TiPress - foto d'archivio
BALERNA
14.01.21 - 14:400
Aggiornamento : 15:08

La "variante inglese" in casa anziani

A Balerna un residente positivo. Il caso risale a fine dicembre, ma i risultati delle analisi sono arrivati oggi

I sospetti nati da una «serie di casi in rapida successione» e una reinfezione. Metà del personale e tre quarti degli ospiti sono risultati positivi

di Redazione

BALERNA - C'è il primo caso di "variante inglese" da Covid-19 in una casa anziani, a Balerna. A comunicarlo, in una nota odierna, è il Dss.

Cinque giorni fa l’Ufficio del medico cantonale aveva ricevuto informazione che tre persone risultate positive in Ticino erano da ricondurre al ceppo inglese del virus. Ma ora, meno di una settimana dopo, la variante fa la sua comparsa pure in una struttura per anziani.

E le nuove varianti del coronavirus fanno paura, perché molto più contagiose. Bisogna contrastarle da subito per evitare una terza ondata pandemica, aveva detto ieri Alain Berset. In Svizzera la variante inglese circolava già (almeno) il 9 dicembre stando ai rilievi nelle acque reflue di alcuni ricercatori zurighesi e losannesi.

Per quanto riguarda la casa anziani di Balerna, il Dss comunica che è stato constatato un focolaio nei giorni scorsi, e un caso positivo è risultato essere riconducibile alla variante inglese del virus.

«L’analisi approfondita sullo striscio di un residente, risultato positivo a fine dicembre, ha confermato ieri la compatibilità con la nuova variante inglese del virus» si legge nella nota.

Il caso - precisa il Dss - era risultato sospetto per una reinfezione recente e una serie di casi secondari in rapida successione. Per questo motivo l’Ufficio del medico cantonale, d’intesa con la direzione del Centro, aveva provveduto a effettuare un'analisi approfondita del virus (sequenziamento) e a estendere l’indagine ambientale su tutta la struttura. Questo test a tappeto aveva confermato una rapida diffusione del focolaio, con circa la metà del personale e tre quarti degli ospiti positivi, nonostante le misure di protezione messe in atto. La casa per anziani è stata nel frattempo chiusa alle visite.

La conferma del ceppo inglese del virus sul caso di reinfezione è giunta ieri sera all’Ufficio del medico cantonale, che ha subito provveduto ad adottare le necessarie misure.

Si tratta in particolare di rafforzare il depistaggio sulla trasmissione del nuovo ceppo inglese, verificato che il caso dell’ospite citato non può essere ricondotto a legami diretti con altri possibili casi di variante inglese.

A tale scopo, il servizio di tracciamento dei contatti sta procedendo a raggiungere tutte le persone poste in quarantena a seguito di contatti stretti con residenti e collaboratori risultati positivi. Anche a queste persone viene offerta la possibilità di sottoporsi (gratuitamente) a un test PCR, informandole che vi è il sospetto che sono state in contatto con una persona positiva dovuta alla nuova variante del virus.

Che cos'è

La variante inglese, indicata con le sigle 20B/501YD1 oppure B.1.1.7, è caratterizzata da ben 23 mutazioni, 14 delle quali sono localizzate sulla proteina Spike. È comparsa in Gran Bretagna in settembre ed è stata resa nota a metà del dicembre scorso. Finora è stata identificata in 33 Paesi, compresa la Svizzera. Anche in questo caso a preoccupare è il fatto che la mutazione rilevata nella posizione 501 della proteina Spike può rendere il virus più contagioso.

Va ricordato che il ceppo inglese del virus non risulta essere più grave, bensì più contagioso. Richiede quindi un tracciamento dei contatti più intenso per evitare al massimo la sua diffusione.

TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
26 min
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
54 min
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
LUGANO
2 ore
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
COMANO
2 ore
Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»
Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".
SONDAGGIO
CANTONE
3 ore
Col take-away, meno sciatori sulle piste
Stagione invernale col virus: nel comprensorio di Airolo-Pesciüm gli utenti sono calati del 40%
CANTONE
4 ore
«La nuova scuola di Amici del Kenya, con un occhio di riguardo per le donne»
Importante traguardo per l'associazione guidata dal locarnese Fabio Stefanini. Ecco il video e le foto.
CANTONE
4 ore
Il Cantone accetterà pagamenti in bitcoin
Luce verde da parte del Gran Consiglio a un progetto pilota con le cryptovalute.
LUGANO
4 ore
Metà classe in isolamento, malumori
Sette allievi positivi alla scuola elementare della Gerra a Lugano. I genitori scrivono al Decs
CANTONE
8 ore
«I reati finanziari sono un cancro per la società»
Il punto di Ministero pubblico e polizia cantonale sugli illeciti riguardanti i crediti Covid-19 e il lavoro ridotto.
COMANO
8 ore
Molestie e RSI: «Bisognerà chiudere i conti col passato»
Il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, si è presentato ai dipendenti e ha parlato del nuovo volto di radio e tv
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile