tipress
CANTONE
04.02.21 - 21:320
Aggiornamento : 05.02.21 - 07:16

Casi in calo. Ecco perché «non dobbiamo ancora riaprire»

Il virologo Christian Garzoni tasta il polso della pandemia. «Un caso su quattro è dovuto alla variante inglese».

Sui vaccini: «Probabilmente li dovremo ripetere come per quelli dell'influenza. Ma i dati disponibili oggi sono ancora incompleti per esprimersi».

LUGANO - «Abbiamo delle ottime notizie riguardo i casi, che sono effettivamente in calo». Il Virologo Christian Garzoni torna a tastare il polso di questa pandemia in atto. Le sue previsioni sono ottimistiche, ma invitano a tutte cautele del caso.

Calo "artificiale" - «Va ricordato - ha spiegato il direttore sanitario della clinica Moncucco ai microfoni di Radio Ticino- che i casi sono in calo perché siamo in una fase di chiusure importanti avvenute prima e dopo Natale. I numeri bassi in generale sono espressione non di una società senza virus, ma di una società che è stata chiusa artificialmente».

La preoccupazione per la variante inglese - Garzoni giustifica quindi le preoccupazioni del Consiglio federale: «I numeri sono sì bassi, ma questa variante inglese si sta diffondendo ed è ben presente. Oggi in Svizzera un caso su quattro e dovuto alla variante inglese. Ed è per questo che si impone la prudenza nelle aperture».

Ancora presto per riaprire - Per il virologo, vedere i numeri bassi e dire «riapriamo come prima» è sicuramente «una cosa che non si può fare». «Si potrà riaprire, con il dovuto buonsenso, tramite un programma chiaro di monitoraggio che preveda eventuali nuove chiusure e modulazioni a seconda di quello che succede» sottolinea.

Test a tappeto su numeri piccoli - Sui test a tappeto aggiunge: «Sono una buona idea per permettere una fotografia di un particolare momento. Il problema è che è impensabile testare 300 mila ticinesi in due giorni. Quindi test a tappeto sì, ma come ha detto la Confederazione, in situazioni mirate, cioé con numeri più piccoli. Per esempio in una casa anziani, negli ospedali o nelle scuole. Ovviamente scegliendo le realtà in cui si trova un caso e che potrebbe rivelare una piccola epidemia».

Preoccupati per «l’insistenza di chi pensa si possa tornare in tempi brevi alla normalità» i Verdi del Ticino, seguiti poi dall'Mps, con l’obiettivo di evitare la propagazione del virus tanto quanto la chiusura delle scuole, proprio oggi hanno invitato le autorità cantonali a «procedere ad esami a tappeto in tutte le scuole dell’obbligo, pubbliche e private».

L'incognita della durata - Sul futuro post vaccino Garzoni non si esprime: «I dati sono preliminari. Sicuro è che i vaccini che stanno arrivando in Svizzera hanno un'efficacia documentata per ridurre i casi gravi e i decessi. Questa è l'eccellente notizia che abbiamo già da settimane. Sono in corso studi per capire se permetta anche di ridurre la trasmissione del virus e di ridurre gli asintomatici. Poi manca il dato importante: sapere quanto dura. Si va nella direzione in cui questi vaccini andranno ripetuti nel tempo, un po' come quello dell'influenza. Ma ogni quanto andrà fatto, beh, è una domanda alla quale daremo risposta nei prossimi mesi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CAMPIONE D'ITALIA
1 ora
Via libera alla riapertura del Casinò entro la fine dell'anno
Il Tribunale di Como ha dato l'ok a un'eventuale riapertura della casa da gioco, chiusa nel luglio del 2018.
CANTONE
2 ore
Nessun treno fra Mendrisio e Melide
A causa di un problema alla linea di contatto il traffico ferroviario è attualmente interrotto.
BRISSAGO
5 ore
Folgorato sul lavoro, 21enne in pericolo di vita
Il ragazzo stava lavorando su un palo dell'alta tensione a 10 metri di altezza quando ha ricevuto una scarica elettrica.
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
I forti aiutano i deboli: dalla Confederazione arrivano oltre 50 milioni
Nell'ambito della perequazione finanziaria, al Ticino spetteranno 51,861 milioni di franchi.
CANTONE
6 ore
Ultimi giorni di un anno complicato
È l'ultima settimana di scuola in Ticino: il Decs fa il punto su come è andata
FOTO
CANTONE
7 ore
Il certificato Covid è arrivato anche in Ticino
Da oggi viene consegnato nei centri di vaccinazione. Chi è già vaccinato riceverà invece un SMS
CANTONE
7 ore
Anche oggi in Ticino meno di dieci contagi
Le autorità sanitarie segnalano sette nuovi casi e nessun decesso
LUGANO
11 ore
«Rispettate quella divisa»
Polizia stressata in riva al Ceresio. La denuncia del sindacalista Giorgio Fonio. E le conferme del comandante Torrente.
CADEMPINO
11 ore
Sfrattati a causa del Covid, ma gli aiuti non arrivano
Chiusi per mesi, riaperti con limiti insostenibili e poi sfrattati. Ma non soddisfano i requisiti dei casi di rigore.
BELLINZONA
1 gior
Sciopero delle donne, assedio al Castello
Slogan, manifesti e picnic. Le donne scendono in piazza contro la violenza di genere e parità salariale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile