«Con tutte queste restrizioni, stiamo distruggendo l'anima dei nostri giovani»
Depositphotos
CANTONE
21.01.21 - 20:450

«Con tutte queste restrizioni, stiamo distruggendo l'anima dei nostri giovani»

Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, ospite di Piazza Ticino. Guarda l'intervista video.

«Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Io sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà anche dopo la pandemia». 

LUGANO / GOETTINGEN - «Sono molto preoccupata per i bambini e per i ragazzi. Li stiamo facendo crescere con l'idea che "l'altro" sia un nemico. E ho anche il timore che dopo la pandemia faremo fatica a tornare ad abbracciarci o a stringerci la mano normalmente». Pensieri da Göttingen, in Germania. "Firmati" da Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, nonché insegnante all'Università della Svizzera italiana, a Lugano. Rigotti è stata ospite di piazzaticino.ch

È un'Europa che va avanti a suon di lockdown e semi confinamenti... 
«Sì. Sono anche preoccupatissima per il fatto che si chiami lockdown quella che di fatto è una sospensione dei diritti civili. Non mi sento trattata come una cittadina. Bensì come un suddito. In alcuni casi come una pecora. A me danno fastidio gli ordini. Quelli che se non li rispetti, ti sanzionano. Sono favorevole alle raccomandazioni, come fa la Svezia e come fa anche la Svizzera in parte».

La "famosa" Svezia però ha dovuto cedere. E ha introdotto a sua volta restrizioni...
«Sì. Ma sempre lasciando la responsabilità individuale alle persone. Non mettono il filo spinato sui parchi come ho visto fare in Germania. In Italia poi è ancora peggio. Stiamo distruggendo l'anima dei bambini, dei nostri ragazzi». 

Qualcuno potrebbe obiettare, però, che allo stesso tempo stiamo difendendo gli anziani. 
«Bisogna rendere consapevoli le categorie a rischio. Non chiuderle in "galera". E per preservare loro non si può distruggere tutto il resto. Sono disperata per quanto riguarda le nuove generazioni». 

Torniamo al modello svizzero...
«Da 26 anni insegno a Lugano. Sono legata alla Svizzera. A me il modello elvetico piace. Perlomeno da voi c'è un po' più di libertà. Va lodato anche il fatto che il vaccino non sarà obbligatorio. Altrove non è così. Io, se so che il vaccino non è imposto, lo faccio volentieri. A patto che in cambio possa ottenere di nuovo i diritti civili». 

In Svizzera sono state consegnate 90.000 firme contro la legge federale sulla pandemia. Qual è la sua opinione?
«Questo referendum è eccezionale. Si vuole dare il diritto di parola ai cittadini. Il ruolo degli esperti è importante in democrazia. Ma ancora più importante è quello del cittadino». 

Certo. Però il cittadino come fa a sapere cosa fare di fronte a una pandemia?
«E che ne sa il politico? Si fa consigliare dal medico. Ma anche il cittadino può farsi consigliare dai medici. Non tutti i virologi sono al servizio del Governo». 

Cosa ci dice della variante inglese?
«Non sono una virologa. Anche se sono circondata da medici "non allarmisti". L'importante è che non sia più virulenta. Io vedo bene una bella alleanza tra immunità di gregge e vaccino. Non possiamo continuare a spaccarci la testa per ogni variante che emerge».

Come vede il post pandemia?
«Sono preoccupata, come detto, per certe abitudini che potrebbero sparire. Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà a lungo». 

GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 min
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
12 min
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
LUGANO
1 ora
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
CANTONE
4 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
6 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
6 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
10 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
22 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
22 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
1 gior
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile