tipress
CANTONE
14.01.21 - 12:170

C'è la coda per gli aiuti

Macellai, viticoltori, contadini, panettieri. Le associazioni di categoria scrivono al Consiglio di Stato

BELLINZONA - Un brivido corre lungo la catena agro-alimentare. Viticoltori, macellai, agricoltori, panettieri e pasticceri. Dietro ai ristoranti chiusi in Ticino c'è un'intera filiera in difficoltà, che ha preso carta e penna e ha scritto al Consiglio di Stato.

Sette associazioni di categoria hanno inviato oggi una lettera a Palazzo delle Orsoline, invocando aiuti urgenti. «I risvolti economici e finanziari dell’epidemia, nonché delle attuali misure intraprese per contenerla, sono una fonte di grande preoccupazione per le nostre categorie» si legge nella missiva. 

Con i ristoranti in lockdown, le ordinazioni durante la "serrata" decisa dal Consiglio federale «sono state e saranno pressoché nulle». Per questo si chiede di «adottare in tempi molto rapidi alcune misure di sostegno concrete» per «attutire l’impatto delle ricadute economiche negative».

Di seguito il testo dell'appello. Firmatari: l'Associazione Mastri Macellai e Salumieri, la Federazione Orto-Frutticola Ticinese, la Federazione Ticinese Produttori di Latte, la Società Ticinese di Economia Alpestre, la Società Mastri Panettieri Pasticcieri Confettieri, l'Interprofessione della Vite e del Vino e l'Unione Contadini Ticinesi. 

La lettera delle associazioni:

Onorevoli Consiglieri di Stato del Canton Ticino

Ci permettiamo attirare la Vostra attenzione, poiché i risvolti economici e finanziari dell’epidemia di coronavirus, nonché delle attuali misure intraprese per contenerla, sono una fonte di grande preoccupazione per le nostre categorie. Da diverse settimane, in particolare a decorrere dallo scorso 22 dicembre, è stato deciso di provvedere alla chiusura totale di bar e ristoranti, a cui va tutto il nostro sostegno, sull’intero territorio svizzero e ticinese. La diffusione dei contagi, così in Ticino come in Svizzera, non ha lasciato spazio a una situazione di breve durata.

In discussione vi è anzi stato il prolungamento di tale misura, che nella giornata di ieri è stata confermata dal Consiglio Federale sino a fine febbraio 2021. Quali associazioni di categoria, strettamente dipendenti anche dall’andamento degli esercizi della ristorazione e del settore turistico in generale, questo aspetto non ci può lasciare indifferenti. L’effetto di tale misura impatta infatti direttamente sui nostri canali di vendita all’ingrosso. Le ordinazioni da parte di ristoranti e bar di generi alimentari e di bevande, per tutto questo periodo di festività e verosimilmente per le prossime settimane, sono state e saranno pressoché nulle.

Con un simile impatto sulla domanda, l’attuale situazione ha il potenziale di creare incertezza in tutte le filiere, che quotidianamente lavorano per approvvigionare gli esercizi pubblici della nostra regione e non solo, aggravando ulteriormente i danni economici già ad oggi subiti, per esempio anche con l’annullamento degli eventi e dei congressi in programma. Inutile dire che le imprese che resisteranno, andranno incontro ad inevitabili ripercussioni sugli effettivi e anche sugli investimenti per i prossimi anni.

Servono dunque aiuti urgenti e di semplice implementazione, anche per chi non rientra tra i casi di rigore. Queste oggettive difficoltà ci portano a chiederVi sostegno, Onorevoli Consiglieri di Stato, nel verificare la possibilità di adottare in tempi molto rapidi alcune misure di sostegno concrete alle nostre filiere, che ci possano aiutare ad affrontare il prossimo futuro e che potrebbero perlomeno attutire l’impatto delle ricadute economiche negative generate dalle misure per affrontare l’emergenza sanitaria.

Anche in accordo con la Camera di Commercio e dell’Industria Cantone Ticino, ci teniamo a sottolineare l’importanza di non sottovalutare l’attuale situazione in cui versano anche le nostre categorie che, insieme, corrispondono a un settore primario importante per il Ticino, che non ha ricevuto un sostegno finanziario diretto durante la prima ondata, e di agire tempestivamente per mettere in campo tutto quanto possibile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Parla chi non ha voluto fare il vaccino
Salgono i contagi. Si teme il ritorno del lockdown. Cinque donne over 60 raccontano il loro disagio.
LOCARNO
10 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
11 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
11 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
15 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
21 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
21 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
22 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
23 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile