tipress
CANTONE
16.01.21 - 18:070
Aggiornamento : 18.01.21 - 09:46

Telelavoro, cosa succede da lunedì?

Antenne alzate per l'obbligo introdotto da Berna. Il sindacato Ocst: «Segnaleremo le irregolarità»

Per i frontalieri è stato rinnovato "tacitamente" l'accordo amichevole tra Italia e Svizzera. Intanto l'Mps interroga il governo sui controlli nelle aziende

BELLINZONA - Il telelavoro è obbligatorio. Fantascienza, a pensarci solo un anno fa: ora è realtà, complice il Covid. Ma cosa cambierà effettivamente da lunedì (data di entrata in vigore delle misure) al primo marzo?

In un'interpellanza che brucia le tappe i deputati dell'Mps venerdì hanno chiesto al governo - in anticipo - quanti controlli verranno effettuati nelle aziende tra il 18 e il 24 gennaio, e quante infrazioni verranno riscontrate. L'obbligo - ricordano Matteo Pronzini, Simona Arigoni, Angelica Lepori - vale anche a tutela dei lavoratori particolarmente a rischio (che possono essere dispensati dall'impiego).

Nessuno ha la sfera di cristallo, certo è che anche i sindacati hanno le antenne alzate: «Durante lo scorso lockdown abbiamo ricevuto diverse lamentele di lavoratori, a cui era impedito il lavoro da casa» sottolinea Andrea Puglia dell'Ocst. «La differenza è che allora esisteva solo una raccomandazione. Ora abbiamo un obbligo, quindi ci sono più margini d'intervento sindacale. Evidentemente, segnaleremo eventuali irregolarità».

Le nuove norme sono rimaste sul vago, però, nel definire quando il telelavoro è possibile (quindi obbligatorio) o no. «Non c'è stata nessuna precisazione per il momento, si lascia molto al buonsenso dei datori di lavoro» secondo il sindacato. Un criterio determinante saranno senz'altro i costi - per l'azienda, e per il dipendente - oltre alla fattibilità. «Se attrezzare il lavoratore per lavorare da casa sarà troppo oneroso - prosegue Puglia - l'azienda potrebbe essere dispensata».

Infine un nodo riguarda i lavoratori frontalieri. Di norma, i titolari di permesso G sono sottoposti alla tassazione svizzera «soltanto se il telelavoro è inferiore a un quarto delle ore totali d'impiego». Oltre il 25 per cento, subentrano le aliquote italiane. In occasione della pandemia però, Italia e Svizzera hanno raggiunto un "accordo amichevole" che sospende provvisoriamente il limite. 

L'accordo «si rinnova tacitamente fino a che uno dei due Stati non recede, o comunque fino alla fine della pandemia» conclude Puglia. «Oggi i frontalieri possono lavorare a tempo pieno da casa, senza che loro o l'azienda debba sottostare a particolari imposizioni». 

L'ordinanza: 

Il Consiglio federale ha aggiunto l'obbligo del telelavoro all'interno dell'ordinanza sui provvedimenti anti-Covid. All'articolo 10, capoverso 3, si precisa che «qualora per la natura dell’attività ciò sia possibile e attuabile senza un onere sproporzionato» le aziende devo predisporre il lavoro da casa, adottando «provvedimenti tecnici ed organizzativi idonei». Non sono previste compensazioni sulle spese domestiche (gas, luce, affitto) a carico dei dipendenti. 

Qualora il telelavoro non sia possibile, all'articolo 27 dell'ordinanza 3 è previsto che i lavoratori "a rischio" siano dispensati dal lavoro, con stipendio pieno. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BELLINZONA
1 ora
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
BELLINZONA
3 ore
Forse c'è la svolta per i due "mostri"
Palazzine lasciate a metà in Viale Olgiati: tutto fermo da inizio 2019. Proprietaria vicina alla cessione del progetto.
CANTONE
3 ore
Aghi, inchiostro e quel vuoto (formativo) da colmare
Per diventare tatuatore a oggi non esiste alcuna formazione regolamentata e ufficialmente riconosciuta.
FOTO
BREGGIA
15 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
17 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
18 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
21 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
23 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
23 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
1 gior
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile