tipress
CANTONE
04.02.21 - 21:320
Aggiornamento : 05.02.21 - 07:16

Casi in calo. Ecco perché «non dobbiamo ancora riaprire»

Il virologo Christian Garzoni tasta il polso della pandemia. «Un caso su quattro è dovuto alla variante inglese».

Sui vaccini: «Probabilmente li dovremo ripetere come per quelli dell'influenza. Ma i dati disponibili oggi sono ancora incompleti per esprimersi».

LUGANO - «Abbiamo delle ottime notizie riguardo i casi, che sono effettivamente in calo». Il Virologo Christian Garzoni torna a tastare il polso di questa pandemia in atto. Le sue previsioni sono ottimistiche, ma invitano a tutte cautele del caso.

Calo "artificiale" - «Va ricordato - ha spiegato il direttore sanitario della clinica Moncucco ai microfoni di Radio Ticino- che i casi sono in calo perché siamo in una fase di chiusure importanti avvenute prima e dopo Natale. I numeri bassi in generale sono espressione non di una società senza virus, ma di una società che è stata chiusa artificialmente».

La preoccupazione per la variante inglese - Garzoni giustifica quindi le preoccupazioni del Consiglio federale: «I numeri sono sì bassi, ma questa variante inglese si sta diffondendo ed è ben presente. Oggi in Svizzera un caso su quattro e dovuto alla variante inglese. Ed è per questo che si impone la prudenza nelle aperture».

Ancora presto per riaprire - Per il virologo, vedere i numeri bassi e dire «riapriamo come prima» è sicuramente «una cosa che non si può fare». «Si potrà riaprire, con il dovuto buonsenso, tramite un programma chiaro di monitoraggio che preveda eventuali nuove chiusure e modulazioni a seconda di quello che succede» sottolinea.

Test a tappeto su numeri piccoli - Sui test a tappeto aggiunge: «Sono una buona idea per permettere una fotografia di un particolare momento. Il problema è che è impensabile testare 300 mila ticinesi in due giorni. Quindi test a tappeto sì, ma come ha detto la Confederazione, in situazioni mirate, cioé con numeri più piccoli. Per esempio in una casa anziani, negli ospedali o nelle scuole. Ovviamente scegliendo le realtà in cui si trova un caso e che potrebbe rivelare una piccola epidemia».

Preoccupati per «l’insistenza di chi pensa si possa tornare in tempi brevi alla normalità» i Verdi del Ticino, seguiti poi dall'Mps, con l’obiettivo di evitare la propagazione del virus tanto quanto la chiusura delle scuole, proprio oggi hanno invitato le autorità cantonali a «procedere ad esami a tappeto in tutte le scuole dell’obbligo, pubbliche e private».

L'incognita della durata - Sul futuro post vaccino Garzoni non si esprime: «I dati sono preliminari. Sicuro è che i vaccini che stanno arrivando in Svizzera hanno un'efficacia documentata per ridurre i casi gravi e i decessi. Questa è l'eccellente notizia che abbiamo già da settimane. Sono in corso studi per capire se permetta anche di ridurre la trasmissione del virus e di ridurre gli asintomatici. Poi manca il dato importante: sapere quanto dura. Si va nella direzione in cui questi vaccini andranno ripetuti nel tempo, un po' come quello dell'influenza. Ma ogni quanto andrà fatto, beh, è una domanda alla quale daremo risposta nei prossimi mesi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
3 ore
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
3 ore
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
LUGANO
5 ore
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
COMANO
5 ore
Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»
Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".
SONDAGGIO
CANTONE
6 ore
Col take-away, meno sciatori sulle piste
Stagione invernale col virus: nel comprensorio di Airolo-Pesciüm gli utenti sono calati del 40%
CANTONE
7 ore
«La nuova scuola di Amici del Kenya, con un occhio di riguardo per le donne»
Importante traguardo per l'associazione guidata dal locarnese Fabio Stefanini. Ecco il video e le foto.
CANTONE
7 ore
Il Cantone accetterà pagamenti in bitcoin
Luce verde da parte del Gran Consiglio a un progetto pilota con le cryptovalute.
LUGANO
7 ore
Metà classe in isolamento, malumori
Sette allievi positivi alla scuola elementare della Gerra a Lugano. I genitori scrivono al Decs
CANTONE
11 ore
«I reati finanziari sono un cancro per la società»
Il punto di Ministero pubblico e polizia cantonale sugli illeciti riguardanti i crediti Covid-19 e il lavoro ridotto.
COMANO
11 ore
Molestie e RSI: «Bisognerà chiudere i conti col passato»
Il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, si è presentato ai dipendenti e ha parlato del nuovo volto di radio e tv
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile