Foto 20min/Davide Giordano
CANTONE
18.01.21 - 15:370

«Vogliamo controlli sistematici alla frontiera»

È la rinnovata richiesta del Governo ticinese a Berna. Anche se la situazione epidemiologica sta migliorando

Il Consiglio di Stato è preoccupato per la presenza accertata della più contagiosa variante inglese

BELLINZONA - Oggi è scattato in tutta la Svizzera l'inasprimento delle misure anti-coronavirus: i negozi che non vendono beni di prima necessità sono chiusi e il telelavoro è obbligatorio. Eppure il traffico transfrontaliero stenta a diminuire. Ecco dunque che ieri il Consiglio di Stato ha scritto a Berna, esprimendo nuovamente la propria preoccupazione sulla questione del controllo alle frontiere, tuttora irrisolta: «L'attuale assenza di controlli sistematici rischia di ridurre l'effetto delle misure restrittive e gli sforzi profusi nella campagna di vaccinazione» si legge in una nota odierna.

La richiesta è quindi di introdurre controlli sistematici e anche di chiudere i valichi minori, «prevedendo fasce mattutine e serali di eccezione, in particolare nei valichi più utilizzati dal personale sanitario». Secondo il Consiglio di Stato sarebbe inoltre auspicabile sottoporre sistematicamente a test rapidi i viaggiatori che rientrano in Svizzera da viaggi all’estero, in particolare da aree a rischio, anche europee.

Nel frattempo si osserva un miglioramento della situazione epidemiologica: nelle ultime ventiquattro ore, per esempio, nel nostro cantone sono stati registrati 24 nuovi casi di coronavirus e sei decessi. Ma a destare preoccupazione - lo spiega ancora il Consiglio di Stato - è la presenza accertata della nuova e più contagiosa variante inglese.

Variante che ha spinto il Dipartimento della sanità e della socialità a introdurre nuove misure di protezione accresciute per le prossime settimane, vietando le visite nelle case per anziani, negli ospedali del settore acuto, nelle strutture di riabilitazione e negli istituti per invalidi.

Nella giornata di ieri inoltre, l’Ufficio del medico cantonale del DSS, d’intesa con il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport, ha posto in quarantena tutti gli allievi e i docenti della scuola media di Morbio Inferiore. La misura si è resa necessaria dopo che nell’istituto sono stati constatati 13 casi di positività, almeno due dei quali riconducibili alla «variante inglese». A seguito di tali decisioni il Consiglio di Stato ha tempestivamente deciso di introdurre il divieto di attività sportive con contatto fisico e quelle svolte in spazi chiusi di bambini e giovani fino al compimento dei 16 anni in tutto il Mendrisiotto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
35 min
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
59 min
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
CANTONE
1 ora
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
2 ore
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
CANTONE
2 ore
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
BEDANO
6 ore
Decide Google Maps, niente aiuti per il ragazzo
Sconti sull'abbonamento del bus per chi tra casa e scuola impiega più di 20 minuti a piedi. Beffa per alcuni.
CANTONE
6 ore
Sofferenza (e licenziamenti) dietro il sipario
Il lockdown culturale sembra senza fine. Le eccellenze artistiche in Ticino sono in affanno
CONFINE
13 ore
La Provincia di Como sarà zona arancione rafforzata
Chiuderanno le scuole in presenza. Anche Viggiù (Varese), finora in fascia rossa, passerà all'arancione.
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
«Riaprite i ristoranti, altrimenti i negozi faranno fatica»
I negozianti sono tornati al lavoro «con sollievo e la speranza di non dover nuovamente chiudere»
LOCARNO
17 ore
«Chiusi per Pasqua? Sarebbe una beffa»
L'Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli auspica la riapertura di bar e ristoranti per il prossimo 22 marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile