tipress
CANTONE
29.01.21 - 08:000

Quasi 50 giorni di quarantena: «Forse i 10 giorni non bastano?»

La vicenda singolare di un militare a cui è toccato l'isolamento per ripetuti contatti con persone infette.

Fino a risultare lui stesso positivo al Covid: «Ora, dopo i 10 giorni a casa sono ancora positivo, ma nel frattempo ero tornato in servizio».

LUGANO - Una quarantena durata quasi 50 giorni. Non è uno scherzo, ma quanto vissuto da un militare ticinese negli ultimi mesi. Il primo periodo di isolamento, per lui, è arrivato in novembre. «Mi viene comunicato che devono mettermi in quarantena perché ho avuto contatti con un mio camerata risultato positivo al Covid-19» racconta.

G.* viene testato e risulta negativo. «Alla sera mi spostano con altri due "colleghi". Anche loro avevano avuto contatti con un positivo. Finiamo in una camera da tre letti, circa 20 metri quadrati». La sua quarantena di 10 giorni doveva partire, nonostante il test negativo, dalla data del contatto con il positivo.

Qualche giorno dopo vengono testati anche i due militari con lui in stanza. «Hanno aspettato 5-6 giorni per farlo», racconta. Il risultato? «Uno dei due è positivo. La mia quarantena riparte: altri 10 giorni di isolamento. Totale: 18 giorni di quarantena e ben 4 tamponi eseguiti, tutti con risultato negativo».

Il fortunato milite ritrova l'agognata libertà. Tutto procede nella ritrovata normalità. Alcuni giorni fa, in attesa di partire per entrare in servizio a Thun, viene contattato da un amico. «Mi chiama: ha fatto il tampone ed è risultato positivo». Arriva la telefonata del medico cantonale: «Mi annunciano l'inizio di una quarantena di 10 giorni, come da prassi. Sarebbe partita il 6 gennaio e avrebbe dovuto finire il 16 gennaio».

Anche questa volta il giovane sembra averla fatta franca: «Passano i giorni e io continuo a stare bene. Fino al 15 gennaio. Mi alzo la mattina con un forte mal di testa. Il giorno dopo sarei dovuto entrare in servizio, quindi decido di fare il test». Questa volta è positivo. Risultato? «Altra quarantena fino al 25 gennaio».

Il 26 parte per Thun. Non ha più sintomi. Per lui il Covid è stato lieve. «Appena arrivato mi fanno il test, come d'abitudine. Il giorno dopo ricevo il risultato: positivo. Devo fare altri 10 giorni di quarantena».

Oltre alla frustrazione G. non capisce più che pesci prendere: «Il virus è ancora potenzialmente trasmissibile? È da un anno a questa parte che facciamo isolamenti di soli 10 giorni... Non è che è per questo che ci sono sempre più casi di Covid?».

«Dopo 10 giorni non c'è più rischio» - «La confederazione svizzera ha deciso di optare per delle quarantene della durata di 10 giorni, per i pazienti che non vengono ospedalizzati, al termine dei quali non serve dover fare un secondo tampone - sottolinea l'infettivologo e direttore sanitario della Clinica Moncucco, Christian Garzoni -. Questo perché un tampone a fine quarantena può risultare ancora positivo in quanto va a cercare, e trova, microtracce di RNA del virus, anche se il virus è già morto».

«Gli studi - prosegue Garzoni - hanno dimostrato che la carica virale è molto elevata nei primi giorni, per poi svanire praticamente del tutto. Le tracce che vengono rivelate dal tampone a fine quarantena, quindi, creano confusione. Proprio per questo è un accertamento fortemente sconsigliato, in quanto sostanzialmente inutile se non addirittura foriero di inutili confusioni».

«Poi - conclude l'esperto - è il datore di lavoro (in questo caso l'Esercito), che può decidere per scrupolo di effettuare l'indagine al di fuori delle direttive. Le raccomandazioni ufficiali in questo senso sono chiarissime: dopo 10 giorni non c'è più rischio di contagio».

*nome noto alla redazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
È senza terrazza, come farà?
Lorenzo Albrici, chef stellato, da quattro mesi non guadagna un soldo. E anche il 19 aprile resterà "a bocca asciutta"
CANTONE
9 ore
Le incognite sono troppe, Estival Jazz getta la spugna
A confermarlo è l'organizzatore Andreas Wyden: «Non poteva essere fatto così come lo conosciamo»
CANTONE
9 ore
Allentamenti, Lega insoddisfatta: «Riaprire subito!»
Per il partito di via Monte Boglia il lockdown «non è più sostenibile» e nemmeno sostenuto dalla popolazione.
LUGANO
12 ore
Dieci giorni all'ex Macello: «Poi la polizia»
Scatta il secondo ultimatum del Municipio. Ma si slitta a dopo le elezioni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
12 ore
Grave incidente a Gudo, strada riaperta
Un'auto, dopo aver sbattuto contro il guardrail, è uscita di strada prima della curva a esse, finendo nella scarpata
CANTONE
15 ore
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
LUGANO
17 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
17 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
20 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
21 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile