Deposit
BELLINZONA
08.02.21 - 06:000
Aggiornamento : 07:49

Quelle dispute sulla caparra quando l'inquilino se ne va

Dal ritinteggio ai danni all'abitazione. Come la cauzione depositata dai locatari diventa spesso, oggetto di contenzioso

di Redazione
SOFIA PELANDA MAZZA

BELLINZONA - L’avvocato Céline Dellagana-Rabufetti, segretaria generale e consulente presso l’Associazione Svizzera Inquilini, ci illustra quali sono i casi di controversia più comuni legati ai depositi garanzia che spesso possono insorgere tra locatori e locatari al termine di un contratto d’affitto.

Esiste una normativa chiara relativa alle cauzioni?
«Vi sono disposizioni molto accurate in materia di locazione, contenute nel Codice delle obbligazioni. Disposizioni atte a regolare, dall’inizio alla fine di un contratto, diritti e doveri di entrambe le parti, locatori e conduttori. Pertanto, anche nel caso delle cauzioni d’affitto, è la normativa che prescrive cosa può o deve essere fatto, cosa no e secondo quali condizioni. Voglio specificarlo, poiché le controversie iniziano spesso con inquilini uscenti che non riconoscono il diritto del locatore di trattenere il deposito. Tuttavia, la legge gli consente invece, con le giuste motivazioni, anche questa possibilità».

Se la legge è chiara, perché le controversie?
«Possono cominciare sia da un lato che dall’altro. Un caso comune, per esempio, vede la pretesa da parte degli inquilini di avere la cauzione immediatamente sbloccata al termine del contratto d’affitto, senza sapere che per legge il locatore ha diritto a trattenerla fino a un anno, durante il quale dovrà però fare, rispettando forma e tempistica, le dovute verifiche per accertarsi dell’assenza di danni e di pigioni non pagate. Qualora risultassero, possono essere sottratte dal deposito garanzia ma, solitamente, prima che il locatario acconsenta allo sblocco di questo risarcimento, chiede ulteriori accertamenti sulla legittimità della detrazione, che non sempre sussiste».

In che senso?
«Dal lato del locatore, può capitare che egli esibisca una decurtazione della cauzione adducendo a spese che, per legge, non sono deducibili da quest’ultima o che non sono a carico del locatario. Per esempio, un caso molto comune riguarda alterazioni delle pareti o disfunzionalità di elettrodomestici e mobili inclusi nella locazione. Ritinteggio dei locali o rimpiazzo di oggetti sono a spese dell’inquilino solo se da lui deturpati o danneggiati e non se si tratta invece di usura naturale derivante da un normale utilizzo nel tempo. Spesso, però, molti locatori ritengono di avere il diritto di ricevere al termine dell’affitto il bene tale e quale a come era stato consegnato inizialmente, tralasciando che, di fatto, il pagamento per poterlo utilizzare include per forza di cose anche l’usura normale».

Crede ci sia malafede?
«Non credo e anche se vi fosse, sarebbe comunque difficile identificarla. Direi piuttosto che, dal lato dell’inquilino, si tratta semplicemente di scarsa conoscenza della materia, ma questo è proprio il motivo per cui esiste la nostra associazione. Lo stesso vale per certi locatori, anche se meno giustificati, a mio avviso, poiché sapere dovrebbe essere parte del loro lavoro. Parlo di casi sporadici, tra i quali, purtroppo, non si possono escludere nemmeno i furbi che cercano di avvantaggiarsi dell’inesperienza degli inquilini».

La via alternativa della garanzia assicurativa
Per scampare a certe incomprensioni legate al deposito della caparra esiste anche l’alternativa per via assicurativa, come conferma l’avvocato Céline Dellagana-Rabufetti: «Invece di destinare una somma pari fino a un massimo di tre pigioni su di un conto bloccato a titolo di cauzione, all’inquilino viene data la possibilità di avvalersi dell’assicurazione. In questo caso corrisponderà un premio annuale che, tuttavia, non verrà restituito a fine locazione. Il vantaggio di questa modalità è che l’inquilino non è costretto a tenere bloccate su di un conto apposito somme cospicue di denaro per lunghi periodi». Tuttavia, urge una precisazione: «È bene sapere che, in caso di danni al bene è l’assicurazione che, previa conferma del conduttore, anticipa il risarcimento al locatore, ma poi la somma dovrà esserle restituita. Questo non è spesso chiaro all’inquilino, che poi si trova costretto a saldare l’anticipo», conclude la segretaria generale dell’Asi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Numeri primi 9 mesi fa su tio
La normale usura è e rimane a carico del locatore, purtroppo oggi sempre più ci troviamo confrontati con situazione che vanno ben oltre la normale usura. Pensiamo ad esempio a tutti i mobili moderni che vengono fissati alle pareti dei soggiorni! Pensiamo alla mancata minima manutenzione che deve fare il locatario! Qui possiamo aprire un dibattito.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
27 min
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
LUGANO
57 min
L'acqua potabile luganese costerà di più
Il 1. gennaio 2022 la tariffa aumenterà del 20%, sia per la tassa di base sia per quella di consumo
CANTONE
2 ore
L'USTRA «irrispettosa» nei confronti del Mendrisiotto
I deputati PPD della regione interrogano il Governo sul progetto per la corsia destinata allo stazionamento dei tir
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
12 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
14 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
18 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
18 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
19 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
23 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile