, lui si era mostrato «collaborativo e trasparente, ma non al 100%». Gli altri fatti erano infatti poi emersi soltanto tre mesi dopo, quando è stata interrogata l’altra giovane.

L’accusa ricorda comunque che la versione dell’imputato diverge da quelle fornite dalle vittime soltanto per il numero degli episodi e per la loro durata temporale. «È impensabile che una ragazza che si trova confrontata con fatti di oltre un decennio prima si possa ricordare esattamente quante volte siano avvenuti» afferma, aggiungendo: «Non sappiamo se siano accaduti due, cinque o cinquanta volte, ma sulla base delle testimonianze è evidente che l’imputato si è trovato da solo con la minore in molteplici occasioni».

«Un gioco al ribasso» - La versione della vittima in questione - secondo Ruggeri - è «lineare e coerente». Mentre quello dell’imputato sarebbe invece «un gioco al ribasso volto a limitare le proprie responsabilità». E questo anche considerando che il 48enne non ha parlato spontaneamente di quanto accaduto con la giovane.

Per quanto riguarda l’accusa di coazione sessuale, il procuratore pubblico spiega che l’imputato avrebbe approfittato della sua posizione di persona adulta e fidata per «approfittarsi del corpo delle bambine e soddisfare così i suoi desideri sessuali». E lo avrebbe inoltre fatto, «banalizzando» gli atti, spacciandoli come la «normalità».

File scaricati e prodotti - L’uomo era stato anche trovato in possesso di materiale pedopornografico. Sui dispositivi sequestrati al momento dell’arresto, le autorità avevano trovato quasi tre milioni di file, di cui oltre 440’000 erano risultati illegali. Tra queste c’erano immagini scaricate dal web, ma anche prodotte da lui stesso con diverse bambine.

La richiesta di risarcimento - La rappresentante legale delle vittime - l’avvocato Maria Galliani (in aula c'è l'avvocato Demetra Giovanettina) - chiede un risarcimento per torto morale di rispettivamente 12’000 e 8’000 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOSONE
8 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
11 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
11 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
14 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
15 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
17 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
17 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
LUGANO
20 ore
Cede il letto a due profughe e ora dorme sul divano
Patrick Flachsmann, 48enne informatico di Besso, vive in un due locali e mezzo. Ora gli spazi si sono ridotti.
FOTO
LOCARNO
1 gior
Lo street food ha conquistato Locarno
Tanto caldo e tanto movimento al Festival del cibo di strada.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Le cantine hanno svelato i loro tesori
Si è tenuto il primo dei due weekend di Cantine Aperte, quello focalizzato sul Sottoceneri.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile