Giovani e Covid, quei momenti dove i controlli vengono meno
lettore tio/20minuti
CANTONE
22.01.21 - 08:440
Aggiornamento : 10:21

Giovani e Covid, quei momenti dove i controlli vengono meno

Nei bus come sardine. O a scuola, nelle pause, vicini e senza mascherine.

Da una parte «si fa il possibile e l'impossibile. Dall'altra «il rischio di contagio è chiaro».

LUGANO - L'arrivo in Ticino della variante inglese del Coronavirus ha ravvivato ulteriormente i timori per questa nuova fase di una pandemia che già ha messo a dura prova i nervi della popolazione. Ticinese e non.

Timori che non appartengono solo alle fasce della popolazione maggiormente colpite. Ma anche di quelle più giovani, che risultano essere meno "attaccabili" - almeno sotto il profilo della sintomatologia - da questo virus. D'altra parte, solo domenica veniva data notizia della chiusura di un intero istituto scolastico per la comparsa di un focolaio della variante inglese nel Mendrisiotto. Mercoledì la conferma di ulteriori 25 positivi riconducibili a quel focolaio, 11 dei quali proprio alla forma mutata del virus.

Stipati sui bus e con coetanei poco attenti - Complici ansie e preoccupazioni, vanno moltiplicandosi le segnalazioni di ragazzi che temono per la loro salute e per quella di chi gli sta vicino. I timori sono alimentati da quotidianità che li fanno sentire a rischio. Se da una parte si ricorda l'importanza dei dispositivi di protezione quali l'uso della mascherina e le distanze sociali, dall'altra si ritrovano ogni giorno ammassati sui mezzi pubblici e confrontati con coetanei che, appena possono, si liberano di quella mascherina per una sigaretta o due chiacchiere.

«Facciamo il possibile e l'impossibile» - Un esempio ci è arrivato ad esempio dal Centro Professionale Commerciale di Bellinzona (CPC). Le immagini sono inequivocabili. Tuttavia il direttore Roberto Cogliati invita a una lettura attenta: «È il ritratto di un momento, posso assicurare che non è la regola. Invito a venire a vedere i dispositivi che abbiamo messo in atto per garantire la loro sicurezza. Noi siamo attenti e interveniamo nel limite del possibile. Sul sedime scolastico, anche esterno, la mascherina è obbligatoria, è concessa la possibilità di toglierla giusto il tempo per la sigaretta o bere una bevanda e tenendo le distanze. Affinché queste misure siano rispettate facciamo tutto il possibile e anche l'impossibile.».

 Sulla situazione dei bus, Cogliati preferisce non rispondere: «Mi rimetto alla valutazione di chi ha le competenze per esprimersi su queste situazioni».

«Chiara possibilità di contagio» - A tal proposito è l'infettivologo luganese Christian Garzoni a offrire un veloce commento in merito: «Questo virus la una capacità di diffondersi quando i contatti sono ravvicinati. Sotto il metro e mezzo di distanza, quindi, è potenzialmente trasmissibile. Le distanze andrebbero mantenute e le mascherine tenute. Se le persone non rispettano queste regole vi è una chiara possibilità di diffusione del virus».

lettore tio/20minuti
Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Demolizione dell'ex Macello? Se ne parlava già a marzo
Nell'inchiesta sui fatti avvenuti a fine maggio spuntano alcune mail in cui si ipotizzava l'intervento
CANTONE
4 ore
«Sabato pomeriggio potrebbero essere violenti»
Avviso di maltempo per il weekend, preoccupa la situazione idrologica e sono in arrivo altri temporali.
FOTO
TENERO
5 ore
Sbaglia manovra e termina contro un muro, ferita una donna
L'incidente si è verificato nel posteggio di un supermercato.
FOTO
CANTONE
10 ore
Le faggete valmaggesi sono Patrimonio mondiale dell'Unesco
La riserva ticinese è stata ufficialmente iscritta nell lista, assieme a quella solettese di Bettlachstock
LUGANO
11 ore
La causa del crollo? «Probabilmente un difetto di progettazione»
Secondo un esperto, a causare il crollo della pensilina del benzinaio Coop di Noranco non sarebbe stata solo la pioggia.
CANTONE
11 ore
Coronavirus: prima morte dopo due mesi in Ticino
I casi sono 42 mentre i ricoverati sono 9 in tutto.
MENDRISIO
12 ore
Le frane sono due, Ferrovia del Generoso chiusa anche domani
Entrambi gli smottamenti sono avvenuti fra le stazioni di San Nicolao e Bellavista.
CANTONE
13 ore
«Per gli inquilini è un buon momento per tirare sul prezzo»
A Lugano appartamenti sfitti, in media, per due mesi. I padroni di casa non sono contenti
LUGANO
15 ore
L'arte ti fa bella, ecco come rendere originale una città
Oggi in pensione, Stefan Ferretti è stato per anni tra i creatori delle installazioni artistiche che animano Lugano
CANTONE
15 ore
La pandemia non spaventa gli amanti della Grecia
Poche o nulle le lamentele. Lo stesso per le cancellazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile