20Minuten
SOLETTA
18.01.21 - 11:010
Aggiornamento : 17:08

Le due bimbe uccise erano ticinesi

Dramma tra le mura domestiche: forti legami con la Svizzera italiana.

La mamma, presunta autrice del gesto, e il papà si erano trasferiti oltre Gottardo per questioni lavorative.

GERLAFINGEN (SOLETTA) - Quello di Gerlafingen, nel canton Soletta, è un dramma che ha sconvolto un'intera comunità. E che ha forti legami col Ticino. Le due bimbe in età scolastica trovate uccise nella mattinata di sabato sarebbero infatti figlie di due ticinesi. Si tratterebbe di una coppia trasferitasi oltre Gottardo per questioni professionali. 

Della mamma, presunta autrice del gesto e arrestata dalla polizia, si sa che era stata adottata da piccola da una famiglia del Sopraceneri. Stando ai vicini di casa, si tratterebbe di una donna che pareva essersi molto integrata nel quartiere solettese. Una zona residenziale popolata da svariate famiglie. Il padre delle sfortunate bambine, invece, sarebbe proprio nato e cresciuto in Ticino. 

La donna ha anche una terza figlia, nata da una precedente relazione e sopravvissuta alla tragedia. Ancora non si sa quali siano le cause che abbiano portato questa mamma a compiere un simile gesto. A Gerlafingen sono in molti a sostenere che la coppia di recente si sarebbe separata. La polizia solettese sulla questione mantiene il massimo riserbo. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
1 min
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
CANTONE
20 min
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
1 ora
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
CANTONE
1 ora
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
BEDANO
5 ore
Decide Google Maps, niente aiuti per il ragazzo
Sconti sull'abbonamento del bus per chi tra casa e scuola impiega più di 20 minuti a piedi. Beffa per alcuni.
CANTONE
5 ore
Sofferenza (e licenziamenti) dietro il sipario
Il lockdown culturale sembra senza fine. Le eccellenze artistiche in Ticino sono in affanno
CONFINE
12 ore
La Provincia di Como sarà zona arancione rafforzata
Chiuderanno le scuole in presenza. Anche Viggiù (Varese), finora in fascia rossa, passerà all'arancione.
SONDAGGIO
CANTONE
14 ore
«Riaprite i ristoranti, altrimenti i negozi faranno fatica»
I negozianti sono tornati al lavoro «con sollievo e la speranza di non dover nuovamente chiudere»
LOCARNO
16 ore
«Chiusi per Pasqua? Sarebbe una beffa»
L'Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli auspica la riapertura di bar e ristoranti per il prossimo 22 marzo.
CANTONE
20 ore
Denuncia "il malandazzo" in ufficio, parte la procedura di licenziamento
Sul caso avvenuto all'Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) l'MPS ha presentato un'interpellanza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile